la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Fatti del nostro oggi, fatti di sempre

Bertolt Brecht, Poesie politicheBertolt Brecht, “Poesie politiche”, Einaudi 2015.

Ci sono argomenti, della quotidianità, che non possono andarsene; necessariamente, sono presenti almeno in un angolo non trascurabile della mente di ognuno: comunque la si pensi, il tormento è là.

Il tormento si chiama “gli Altri“, che si presentano non come concetto ma come corpi menti storie parole incontri, contrasti. Come domanda. E non se ne vogliono, non se ne possono andare. Ed è fatica immane il pensiero, il ricordo, di essere (stati) proprio noi quegli stessi altri, in altro tempo, altro spazio, altro dolore, altra vergogna, che si fatica a cacciare. Qualcuno si sforza di più; qualcuno troppo. Qualcuno, un poeta, insiste – la sua voce risuona nel tempo, dal passato, recente o meno – e non permettere che si dimentichi.

internopoesia.com ha proposto questa poesia di Bertolt Brecht, “Sulla denominazione di emigrante” (qui), che vorrei invitare a leggere – in un sito che, lo dico per chi non lo conosca, consente di iniziare ogni giornata con il viatico di una poesia. Non è poco.

Ogni storia di una propria patria e di un proprio tempo, ognuno dei modi che portano all’esilio, tutti diversi, ha la stessa matrice – è guerra il conflitto armato tra stati, è guerra la fame, sono guerra da cui fuggire le politiche di oppressione, è guerra il male individuale che porta ad andare.

Il modo dell’esilio che ha portato Bertolt Brecht a scrivere non è <altro> rispetto ai modi dell’oggi. Ed è il modo che, anche dentro l’accoglienza, spinge ognuno di noi a vedere alcuni altri come diversi, per la paura di vedere un sé che fa male.

Nel frattempo, in Italia è stata approvata, ancora solo alla Camera, una nuova legge sulla cittadinanza, la quale afferma (con le parole della giurisprudenza, in modo che vengano, se del caso, poco o diversamente comprese) che un popolo è formato dalle persone che vivono insieme in un territorio, dove lavorano e fanno famiglia, e stringono relazioni, e parlano tra loro la lingua dei propri figli, vale a dire del futuro, e scambiano aiuto, e progettano e realizzano; e dunque, per necessaria conseguenza, chiamano quel luogo, e la sua lingua: ‘casa’.

C’è ancora un pezzo di strada da fare, per tutti noi. E tornano bene le parole di Bertolt Brecht, poesia? racconto? dove c’è un altro – altro da lui, altro da questi che oggi arrivano, come arrivavano (arrivavamo) ieri e come sarà domani; le parole dove c’è un tale, un ‘lui’ che facilmente possiamo sentire come un ‘noi’ che, ancora facilmente, può diventare un ‘io’.

L’esame per ottenere la cittadinanza

A Los Angeles davanti al giudice che esamina

   coloro

che vogliono diventare cittadini degli Stati Uniti

venne anche un oste italiano. Alla domanda:

cosa dice l’ottavo emendamento, rispose:

1492. Così venne mandato via. Ritornato

dopo tre mesi gli posero la domanda: chi

fu il generale che vinse nella guerra civile? La sua

   risposta fu:

1492. (Con voce alta e cordiale). Mandato via di

   nuovo

e ritornato una terza volta, rispose

ad una terza domanda ancora:1492. Orbene

il giudice, che aveva simpatia per l’uomo, si

   informò

sul modo come viveva e venne a sapere: con un

   duro lavoro. E allora

alla quarta seduta il giudice gli pose la domanda:

quando

fu scoperta l’America? e in base alla risposta

   esatta,

1492, l’uomo ottenne la cittadinanza.

 

 

 

S

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 15, 2015 da in Poesia.

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: