la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Una voce per ogni giardino, e per ognuno di noi

Al giardino non l'ho ancora dettoPia Pera, «Al giardino non l’ho ancora detto», Ponte alle Grazie 2016

 

Al giardino non l’ho ancora detto – / Non ce la farei. / Nemmeno ho la forza adesso / Di confessarlo all’ape.

Non ne farò parola per strada- / Le vetrine mi guarderebbero fisso – che una tanto timida – tanto ignara / abbia l’audacia di morire.

Non devono saperlo le colline – / dove ho tanto vagabondato – né va detto alle foreste amanti / Il giorno che me ne andrò –

e non lo si sussurri a tavola – / né si accenni sbadati, en passant, / che qualcuno oggi / penetrerà dentro l’ignoto.

Emily Dickinson, in “Poesie religiose

_________________________________

Pia Pera è morta, all’età di sessant’anni, il ventisei luglio di quest’anno.

I versi di Emily Dickinson avevano aperto, per lei, il tema della morte, in un suo tempo che non conosceva ancora il proprio limite. E nella Premessa a questo libro – diario di un tempo che vive il percorso alla propria fine – racconterà di come quella poesia la colpì “con la forza di una rivelazione. Mi parve contenesse un atteggiamento rivoluzionario verso la morte”.

Da lì, verrà lo sviluppo di un pensiero che, nella malattia, nel confronto con il limite di ogni giorno, che ogni giorno si spostava e precludeva e restringeva il fare, otterrà che non venisse precluso il vivere; verrà la scrittura di pagine che, riconoscendo l’orizzonte della vita, ne costituiranno un inno, insieme ad una apertura indeterminata dell’essere al mondo che, relativizzando, allentando, la corazza dell’identità, avrebbe restituito possibilità, gioia per l’esperienza dei sensi, dello sguardo rivolto al ciclo della natura; e una grande vitalità capace di fronteggiare anche i momenti dell’angoscia, della disperazione, del rifiuto.

Con il pensiero del, sul, giardino; il pensiero per ciò e per chi (come il cane, Macchia) dipendeva da lei; un pensiero che virerà, in tanti pensieri, nel farsi dell’esperienza e nel chiudersi dei suoi spazi. Sempre agiti.

Che fortuna, in generale, che non sia possibile scrivere tutto quello che passa per la testa, senza disciplina, senza ombra di rigore, mentre ci si aggira in giardino. Perché spesso sono solo fantasticherie, rêveries prive di sostanza e costrutto. È la mente che si riposa giocando, prendendo tutto quello che capita a tiro per farne costruzioni inconsistenti come bolle di sapone. (…) Pensieri e immagini fluttuano, sbadigliano, si stiracchiano, godono dell’assenza del sorvegliante. Libera uscita. Se ci si incapriccia di immaginare il giardino pieno di aspettative che noi potremmo deludere, che male c’è, è una fantasia affettuosa. Certo smussa lo sgomento in agguato”

Avevo scelto di attendere per parlare di un libro che, testamento di una vita che raggiunge il suo termine anzitempo, esprime grande bellezza e potenza, evocativo di valori.

La notizia della morte, pur attesa, di Pia Pera, mi ha raggiunto mentre stavo terminando questo suo libro; e mi ha portato sia il bisogno di porre un tempo di sospensione prima di terminarne la lettura sia, a seguito, ad escludere il pensiero di poterne scrivere nell’immediatezza. Ho sempre sperimentato una personale difficoltà nel parlare di qualcuno al tempo della sua morte, pur comprendendo che si tratta del momento giusto per farlo, in cui offrire voce alla commemorazione, alla condivisione della memoria, per mantenerne e fondarne la persistenza.

Ora, terminato il libro, so che, per poterlo veramente chiudere, è quasi necessario poterlo fare in compagnia, condividendolo.

Pia Pera

Pia Pera. Foto corriere .it/cultura/16 luglio 26

Pia Pera, classe 1956, scrittrice, traduttrice di romanzi dell’800 russo, è, è stata, per me, poco più di un nome che significava un blog, http://www.ortidipace.org/ (interesse curioso e saltuario per una come me, dotata di un pollice verde spesso capace di uccidere per buona volontà distratta qualsiasi pianta non ami sopravvivere da sé contro tutto e contro tutti); significava un vecchio libro di racconti, «La bellezza dell’asino», Marsilio 1992,  caduto di fatto nella dimenticanza e, constato, sparito dai miei scaffali. Un prestito non rientrato? Possibile. Ora sto attendendo il postino per recuperarlo.

Un’autrice, dunque, che avevo dimenticato, fino alla pubblicazione di questo suo libro-diario-testamento dal titolo tanto evocativo. E fino al trovarmi immersa in un testo che, da solo, giustifica una intera vita di scrittura; un libro che avevo tenuto in disparte, per una lettura “privata”, credendo di avere un tempo davanti a me, un tempo, ancora, dell’autrice; mentre riflettevo, attraverso le sue parole, sul tempo mio.

Pia Pera, a un certo punto della sua vita sceglie di abitare una vecchia casa di famiglia, in campagna, nella zona di Lucca, e dedicarsi alla cura di un grande orto-giardino, attività nella quale ha investito una filosofia di vita, condivisa attraverso il suo blog e attraverso un’intensa attività divulgativa, realizzata attraverso libri che non ho letto (ancora) e attraverso attività con le scuole, le carceri, con gruppi, per lo sviluppo di orti sociali, sulla base di un pensiero semplice e, come tale, rivoluzionario per la nostra società. Questo: che chiunque coltivi un orto, anche quando tale attività sia dettata da esigenze di sopravvivenza come accadde per quelli che furono chiamati “orti di guerra”, in realtà lavora per la pace; e che dunque ogni orto è un “orto di pace”, è il frutto di un lavoro che crea relazioni tra le persone, nel rapporto con la natura e con la comunità di appartenenza.

Alla fine di questo suo percorso, è arrivata, ha scelto di arrivare, a questo libro. Iniziato come riflessione-diario, dopo che, attraverso incertezze e spazi di speranza rivelatisi inutili, le era stata diagnosticata la SLA, Sindrome Laterale Amiotrofica e la certezza di un percorso, per un tempo limitato e limitante, verso l’abbandono di sé nel mondo e l’abbandono di quel mondo – il suo giardino – la cui vita e la cui identità dipendevano da lei; quando la memoria ha recuperato i versi della Dickinson che tanto l’avevano colpita, in un tempo diverso.

Mi trovo ora alle prese con un libro che non voglio “dire”. Perché dice un tempo di vita che evolve e non può essere fissato; e dice di un pensiero che evolve, di una persona impegnata ad adeguare il proprio esistere al cambiamento, facendo vita di questa esperienza, intensa, piena; perché nulla, di questo percorso, può essere fermato in una sintesi, se non la personale lettura che ognuno ne farà, per sé, per la propria unica realtà e la propria unica esperienza del lutto – per la diversità dei tanti modi in cui si viene lasciati, per un non aver potuto, o saputo, accompagnare o per l’esperienza di un accompagnamento che si sarebbe voluto diverso; per ciò che tutto questo porta, ad ognuno di noi, nel pensiero identitario e impossibile del proprio non esserci; per la ineffabilità dell’esperienza più comune nella vita di ognuno e di tutti, e dell’esperienza più taciuta e respinta, nel nostro mondo. Che qui, venendo accolta, se pur con fatica e dolore, mostra tutto il suo essere parte fondante della vita.

L’esperienza della dipendenza, fisica, del chiudersi dell’autonomia del corpo e delle sue funzioni; quando “anche il giardino sta scemando: tutto cresce incontrollato, si va perdendo il sia pure sommesso disegno.”

Ma non voglio raccontare. Se non  i versi di Robert Louis Stevenson che chiudono questo libro –  non i soli di queste pagine:

___________________________

“A letto d’estate”

“D’inverno mi alzo la notte /e mi vesto alla luce gialla della candela / D’estate è tutto il contrario, / mi tocca andare a letto di giorno.

Mi tocca andare a letto e vedere / gli uccellini saltellare ancora sull’albero, / Oppure sentire i passi dei grandi / Che se ne vanno ancora per la strada.

Ma non vi pare brutto / Col cielo così chiaro e azzurro / Quando si vorrebbe tanto giocare / Dover andare a letto di giorno?”

 

 

 

 

 

8 commenti su “Una voce per ogni giardino, e per ognuno di noi

  1. gilda.m
    agosto 12, 2016

    Queste sono Recensioni, le uniche che amo leggere… bellissima, grazie… mi hai fatto conoscere una personalità che non conoscevo, me l’hai presentata così bene da farla entrare dentro pur non sapendo niente fino ad oggi di lei, e mi hai incuriosito al punto che ora invece vorrei capire nascere più che se possibili di lei e penso che leggerò anch’io questo libro-diario. 🙂

    Liked by 2 people

  2. gilda.m
    agosto 12, 2016

    “Sapere più cose possibili di lei” scusami…

    Liked by 1 persona

    • Ivana Daccò
      agosto 12, 2016

      Grazie a te, anche perché desidero molto condividere questo libro, rispetto al quale mi sono sentita impari, nel provare a parlarne. Mi piacerebbe moltissimo se mi facessi sapere il tuo parere, quando lo avrai letto.

      Liked by 1 persona

      • gilda.m
        agosto 13, 2016

        Sì quando lo leggerò ti farò sapere… 🙂

        Mi piace

  3. dragoval
    agosto 12, 2016

    Non c’è vita
    che almeno per un attimo
    non sia immortale.
    La morte
    è sempre in ritardo di quell’attimo.
    Invano scuote la maniglia
    d’una porta invisibile.
    A nessuno può sottrarre
    il tempo raggiunto.

    Wislawa Szymborska

    Liked by 3 people

  4. Letizia
    agosto 13, 2016

    Ho sentito tanto, tanto parlare di questo libro, che ancora non ho avuto il piacere di leggere. Bellissima ed emozionante la tua recensione, meravigliosi i versi della Dickinson citati all’inizio ed altrettanto meravigliosa la lettura che ne dà Pia Pera: “atteggiamento rivoluzionario verso la morte”.
    Sempre più decisa ad accostarmi a questa scrittrice.. grazie per la recensione!

    Liked by 1 persona

  5. Ivana Daccò
    agosto 13, 2016

    Grazie a te, sempre sperando di condividere la lettura di questo libro e di questa scritttrice.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: