la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Buon Natale a tutti noi

Non so perché, quest’anno, cosa che non mi accade mai, sento il bisogno di augurare Buon Natale a tutti. Non Buone Feste. Proprio “Buon Natale”.

Nello stesso momento sento, forte, la consapevolezza che no, non è possibile. Che solo un ascolto silenzioso del Natale in un mondo silenzioso sarebbe una cosa buona, per chi è legato a una fede e per tutti gli altri.

Troppo di tutto va male. Mentre non so da dove, non so perché, sento il mio augurio provenire da una strana, illogica, speranza. Di un tempo che sta giungendo, che ha la possibilità di essere un tempo buono.

Se faccio silenzio, il mio Buon Natale forse si trasmetterà. A ognuno il suo.

Stasera ho guardato la TV. La7 trasmetteva “La vita è meravigliosa” di Frank Capra (costa poco? Diritti scaduti?) e me lo sono guardato, commuovendomi senza ritegno, presa tra l’immagine bella di una provincia americana che non c’è più e, se anche non ci fosse mai stata, che veniva propagandata così: non ditemi che era poco. Ricordando che nel frattempo, in quel mondo, imperversava il maccartismo, che creava da sé i suoi anticorpi. Vuoi vedere che Trump funzionerà da vaccino?

Tempi diversi ma la potenza e i denari di Hollywood funzionavano già benissimo allora nel creare immagini di buoni sentimenti per un giorno, da insegnare ai bambini, e non solo, quando a tutti si insegnava anche a parlare ammodo, a misurare le parole, e l’angelo Clarence poteva avere con sé, e poi lasciare in regalo, un libro, appena pubblicato, dice lui – l’angelo Clarence fa un po’ di confusione oppure in Paradiso il libraio non è molto aggiornato. È dovuto scendere ad aiutare un uomo, siamo nel 1946, la guerra è finita, tornano gli eroi: e Clarence, angelo di seconda classe, ancora senza le ali, ha con sé “Le avventure di Tom Sawyer” di Mark Twain, fresco di stampa del 1876.

A proposito di libri per ragazzi. Ho amato molto questo libro, e anche il suo seguito, “Le avventure di Huckleberry Finn” e ora mi accorgo di ricordare la grande emozione di queste letture ma non le storie.  Non proprio. Se ne sono andate, con la mia infanzia, rimanendo tuttavia in un qualche loro modo con me. Sono, me. Io sono tutti i bei libri che ho avuto la fortuna di leggere.

Resta il desiderio di augurare Buon Natale a tutti e un sentimento che mi chiede di non farlo. Per la difficoltà a distinguere, per la difficoltà a prescindere da tutte le luminarie, gli addobbi, i pacchetti regalo che si ammonticchiano.

A Como, ma anche da molte altre parti, si è provveduto affinché i poveracci non disturbino le coscienze e la vista dei consumatori festaioli a passeggio per acquisti.

Pure, la gioia dell’acquistare regali per i bambini fa superare qualunque vergogna.

Altra cosa! Quello è il Babbo Natale della Coca Cola: e nessuno dice Buon Babbo Natale.

Ma chi lo confesserebbe mai ai bambini! Lo sapranno presto. Fingeranno ancora per un po’ con i loro adulti, piacerà farlo agli uni e agli altri. Perché no. In seguito, ci si scambieranno regali senza ricorrere a figure magiche e sarà, o potrebbe essere, ancora più bello.

E tuttavia: “Regali”, non “Doni”: non è la stessa cosa.

Ma anche Doni. Con le persone che amiamo. Ed è bello.

Così come è bello augurare davvero Buon Natale, mentre la luce del giorno si allunga a poco a poco e tutto rinasce. E perché no un Bambino, tutti quelli che nascono oggi e in ogni altro giorno dell’anno? Chissà cosa ci porterà ognuno di loro.

Canticchio una canzone di Natale, da figlia dei miei tempi. Cerco il video.

Le parole e le immagini si scoordinano, mescolando i quattro di Liverpool che si scambiano pacchetti regalo a profluvio sotto un albero illuminato con le figure severe di John Lennon e Yoko Ono che espongono il loro cartello: War is over.

Oggi l’apparato di registrazione, il coro, i costi di produzione, si percepiscono tutti; e pesano. Non mi si salva neppure una canzone?

Non va. C’è stato un tempo in cui pareva che anche una canzone servisse; e non è stato così.

O forse sì. Forse è servita. Con tutte le altre. Con gli auguri di Buon Natale. Come il ricordo e la memoria da mantenere di una possibilità.

È ancora una buona canzone, con la possibilità intramezzata; e la contraddizione fa sempre bene. Contiene la verità.

Mi par bene anche il bianco e nero. I colori dovremo metterceli noi.

Buon Natale, dunque. Dal profondo del cuore.

 

8 commenti su “Buon Natale a tutti noi

  1. Paroledipolvereblog
    dicembre 25, 2017

    Cari auguri🎁

    Mi piace

  2. Serena Lavezzi
    dicembre 25, 2017

    Tanti auguri!

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      dicembre 26, 2017

      E’ bello commuoversi, ringiovanisce. Per un bambino nuovo che arriva, pienamente voluto, è meraviglioso.
      Buon Natale! Possibimente ogni giorno dell’anno, tanti buoni natali!
      Un abbraccio

      Mi piace

    • Ivana Daccò
      dicembre 27, 2017

      Grazie! Auguri a te!

      Mi piace

  3. libra63clan
    dicembre 25, 2017

    Condivido quello che hai scritto, compreso il meraviglioso ricordo della sensazione di leggere Tom Sawyer da piccola. Hai trovato proprio le parole giuste per una giornata che a me risulta sempre di difficile gestione, e per questo ti ringrazio.
    Ieri sera non ho guardato il film di Capra, temevo di commuovermi… ma il Natale mi ha teso un’imboscata e colpito lo stesso: un’amica mi ha mandato la foto del neonato adottato dalla figlia e che è entrato a far parte della famiglia proprio ieri. Buon Natale!

    Mi piace

  4. ilmestieredileggereblog
    dicembre 26, 2017

    Buon Natale Ivana…. all’ultimo minuto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: