la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Giochiamo?

2527-1275536166cK8PProlegomeni a “Infinite Jest”, di D.F. Wallace (2)

Durante i viaggi, ma ancor più dentro i libri, si incontrano altri, da conoscere, che ci parlano e con cui, a nostra volta, parliamo. Ci sarebbe molto da dire sulla relazioni che si formano, viaggiando dentro un libro, sulle identificazioni e sui respingimenti, sui riconoscimenti di possibili diversi modi di rapportarsi al mondo, da cui trarre suggestioni. Senza dire che, dentro un libro, si viaggia anche nel tempo.

In questo viaggio gli incontri sono infiniti. Al termine, sarà forse difficile ricordarli tutti; persino durante il viaggio si rischieranno figuracce, non riconoscendo qualcuno che abbiamo già incontrato e con cui avevamo stabilito una relazione. Dunque meglio prendere appunti. Farsi una qualche forma di diario di viaggio. Come peraltro solitamente tutti facciamo: appunti, foto, raccolta di menu, oggetti, souvenir, cappellini, sassi e conchiglie.

Il problema, in questo viaggio, è che si tratta di un viaggio-puzzle (il termine mi è stato suggerito da un’amica, mentre parlavamo di questo libro-ossessione). Occorrerà arrivare alla fine perché tutte (o quasi) le tessere vadano al loro posto. E tuttavia, questo rende maggiormente pregnanti gli incontri, che avvengono apparentemente, solo apparentemente, al di fuori di una trama, di un percorso, che si evidenzieranno poi, formando un disegno. Un puzzle per veri esperti, e io non lo sono, dal numero infinito di pezzi.

Gli incontri. Mai, in assoluto, avremmo cercato tali compagni di viaggio. Vogliamo definirli spiacevoli? Assolutamente sì. Eppure no. Da dove viene la simpatia? Da dove, soprattutto, una strana, inconsulta, identificazione. Perché li conosciamo? Impossibili, improbabili, mai stati.

Il protagonista è un mondo, e un tempo, da conoscere: per questo si viaggia. Loro ne sono gli abitanti. Non i protagonisti. Quando ne parleremo, dopo, tornati a casa, diremo ti ricordi il tale? che famiglia quella!, poi quei bambini, e quel gioco, Eschaton, ne hanno fatto un videoclip, sai, lo trovi qui. Ti ricordi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 21, 2015 da in Parliamone con tag , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: