la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

“Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia…”

Allen Ginsberg, 1979

Allen Ginsberg, “Urlo” (“Howl”) La voce è tratta dall’omonimo film.

Completo questa breve disordinata e parzialissima visita alla beat generation e dintorni (qui e qui): non riesco a non chiudere con la poesia-manifesto da cui tutto è nato – e fa niente se non è proprio <così>, è uno dei tanti <così> di un fenomeno multiforme, di un percorso-sorgente dai tanti rivoli, genitore di molti fiumi, che ancora scorrono; o di cui, forse, oggi, stiamo assistendo alla fine, arrivati ad un mare ignoto (se non confondo l’esaurirsi di un percorso culturale con l’esaurirsi del mio personale percorso).

Mi scuserete, dunque, questo eccesso, quasi un accanimento. Si tratta, temo, di un Amarcord. Dopodiché cambierò orizzonte. Prometto. Farò del mio meglio.

Scuserete anche se tralascio il testo scritto, che è facile trovare. Queste sono parole da ascoltare. Anche, poi, volendo, da leggere.

Avevo tralasciato Allen Ginsberg (1926 – 1997), in questo mio disordinato trastullarmi con la mia giovinezza – solo apparentemente non ci stiamo, con gli anni; le cose, in Italia, arrivavano un po’ dopo, a quei tempi, per non dire che le mie amiche di allora avevano fratelli e sorelle maggiori che aprivano anche la nostra strada.

Avevo tralasciato Allen Ginsberg, dicevo e, nella fattispecie – “Urlo” – non per sottovalutazione ma perché, nella mia percezione, è qualcosa di già dato, per chiunque, è Il Manifesto, una dichiarazione dei diritti dell’uomo, qualcosa del genere: nella memoria e nel cuore di tutti.

Non è così, naturalmente, se non per la percezione distorta di una che (ma è un viziaccio della mia generazione, temo) finge cocciutamente un forever young. E che guarda – e lo sbalordimento non ha risposta – alla propria buona e tranquilla, tutto sommato, vita di piccola borghese forse con qualche senso di colpa ma anche no. Non ha importanza, in effetti. Non c’è nessun male a salvarsi.

È stato ieri: il Nobel a Bob Dylan ha avuto la caratteristica di una pietra tombale su quel percorso. Non l’ho percepito subito, ma è così. Oggi non ho dubbi.

Sta preparandosi ad aver voce una nuova generazione, una nuova voce sta già parlando ai sordi – non può essere che così – mentre si spengono gli ultimi fuochi di ciò che è stato.

Sarà una voce importante, e si leverà – avviene sempre così, nei tempi in cui tutto cambia – in un mondo che potrebbe, come sta facendo, reagire molto male.

Sarà, in ogni caso, una voce vincente; anche qualora avvenga (e di solito avviene) che i costi siano molto alti.

Un sola cosa ancora: sì, si sono viste menti distrutte dalla pazzia: ma quella generazione, che si è espressa con la voce della poesia e della musica,  è stata immensamente sana. E

fiduciosa. Sicura a suo modo della vittoria finale.  In un mondo di pazzi: gli altri.

 

 

______________________________

Nota: Se avete avuto la pazienza (sono circa venti minuti) di ascoltare: Rockland è dove aveva sede il manicomio di New York, che ospitava migliaia di persone. Ginsbgerg parla a Carl Solomon e ad altri compagni poeti che vi sono stati “ospiti” .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 commenti su ““Ho visto le menti migliori della mia generazione distrutte dalla pazzia…”

  1. Moon
    agosto 29, 2018

    Devo fermarmi, o leggerò tutti gli articoli stasera. Ma davvero complimenti per il blog. Mi fa sentire a casa…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 24, 2018 da in Poesia con tag , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: