la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Noi, il Libro e altri Vizi. Chiacchiere in libertà a spese di un problema reale

Dubito che questo pezzo abbia un senso, ma mi va di condividerlo. Suggerito da una conversazione privata, uno scambio sul tema della dipendenza, nella fattispecie dal fumo, e sull’opportunità di abbandonarla, ha dato luogo a un mio, privatissimo, momento di gioco a ritrovare, in letteratura, momenti di sostegno alla mortifera e piacevole pessima abitudine. Pezzetti d’autore che desidero condividere, in allegria, pure se il tema, poi, passando a parlare di libri, non ha alcunché di piacevole.

Alcuni giorni fa, nel corso di una conversazione – sul piacere del fumo, sull’utilità di abbandonarlo – qualcuno ha chiamato in causa “La coscienza di Zeno” – con riferimento alla famosa “u.s. – ultima sigaretta” – che il protagonista, paziente riottoso dello psicanalista Dottor S, ripetutamente fuma.

E mentre ricordavo, a mia volta, la battutaccia di Mark Twain per il quale “Smettere di fumare è facilissimo; io l’ho fatto centinaia di volte”, il mio pensiero (tenuto, sul momento, per me) è corso a un brano di “La montagna incantata”.

«” Non capisco davvero” asserì Carstop, “come si possa non fumare…ci si rimette, dirò così, la parte migliore della vita e in ogni caso un piacere squisito. Quando mi sveglio, sono lieto all’idea che durante il giorno potrò fumare, e quando mangio, di nuovo me la godo, anzi posso dire che mangio soltanto per poter fumare, anche se dicendo così esagero naturalmente un pochino. Ma un giorno senza tabacco sarebbe per me il colmo dell’insulsaggine, una giornata del tutto vuota e senza attrattive, e se la mattina dovessi prevedere: oggi non avrò niente da fumare…credo che non avrei neanche il coraggio di alzarmi, in verità, rimarrei a letto. Vedi: se hai un buon sigaro – s’intende che non deve sfiatare o tirar male, che è molto spiacevole – se hai un buon sigaro, dico, ti senti al sicuro, non ti può capitare nessun malanno. È come star coricati in riva al mare, stai appunto coricato sulla sabbia, e non ti occorre nient’altro, né lavoro né divertimento…Grazie a Dio, in tutto il mondo si fuma (…)”».

È seguito, sempre nel mio ricordo, un divertente pezzo di Mark Twain (su fumo e altri vizi), che potrebbe indure un fumatore a interrompere la sua dipendenza unicamente per la gioia di poterla riprendere, a distanza di pochi giorni.

In “Seguendo l’equatore” Twain ci fa sapere di aver trovato un buon modo per mantenersi in salute senza rinunciare ad un pacchetto di buoni solidi vizi: il fumo, l’alcool, nonché, temo, il piacere di bestemmiare (sic!). Egli aveva scoperto che, astenendosi per alcuni giorni (pochissimi!) da ogni vizio e da ogni stato di agitazione, aggiungendovi il digiuno e il riposo assoluti, poteva riprendere le sue amatissime pessime abitudini con tutto il piacere aggiuntivo della salute ritrovata.

A dimostrazione dell’efficacia del suo sistema di cura, Twain ci racconta la triste storia di una signora afflitta da una debolezza estrema che nessun farmaco riusciva a fronteggiare, e che egli aveva alquanto rincuorato assicurandole che, se avesse seguito le sue indicazioni, sarebbe perfettamente guarita.

“(…) le dissi di smettere di bestemmiare e di bere, di fumare e mangiare, per quattro giorni, e sarebbe guarita.

Ma purtroppo, il diavolo ci mise la coda:

“(…) così sarebbero andate le cose, lo so; senonché ella mi disse che non poteva smettere di bestemmiare, e di fumare e di bere, perché non aveva mai fatto nulla di tutto ciò. Ecco. Aveva trascurato i suoi vizi e non ne aveva nessuno. Ora che le sarebbero tornati utili, aveva esaurito le scorte. Non aveva nulla a cui attaccarsi. Era una nave che colava a picco senza che vi fosse alcun carico da gettare fuori bordo per alleggerirla. Diamine, sarebbero bastati un paio di viziucci a salvarla; ma era moralmente indigente”.

Il sorriso ci sta tutto. Ma il tema è serio, e per nulla divertente: la Dipendenza.

Dov’è che l’interdipendenza – lo scambio utile – diventa dipendenza – un rapporto mortifero di sudditanza?

Costantemente sul limite, noi inter-dipendiamo: da abitudini, ma soprattutto dagli altri, da coloro che hanno reso possibile la nostra vita, da coloro con i quali l’abbiamo, nel tempo, condivisa, da quelli che ci sono vicini; da coloro che la rendono ciò che è – tipo il governo del momento, di ogni momento: e come evitare che, ancora una volta, come per il tema-fumo, balzi alla nostra mente ciò che un libro ha impresso in tutti noi, anche in coloro che non lo hanno mai letto: “Tutti i maiali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri.

Il confine con la dipendenza, vincolante – dalle nostre abitudini, da rituali, da cose; da relazioni malsane, in generale – è, ad ogni momento, oltrepassato?

Un tema interessante. La dipendenza: una vale l’altra? E quanto ai danni che, si direbbe, ogni dipendenza, causa, ebbene, si ritiene che non possiedano tutte lo stesso peso; si conciona su quale sia accettabile e quale non lo sia, sui danni che l’una o l’altra causano. Si distinguono le dipendenze in base al loro grado di dannosità per l’individuo e/o per la società. Alcune dipendenze decadono, divenendo culturalmente obsolete; altre, o altre forme, subentrano. Alcune non vengono rilevate, altre sono culturalmente prescritte. Ambiti diversi: fumare, bere alcolici, giocare d’azzardo; ma anche coltivare un’igiene ossessiva, una cura abnorme del proprio corpo; dipendere da altri in forma parassitaria o, all’inverso, esigere dipendenza da chi vive con noi.

E leggere. E no, non si tratta di una forzatura. Anche leggere, ossessivamente, è un modo di dipendere: per necessità di fuggire qualcosa, di evitare l’ansia; per una necessità (pseudo)difensiva di frapporre un medium tra noi e l’altro.

Quando questo avviene, la nostra libertà di scelta svanisce; viene coartata; e ci si trova in balia di qualcosa che impegna il bisogno in luogo del piacere: e un libro (libercolo) vale l’altro. È la differenza che passa tra il piacere del buongustaio e il bisogno del bulimico, tra cibarsi e ingurgitare – cibo per il corpo cibo per la mente.

Capita anche con i libri: quando il bisogno incontra la moneta cattiva, questa scaccerà quella buona. Come diceva il nostro buon Carstop, lassù, a Davos, parlando del suo sigaro?

 “S’intende che non deve sfiatare o tirar male, che è molto spiacevole”

È un buongustaio, non un bulimico. Il suo è ancora un piacere, non una dipendenza.

Oggi, non possiamo considerare la lettura, di per sé, così come l’avremmo considerata solo alcuni decenni fa. Siamo in presenza di un mercato editoriale (mondiale) che produce libri-merce; una fattispecie a sé di libro: per cui un instant book, o un romanzetto di infima qualità, per non dir altro, verranno editati, tradotti in decine di lingue e venduti a masse di “lettori” nel mondo.

Siamo invasi da merci editoriali che non dovrebbero chiamarsi libri. E chi le pubblica non dovrebbe chiamarsi editore. Non li dovrebbero vendere le librerie. Così come il ristorante stellato mai venderebbe il panino del McDonald. Che ha le sue ragioni per essere venduto, ma è altra cosa dal pasto di un ristorante.

Ci sono i tanti perché del leggere. Non lo stesso per ognuno, nello stesso momento; non gli stessi per tutti.

Si suole ritenere che i diversi motivi che conducono alla lettura, i diversi usi del libro che ognuno fa in un certo momento siano, in ogni modo, sempre usi buoni, utili. Persino coloro che non leggono mascherano, nei limiti del possibile, la propria non frequentazione motivandola con una scusante – sempre la stessa, di massima: purtroppo, non ho tempo per leggere. Tra l’altro: pur non potendo essere vera in assoluto, la mancanza di tempo da trascorrere in compagnia di se stessi, come il libro richiede, in molti casi è pure un fatto reale. Viviamo in una società affaccendata, che mitizza un bisogno ansioso di produrre cose, fatti, relazioni. Che produce fattispecie varie di dipendenza, per l’appunto.

Per questa via, tra i non lettori e i (pochi) lettori si sta formando una estesa classe di consumatori bulimici di <oggetti a stampa> a forma di libro: che vengono chiamati “libri”.

Finirà per valere, anche per il libro, la negatività che ogni dipendenza porta con sé.

Oggi in Italia si legge poco? Peggio: si leggono troppi <non-libri> da ingurgitare velocemente allo scopo di occupare un tempo residuale. Parallelamente, si lascia cadere l’abitudine alla scrittura; e addirittura il dialogare assume sempre più la forma del post segnato dall’anonimato sui vari social, in sostituzione della relazione interpersonale; nel dialogo, nel piacere del confronto – anche online, certo – di un proprio pensiero con il pensiero altrui.

La dipendenza parassitaria uccide l’interdipendenza vitale: ma sono sorelle siamesi, impossibilitate a definire, e rispettare, il confine che le separa.

In realtà, non lo so. Qualcuno direbbe che cerco scuse, svio il discorso, per poter continuare a fumare in pace. Sono un’esperta di alibi e chiacchiere.

Ma il tema, anche se non lo so porre nel giusto modo, è reale.

11 commenti su “Noi, il Libro e altri Vizi. Chiacchiere in libertà a spese di un problema reale

  1. annaecamilla
    novembre 29, 2018

    scrivi benissimo! ho amato enormenente il tuo articolo. andrebbe pubblicato!!!

    Mi piace

  2. ilmestieredileggereblog
    novembre 30, 2018

    direi che fumare una sigaretta mentre leggi un buon libro (ma solo una, eh!!!) è una quasi dipendenza accettabile….. e lo dico solo perché so cosa leggi….

    Piace a 1 persona

    • Ivana Daccò
      novembre 30, 2018

      I vizi sono ciò che differenzia l’uomo dagli animali (a favore degli animali, va detto, ma l’importante è istinguersi). Il mio grande dispiacere, confesso, è di essere praticamente astemia!.

      Piace a 1 persona

  3. Alessandra
    novembre 30, 2018

    Bel pezzo. Quella frase di Mark Twain, riferita al fatto che vale la pena interrompere una dipendenza unicamente per la gioia di poterla riprendere, è troppo bella, è troppo vera…

    Piace a 1 persona

  4. Moon
    novembre 30, 2018

    Sulla dipendenza in tutte le sue sfumature ho pensato molto nella mia vita. Io ne ho centinaia , di dipendenze. Credo che nessuno ne sia immune, in qualche modo. Siamo esseri umani, dopotutto, dipendenti l’uno dall’altro anche solo per esistere, no? Ma non sono ancora venuta a patti per questo argomento. Grazie dell’articolo. Molto interessante, crea molti spunti di riflessione

    Mi piace

  5. Aussie Mazz
    novembre 30, 2018

    Articolo molto interessante! Credo che non ci siano dubbi sul fatto che alcune dipendenze siano più gravi di altre, anche sulla base di analisi mediche e scientifiche oggettive, intendo.
    Sono anche d’accordo su quanto dici sui “libri”, ma resta sempre il solito dilemma. Chi stabilisce cos’è un libro e cosa un “libro”? E con che autorità?

    Mi piace

  6. Ivana Daccò
    novembre 30, 2018

    Cos’è un libro? Credo che possano esserci dei criteri, ovviamente indipendenti dalla scelta, che ognuno di noi compie, in merito ai contenuti, secondo i gusti e le preferenze di ognuno.Parlo per me, ci sono grandi capolavori che, personalmente non amo, così come libri, meno celebrati, o per niente celebrati dalla critica, che apprezzo.
    Ma esistono, ad esempio banalmente, grammatica e sintassi; esistono editing curati; esiste la cura del periodo; esiste una qualità di scrittura.
    Apri un grande discorso. Importante. Che apre la strada, anche, al tema, inaccettabile e pericoloso, della censura.
    Credo che rifletterò sull’argomento, cercando di tornarci. Sperando, magari, che qualcuno lo riprenda.
    Grazie del contributo.

    Mi piace

  7. Letizia
    dicembre 6, 2018

    Bellissime riflessioni, come sempre, con tanti spunti di riflessione. In questa pagina, come sempre, si respira aria pulita, e si pensa.
    Mi aggancio all’ultima parte, quella in cui si menziona il consumismo “letterario”, e fermo restando che i libri – per la mia visione – devono semplicemente intrattenere e trasportarci lontano non per forza devono avere dentro messaggi “alti” – concordo. E proprio oggi, riflettevo su come, di pari passo, anche i blog che di libri si occupano stanno andando tristemente in quella direzione, di frettolosa pubblicazione, all’inseguimento delle mode, e di “followers” che servono più per fare numero che per condividere davvero le emozioni che i libri ci hanno donato. Per questo adoro questa pagina, perchè come in un salotto letterario d’altri tempi si discorre, si confrontano opere simili, si propongono chicche preziose. Grazie, Ivana, per proporre sempre discussioni stimolanti a chi viene a farti visita.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: