Abraham B. Yehoshua, “Il tunnel”, Einaudi 2018

Traduzione di Alessandra Shomroni

 

Il libro stava da un po’ di tempo, sul mio tavolo, in attesa. Era un ottimo libro, che mi doveva regalare, come infatti è avvenuto, un buon tempo di lettura dal quale, senza scosse, avrei ricavato di che trattenere, sviluppare, pensieri e, sì, un utile, vivificante permanere di domande prive di ansia e di risposta: pacificate direi; disponibili ad attendere il proprio tempo, avendo trovato almeno uno, due punti fermi, capaci di dare un senso, personalissimo, alla vita.

La comparsa, Yehoshua

Abraham B. Yehoshua, «La comparsa», traduzione di Alessandra Shomroni, Einaudi 2014

Ho letto alcuni mesi fa questo bellissimo romanzo di Yehoshua, non osando scriverne senza prima averlo lasciato deporre, dentro di me, e averlo, a tempo debito, riletto. Sapendo che lo rileggerò ancora.

È un romanzo, a una prima lettura, piacevole, che si gusta come una compagnia, una conversazione, un brano musicale; ci accompagna, senza sforzo, a conoscere una donna, e lo fa rendendo immediatamente percepibile il potervi disseppellire una grande ricchezza di letture, tante domande, su di sé e sull’altro. Si cammina, per le strade di Gerusalemme, alla ricerca del conoscere l’altro e del conoscersi, incontrando la città, la gente, i cambiamenti.

bibliotoca casaFine e inizio anno con molte letture, soprattutto con belle riletture. Inizio anno anche, come accade sempre, con la voglia, il bisogno, un po’ confuso, di cambiare qualcosa, di rinnovare qualcosa.

Per me, in questo momento, bisogno totalmente ingiustificato, poiché sono reduce da alcuni mesi travolti da una ristrutturazione di casa, vecchie tubature e affini, il che giustifica, dovrebbe giustificare, il desiderio di dire adesso basta cambiamenti, voglio star tranquilla.

Non so se è chiara l’implicazione di questa cosa, e come a suo modo abbia a che fare con queste pagine e queste chiacchierate: per un periodo di oltre tre mesi, tutti i miei libri, salvo un consistente mucchietto messo in salvo per rimanere a mia disposizione, sono finiti in un triste e oscuro deposito, con mobili, guardaroba, suppellettili, cianfrusaglie e tutto ciò che riempie una casa.