la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Una voce che, dal nostro ieri, parla ora di noi

ingeborg-bachmann-poesie-guanda.jpgIngeborg Bachmann, “Tutti i giorni”. Da: “Il tempo dilazionato”, “Poesie”, a cura di Maria Teresa Mandalari, Ugo Guanda Editore 1978

 

Ingeborg Bachmann, una grande scrittrice del secolo scorso – che chiameremmo ‘contemporanea’ se la morte non l’avesse colta ancora giovane, a Roma, dove viveva, il 17 ottobre del 1973. Aveva 47 anni.

Una morte poco chiarita. L’incendio del suo appartamento, forse l’addormentarsi con la sigaretta accesa. Ustioni gravi, l’inutile ospedale.

Una poetessa che ha al suo attivo due sole raccolte di versi, “Il tempo dilazionato” (1953), da cui è tratta la poesia “Tutti i giorni” e “Invocazione all’Orsa Maggiore” (1956): poi, basta poesia. Aveva trent’anni e così decise. Nel tempo che le rimase, si espresse in una prosa preziosa, ma la cesura con la poesia fu netta. Scelta. Non revocata, per il suo tempo di vita.

Pure, quella cesura fu un’illusione, e la sua bellissima prosa la conterrà ancora tutta.

La sua poesia è stata parola ancorata al mondo, al suo tempo – dilazionato, guardato nei suoi più profondi recessi; ha portato la sua voce ad essere profetica, a un forte vedere, ascoltare, e sentire la valenza multipla, contraddittoria, della parola e della realtà.

Tutti i giorni”, è una poesia che oggi parla con voce quanto mai forte, nella contrapposizione tra uno stato di guerra, “inaudito” (e quanti significati, assegnabili a questo aggettivo/sostantivo!) e la possibilità di un rifiuto del potere, la possibilità di dire no: ma la parola scelta – “L’inosservanza (di tutti gli ordini)” varrà ‘disubbidire’ o non anche ‘distogliere gli occhi’? O non anche l’incapacità, se non il rifiuto, di vedere?

Ci dirà di medaglie assegnate “per la diserzione dalle bandiere, per il valore di fronte all’amico, per il tradimento di segreti obbrobriosi”. Ma, quali ‘bandiere’ saranno ‘disertate’ e, se ‘il valore di fronte all’amico’ fosse cosa buona (ma lo sarà?), i ‘segreti ‘obbrobriosi’, per essere traditi non avranno richiesto che ne fossimo custodi?

Le parole: Inge lo sapeva bene, quale rischio le parole! L’ambiguità ne tramuta i significati, e fa convivere l’eroe con l’indifferente, l’impotenza con il coraggio, forse, dove il tacere dei fuochi di guerra ha su di sé ‘l’ombra d’eterno riarmo’ e dunque è: inutile? provvisorio?

Yalta 1945. E tutto ciò che ne seguì. Che si ergeva allo sguardo della sua poesia; era il 1953 quando “Il tempo dilazionato” fu pubblicato.

La divisione del mondo in due blocchi. La guerra fredda. Ed oggi, dentro un altro mondo che, certo, Inge non avrebbe potuto pensare; oggi, dentro i rischi che la guerra continua, mai cessata e anzi rinvigorita, porta al suo/nostro mondo (non ce ne sono due, è sempre quello, lo stiamo condividendo con lei), oggi le sue parole mostrano, ancora, il permanere di Yalta nell’illusione Schengen, e la faticosa, fragile speranza che l’illusione si inveri nonostante ciò che di Yalta permane, a falsificarla, senza che il mondo sappia un muoversi aldilà.

 

Tutti i giorni

La guerra non viene più dichiarata,
ma proseguita. L’inaudito
è divenuto quotidiano. L’eroe
resta lontano dai combattimenti. Il debole
è trasferito nelle zone del fuoco.
La divisa di oggi è la pazienza,
medaglia la misera stella
della speranza, appuntata sul cuore.

Viene conferita
quando non accade più nulla,
quando il fuoco tambureggiante ammutolisce,
quando il nemico è divenuto invisibile
e l’ombra d’eterno riarmo
ricopre il cielo.

Viene conferita
per la diserzione dalle bandiere,
per il valore di fronte all’amico,
per il tradimento di segreti obbrobriosi
e l’inosservanza
di tutti gli ordini.

4 commenti su “Una voce che, dal nostro ieri, parla ora di noi

  1. elis19mr
    febbraio 10, 2016

    Che emozione trovare un blog dove si parla di Ingeborg Bachmann e delle sue poesie! Amo questa poeta, ma della sua prosa ho letto il niente. Voglio rimediare…

    Mi piace

  2. Ivana Daccò
    febbraio 10, 2016

    Felice di trovare qualcuno che conosce e ama la poesia di Ingeborg Bachmann. Per la verità, nei miei progetti c’è anche qualcosa della sua prosa, ma resto incerta sulla scelta. Finirò probabilmente per riprendere i racconti del volume “Il trentesimo anno” , escludendo il suo romanzo, “Malina”; Ma c’è anche la voglia di scegliere le Lezioni di Francoforte, in “Letteratura come utopia”. Oppure, potresti vedere tu.
    Una grande autrice, davvero, troppo dimenticata.
    Grazie dell’attenzione

    Liked by 1 persona

  3. elis19mr
    febbraio 11, 2016

    “Letteratura come utopia” è un titolo che mi attrae; mi sto concentrando su questo genere di lettura. Per esempio di Franco Fortini ho appena acquistato “Monologo della pazienza” la polemica sull’ermetismo, come mi attrasse a suo tempo (letto e riletto) “La letteratura come menzogna” di Giorgio Manganelli.

    Mi piace

  4. Pingback: “Cause di Morte” – Qualcosa su Ingeborg Bachmann | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 18, 2016 da in Poesia con tag , , , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: