la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Con Valentino Zeichen, a Villa Borghese

valentino-zeichenMi scopro a riprendere da dove ho lasciato. Brutta cosa l’autocitazione! Che, tuttavia, mi trova obbligata, dovendo dipanare un pensiero che si era interrotto su un punto interrogativo. Su di un “forse” – solo forse, leggo troppo. Forse, solo forse, dovrei – rileggere e rileggere fino ad imparare a memoria? Prendere dentro di me, trasformare in carne e sangue la parola? Quella che serve. Quella che posso contenere. E restituire.

E mi si presenta la fantasia che, nel leggere meno, prende dentro di sé il trattenere, conservare, riparare – da altri, occultare, anche? – e il suo inverso, che parla del bisogno di condividere, scambiare, aggiungere vita, restituire; lungi da un’analità nevrotica, da fantasie sul trattenere, da agorafobie che, ecco, una qualche attrattiva posseggono pure e dunque, almeno un po’, in alcuni momenti, necessari, ci possono stare; piccoli frammenti di solitudine, dove abbozzolarsi in se stessi.

Nel leggere meno c’è quel leggere più che abita la Poesia, la densità dei significati, il gioco della loro possibile frammentazione, ricomposizione. C’è il <luogo> che consente ai libri di librarsi e dà ali potenziali, perché no, ali potenti – alle pagine. Che consente il trattenere e il restituire. Magari in un parco, all’aperto; nella solitudine, possibile e anche no, dell’agorà.

Che, nella stagione fredda, possiede altri luoghi; esistono divani nei Musei, ci viene ricordato – nei puntini di sospensione; c’è anche il Caffè (“Il Caffé delle Arti / guarì i lettori forti /ex spostati cronici / in cerca di un posto / che persino li scrittura!). E la densità del “meno” può espandersi, far compagnia a lungo, trovare strade, percorsi. Consentendo il rimanere con sé e fuori di sé.

 

Valentino Zeichen, In “Casa di rieducazione”. Milano, Mondadori 2011

Villa Borghese

(…)

È probabile che nel mondo

Esistano molti più libri che non volatili in natura,

e se un giorno o una notte

questi miliardi di volumi

richiamati da ignote sirene

d’una civiltà bibliofila,

i libri si librassero in aria

per prendere il volo?

Essendo le pagine di carta

già ali potenziali,

lo stupore graverebbe

a lungo su di noi.

Turbato dall’eventualità,

ho fatto trapanare

la mia opera completa

dal legatore di libri,

suggerendo due buchi

da parte a parte

per poterla incatenare.

E ora la porto al collo

appesa a una catenella

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 29, 2016 da in Poesia con tag , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: