la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Il giorno si apre con un grande lutto per la cultura italiana

Umberto Eco

 

Non leggeremo più un nuovo libro né un fondo di Umberto Eco; una manciata di allegria, di serissime parole per scherzo; non verremo più colpiti da riflessioni, apparentemente a caso, cui non potrà seguire replica ma solo pensiero, che si insinuerà, senza parere, nelle nostre coscienze, aiutandoci a non abbrutirle, e insieme a non prendere troppo sul serio la riflessione che ci viene regalata, insegnando il dubbio sacro, l’abitudine a mantenere aperte le domande e le soluzioni.

Cosa sarà di tutti i suoi libri? Soprattutto di quella strana, grande, bellissima collezione di idee sbagliate che nei tempi l’umanità ha profuso e che il nostro ha raccolto, con cura, con amore, dove anche l’orrore per certi abomini del pensiero si sposa con l’amore per un’umanità che – tutti, sempre, anch’io, sembra dire lui – pensa a sbando (la sentite la parolaccia che non ho osato? Temevo la bacchettata sulle dita del professore). Se lo domandava lui stesso, in un bel libro scritto con Jean Claude Carrière – “Non sperate di liberarvi dei libri. Se volete, qui ne trovate una recensione

Per me, tra i suoi tanti grandi lavori, stamattina ho recuperato “Diario minimo”, il primo, 1963 (ehi! Il professore, al tempo, aveva trent’anni e poco più, ed era quell’Italia lì! Non era facile scherzare, non così!) e mi sono riletta “Nonita” (non ve lo ricordate?) e ora passerò a “Elogio di Franti”. Umberto Eco, il ‘maestro’, che si è nutrito di insegnamento, che ha nutrito studenti e non, che ci lascia mentre è ancora, sempre, al lavoro, sempre nascondendo, sotto una raschiante divertente ironia, la sua ricchezza di amore da regalare. Di capacità di sperare.

Consola, poco, troppo poco, la sua parola che ci rassicura: i libri, cartacei, da mettere in tasca, da spiegazzare, da segnare con pieghe alla pagina, che non si perda il segno, da rovinare con commenti a margine, sottolineature, a matita se possibile, anche se non li ripuliremo mai – i libri, diceva, non ci lasceranno mai. Rallegra, la concretezza che pone nel rassicurarci: “Vorrei che si salvasse in particolare la possibilità di bagnarsi il dito, che è fondamentale. E’ una soddisfazione orale, un retaggio della nostra infanzia. In fondo potremmo dire che leggiamo libri perché non possiamo più mettere in bocca il ciuccio.

Ci sarà una nuova Casa Editrice – La nave di Teseo – a farlo vivere. Speriamo. Attendiamo. L’ultimo grande regalo di una vita regalata non “alla cultura”, ma proprio a noi, a tutti, uno ad uno.

Ciao, professore, manchi già tanto. Ora dovrò cercare tutti gli articoli – i coccodrilli, e vedo già il tuo ghigno – che raccontano di te.

Mi scusi, mi accorgo ora che dovrei darLe del Lei. Scusi ancora. Almeno, non è un coccodrillo. È solo che le voglio bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 20, 2016 da in Sugli autori con tag , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: