la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

“E’ stato. Non sarà più. Ricorda”

Paul Auster, “L’invenzione della solitudine”, Einaudi 1997

L'invenzione della solitudineHo scelto di leggere, e poi proporre, quest’opera di Paul Auster non avendo finora letto nulla di questo autore (uno tra i grandi della letteratura americana contemporanea) e mi domando cosa me ne ha fatto sempre rinviare la lettura. Domanda peregrina, mentre invece so bene cosa mi ha portato a scegliere di leggerlo ora: il fatto che si tratta del marito di Siri Hustvedt e il fatto che lei venga presentata, sia stata presentata (credo e spero non lo sia più) come ‘moglie di’ ha mosso la mia voglia di andare a vedere.

E ho scelto questo libro perché il tema mi interessa – la relazione padre figlio, l’assenza del padre (oggi tema frequentato; al tempo in cui questa narrazione autobiografica-diario è stata pubblicata forse non lo era altrettanto). E forse anche perché è stato la sua prima consacrazione: quando è stato editato Paul Auster scriveva già da molti anni, ma non aveva ancora avuto riscontri significativi; aveva pubblicato poesia; aveva lavorato come valido traduttore di autori francesi; aveva sicuramente molto lavorato alla propria scrittura ed era un intellettuale accreditato. Ma è stato con “L’invenzione della solitudine” che si è fatto conoscere dalla critica e dal pubblico.

In seguito, con “La trilogia di New York” la statura di grande scrittore di Paul Auster è stata definitivamente consacrata e, ad oggi, egli è uno tra gli autori più prolifici e più noti del panorama letterario.

Così, mi sono trovata alle prese con un libro che ho faticato a leggere e di cui confesso che le ultime venti pagine possono dirsi ‘scorse in velocità’, ‘tirate via’ più che lette e del quale, sinceramente, non consiglierei ad alcuno la lettura: non perché non sia un libro dalla scrittura pregevole, con brani che si fanno apprezzare, ma perché, pare a me, non facilita alcun coinvolgimento.

Diviso in due parti – “Ritratto di un uomo invisibile” e “Il libro e la memoria” – il libro raccoglie il vissuto dell’autore sul suo essere figlio, nel momento in cui si trova a vivere la morte, improvvisa e prematura, del padre; e dell’essere padre, nel momento in cui il suo matrimonio sta vivendo la crisi che ne decreterà la fine.

In “Ritratto di un uomo invisibile”, l’autore parla della morte del proprio padre che, improvvisa, apre una faticosa riflessione sull’essere figlio di un padre assente e si misura con il bisogno di ricostruire la vita di un uomo a lui di fatto sconosciuto, vivendo la voragine emotiva del dover violare l’intimità di una persona (una casa da vuotare, cassetti da aprire, oggetti di cui recuperare la memoria). Misura così la relazione o, come in questo caso, la mancata relazione e la chiusura di un tempo per conoscersi, che non ci potrà più essere.

Nasce il bisogno del ricordo, della ricostruzione di una vita, da compiere attraverso le cose, gli oggetti, le foto, pezzi sparsi di memoria, per capire e trovare quel padre indifferente: nella storia dell’infanzia di quel padre emergerà un fatto sconosciuto, che ne modificherà l’immagine, restando la domanda, che verrà svolta nella seconda parte del libro, sul significato e sul vissuto dell’esperienza della paternità.

In queste prime settanta pagine, la lettura (di fatti concreti, dei sentimenti che vi si accompagnano, degli avvenimenti che circondano le occupazioni che una morte porta con sé – prete, esequie, parenti) il lettore (va bene: diciamo ‘io’) vive una specie di distanza-disagio. Sperimenta la lettura di un diario privato, che parla solo per (e dovrebbe essere riservato solo a) chi scrive, su di un’esperienza che, possedendo come possiede un aspetto di universalità, non viene dotata di una struttura che tenga conto del lettore da guidare nella condivisione e nel riconoscimento di un vissuto, troppo intrisa com’è di particolari (‘quella’ morte, ‘quel’ padre, ‘quella’ casa, ‘quella’ storia, i cui aspetti universali restano non attinti).

E il lettore (va bene: ‘io’) non riuscirà a identificarsi, non troverà vissuti segnati dall’universalità dell’esperienza espressa con le parole “E’ stato. Non sarà più”, espressione riuscitissima che verrà ripetuta a chiusura del libro con l’aggiunta: “Ricorda”.

E la chiusura della prima parte di questa opera diaristica lo esplicita. Auster, al tempo giovane padre di un bambino di pochi anni e alle prese con un matrimonio che sta disgregandosi, guarda il figlio dormire. Ha smesso di scrivere e si propone: “Chiedersi che farà di queste pagine quando sarà abbastanza grande per leggerle”. Ecco: è questo. Sono pagine private, da lasciare, storia della famiglia, al proprio figlio.

Segue la seconda e più consistente parte: “Il libro e la memoria”. E qui la scrittura c’è tutta. Eppure.

Appunti, sulla propria vita degli anni giovanili a Parigi e fino ad un presente pregno dell’esperienza di essere padre; con la domanda, che la sua esperienza di figlio impone, su come e quando si diventa padri.

Il tutto è diviso in “Libri”: 13 più 1 brevi capitoli, a tema, costruiti su pensieri e racconti di e su esperienze, gli anni di Parigi, la povera stanza in cui, diciottenne, sperimentò “le infinite possibilità di uno spazio limitato”. E poi, l’esperienza della paternità, l’esperienza della possibile morte di un figlio. E i modi e i tempi, le circostanze di una crescita del suo essere uno scrittore, nel confronto-incontro con grandi scrittori del passato. La traduzione, con parti riportate, di una quarantina di frammenti dell’opera incompiuta di Stephane Mallarmé per la morte del figlio bambino, “Pour un tombeau d’Anatole”.

Un libro difficile da leggere perché, anche qui, scritto, sembra, per sé; intriso di citazioni (dalla Bibbia, dal Libro di Giona, dal Libro di Geremia, da Collodi, passando per Mandel’štam, Hölderlin, la Cvaeteva…) un mondo che richiede conoscenza e fatica al lettore e che, per la verità, sembra interrompere la comunicazione sul tema per privilegiare una meta-comunicazione che sostenga la figura dell’autore, disturbando un testo per altri versi molto bello, che lo poteva davvero essere.

Non è tanto il mio parere quanto il mio vissuto su questo libro. Ma ho riflettuto molto su ciò che ho scritto, e confermo. Resta la necessità di leggere opere posteriori di Auster, sicuramente. Non immediatamente.

.

3 commenti su ““E’ stato. Non sarà più. Ricorda”

  1. Alessandra
    aprile 7, 2015

    Ciao Ivana. Ho scoperto da pochi giorni il tuo blog e sto leggendo con interesse le tue belle analisi. Personalmente apprezzo molto lo stile narrativo di Auster e anche le sue trame per certi aspetti insolite, che spesso partono da fatti casuali per poi dipanarsi in modo imprevedibile e complicato. Per conoscerlo meglio in questa veste, ti consiglierei di leggere la Trilogia di New York, dove le tematiche ricorrenti sono quelle della solitudine, della memoria, della scrittura, della doppia identità, il tutto impostato in modo alquanto originale. Poi non è detto che debba per forza piacerti, ognuno ha i suoi gusti, ma vale sicuramente la pena di conoscerlo attraverso altre sue opere. L’invenzione della solitudine non l’ho letto, ma forse potrebbe interessarmi per capire meglio la sua natura di uomo oltre che di scrittore, visto che ha dei risvolti più intimi e autobiografici. 🙂

    Liked by 1 persona

  2. viducoli
    settembre 4, 2017

    Ciao Ivana.
    Come vedi sono andato a leggere la tua recensione su Auster e anche qui mi ritrovo.
    In Leviatano ovviamente il taglio è meno privato, ma permane la stessa sensazione di un autore che fa ruotare tutto attorno a sé.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: