la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Libri in disordine, desiderio di incontrare vecchi amici

bibliotoca casaFine e inizio anno con molte letture, soprattutto con belle riletture. Inizio anno anche, come accade sempre, con la voglia, il bisogno, un po’ confuso, di cambiare qualcosa, di rinnovare qualcosa.

Per me, in questo momento, bisogno totalmente ingiustificato, poiché sono reduce da alcuni mesi travolti da una ristrutturazione di casa, vecchie tubature e affini, il che giustifica, dovrebbe giustificare, il desiderio di dire adesso basta cambiamenti, voglio star tranquilla.

Non so se è chiara l’implicazione di questa cosa, e come a suo modo abbia a che fare con queste pagine e queste chiacchierate: per un periodo di oltre tre mesi, tutti i miei libri, salvo un consistente mucchietto messo in salvo per rimanere a mia disposizione, sono finiti in un triste e oscuro deposito, con mobili, guardaroba, suppellettili, cianfrusaglie e tutto ciò che riempie una casa.

Nel frattempo la nostra casa, mia e di mio marito, veniva devastata e, a seguito, risistemata (sento ancora una grande riconoscenza per chi ha fatto, bene, tutti i lavori).

Mi accorgo ora che, se non lo racconto, pur non essendo questo, per sua natura, il contenitore adatto, mi inceppo. E dopotutto, ha a che fare, eccome se lo ha, con i libri: in questo tempo ho benedetto il Kindle, che mi ha permesso di procurarmi un doppio di quei libri che, risultando totalmente altri da quelli che avevo portato con me, sono risultati “indispensabili”. In proposito ci sta pure un aneddoto, che posso raccontare (diciamo che mi autorizzo).

Nel corso di una visita nella mia residenza temporanea, una mia deliziosa amica ha guardato lo scaffale dei libri che avevo portato con me, e mi ha chiesto quali criteri avessi seguito nello sceglierli. Ho dovuto confessare: nessuno! Mentre un gentile signore dell’impresa di traslochi impacchettava con rapida cura tutti i miei libri, io ne arraffavo uno qua uno là come una madre che cerca di salvare i figli da un incendio. Avrei scoperto solo in seguito chi si era salvato.

Ah, capisco”, dice la mia deliziosa amica, “mi stavo infatti chiedendo… pensavo, certo, impossibile stare tre mesi senza le Vite Parallele di Plutarco! Non se ne può proprio fare a meno!”

Ora ne rido, ma resta un’esperienza di cui porto ancora i segni, pure se tutti i miei libri (tutti? io guardo con ingiustificato sospetto le scaffalature!) sono tornati da me, a casa loro. Ora, il problema di riordinare il tutto non dico che può attendere ma sarà comunque questione di lungo corso. In aggiunta, possiedo anche una parte di scaffalature nuove! Che richiedono una nuova organizzazione. E questo mi rallegra, molto.

Pure, il bisogno rituale di cambiamento si presenta, puntuale, e investe le mie letture; la sua forma sembra essere un desiderio di riletture: ci sono intere aree trascurate da tempo, si tratta di vedere a quali rivolgermi, mentre cerco di orizzontarmi sui miei desideri, sui bisogni del momento.

C’è un certa congruità nel tutto: la voglia di cambiamento che si combina con la sicurezza di letture note, con una forma di stabilità, di rassicurazione (la mia casa, i miei libri, la mia testa: tutto qui, tutto sotto controllo) che consente anche la sorpresa: il noto di oggi, come il chi sono io oggi, non è la cosa conosciuta di ieri, così come non lo sono io. Si cambia, e poiché siamo noi a dare significato alle cose, esse cambiano con noi.

Alba de Cespedes

Alba De Cespedes

Così, tra le possibili riletture, c’è Alba de Cèspedes, cui avevo già accennato (qui), per aver ritrovato un vecchio malconcio volume di suoi racconti, “Fuga”, che attende il rilegatore. È il momento giusto per rileggere “Nessuno torna indietro”: nel mio ricordo, e nel giudizio della critica, un bel romanzo. Il cui titolo, che rispecchia la storia, ci sta.

E ancora, risistemando nei loro scaffali gli Adelphi, il desiderio è andato su Ingeborg Bachmann, un’autrice, una poetessa, che ho molto amato, che ora forse è un po’ dimenticata. Mi sono ritrovata tra le mani “Malina” e i racconti del volume “Il trentesimo anno”.

Due donne, due storie di vita. Di che farci un pensiero, l’opportunità di condividerle.

Ingeborg Bachmann

Ingeborg Bachmann

Nota a parte: Sempre dal giornalaio che vende libri usati (e vecchi fumetti, e supereroi anni ’80 o giù di lì, cose così) ho poi trovato un altro libro inaspettato: Adolf Hitler, “La mia battaglia”, Bompiani 1941 – XIX[i], XIV edizione, con “Prefazione inedita dell’autore per l’Edizione italiana”.

Si tratta del secondo dei due volumi che compongono il “Mein Kampf”. Il primo, edito da Bompiani in questa stessa Collana, (“Libri scelti”, Panorama del nostro tempo) è “La mia vita” (Titolo italiano).

È di questi giorni la notizia che, scaduti i diritti d’autore (interessante, per la verità, ipotizzare chi mai li avrebbe rivendicati), l’Istituto di Storia di Monaco di Baviera ha deciso la pubblicazione, commentata, con note critiche, del “Mein Kampf”, da settant’anni, in precedenza, proibita.

Ammetto che, avendolo – ovviamente, e per pochi euro – acquistato, difficilmente lo leggerò: nel caso, va bene così. Una qualche scorsa, tuttavia, l’ho data, e un po’ continuo a sbirciare qua e là. E mi prendo la responsabilità, per quello che vale, di confermare la nota stroncatura della prosa del nostro (dal punto di vista letterario, naturalmente; dal punto di vita del contenuto, non c’è gioco).

Mein KampfÈ tuttavia interessante la decisione della ripubblicazione, in Germania, di questo testo. Credo sia una buona decisione. La censura non paga mai, e rischia di far assumere significato a un libro che non lo merita, privandoci nel contempo di un documento storico che, invece, può essere utile per una presa di coscienza sul periodo nazifascista. Dopodiché, potrà morire di morte naturale, come accade, è accaduto, a tanti libri migliori.

Tornando a parlare di libri, e di riletture, ho appena riletto “Il più grande uomo scimmia del Pleistocene”, di Roy Lewis, Adelphi 1992, brevemente prefato da Terry Pratchett (Incipit della Prefazione: Il libro che avete tra le mani è il più divertente degli ultimi cinquecentomila anni”). Un libro che è stato un cult, che infatti si trova ancora,  che è più di un libro (solo) divertente.

Incuriosisce il fatto che l’autore, colui che ha saputo scrivere questo libro (nel 1960), non abbia di fatto prodotto altro, non dico allo stesso livello, ma almeno di buon livello. Ha scritto, dopo un silenzio di trent’anni, altri due romanzi. Ne ho letto uno, al tempo, “La vera storia dell’ultimo re socialista”, edito sempre da Adelphi. La delusione è stata enorme. Tuttavia: capita, e niente toglie alla sua prima, e di fatto unica, opera.

Un rilettura piacevole è stata, inoltre, “Chi ha ucciso Sarah?”, di Andrej Longo, altro libro Adelphi, genere giallo. Un autore interessante e un bel libro, da recuperare, in presenza, mi pare, di un lungo silenzio di questo autore, di cui, dopo un decennio di attività intensa, non conosco pubblicazioni negli ultimi quindici anni.

Poi: non tutto è rilettura. Tra le letture dell’ultimo periodo ci sta ”La comparsa”, di Abraham B. Yehoshua, Einaudi 2014. Non so se mi è piaciuto. Una bellissima scrittura. Intrigante.

E ci sta, come programmato, “Coraline”, di Neil Gaiman. Bello. Ne racconterò, penso.

Probabilmente, tra questi libri ci sarà la prossima recensione; e magari più di una. C’è molto da condividere.

[i] Per chi è troppo giovane e magari non lo sa: significa “Anno XIX Era Fascista”, perché il matto nostro aveva fatto ricominciare la storia da sé e dalla propria ‘epopea’. Gli italiani, gente pratica nonostante tutto, mettevano ambedue le date, tanto per non scontentare nessuno.

7 commenti su “Libri in disordine, desiderio di incontrare vecchi amici

  1. Athenae Noctua
    gennaio 10, 2016

    Anche se non ho letto nessuno dei titoli da te citati, concordo su tutto quanto hai espresso, dal disagio dello stare per tanto tempo senza i propri amati libri e di doverne scegliere alcuni da tenere con sé, all’importanza della rilettura, occasione per riscoprire nuovi significati e particolari ma anche, come hai detto, ancoraggio per le nostre sicurezze. Tornata la tranquillità post-lavori, non resta che immergersi di nuovo fra le pagine! Buone letture e recensioni e serena domenica!

    Liked by 2 people

  2. Ivana DaccòIvana Daccò
    gennaio 10, 2016

    Grazie. Sì, è stata un’esperienza straniante che dà luogo, ora, a una voglia di riprendere, come nuovi, tutti i miei libri. Il che, dopotutto, è cosa buona.

    Liked by 1 persona

  3. tommasoaramaico
    gennaio 10, 2016

    Mi spiace per la tua amica, ma no, tre mesi senza Plutarco non si può stare…e se d’un tratto venisse voglia di leggere un passo su Alessandro?

    Liked by 1 persona

    • Ivana Daccò
      gennaio 10, 2016

      Vero? Infatti, im sono immediatamente dilungata a difendere la (non) scelta che avevo fatto, che doveva essere stata, in qualche modo, in quel momento affannato, buona e giusta, tanto per parafrasare.

      Mi piace

  4. Alessandra
    gennaio 11, 2016

    Mi attira molto, moltissimo, Ingeborg Bachmann, della quale ho già sentito parlare bene svariate volte. Mi farebbe piacere un giorno leggere dei tuoi commenti in proposito. Di Yehoshua sto leggendo proprio in questo periodo dei racconti, che mi stanno meravigliando per il loro carattere surreale… E’ il primo libro che affronto di questo autore, quindi non mi sono fatta ancora un’idea chiara del suo stile. Si vedrà. Nel frattempo aspetto di leggere il tuo Coraline 😉

    Mi piace

  5. gabrilu
    gennaio 17, 2016

    Io sono una convintissima ri-lettrice. Rileggo molto. Mi piace andare in profondità e scandagliare il più possibile un autore, se mi interessa. Tornarci sopra dopo qualche tempo. Inoltre, rileggere un libro dopo tanti anni fa scoprire un sacco di cose non solo sul libro ma soprattutto su noi stessi. A volte il primo giudizio viene confermato, altre voltre ci si scopre a dire: “ma com’è che mi era piaciuto- non mi era piaciuto?”.

    Alba de Cespedes, per esempio: l’ho riletta recentemente nel Meridiano che contiene le sue opere più famose e ti confesso che è stata una mezza delusione. Insomma, oggi riesco ad apprezzarla solo se la contestualizzo molto.

    Ingeborg Bachmann dovrei rileggerla anche io. Sai, vero, che era la grandissima amica di Thomas Bernhard, che inoltre l’apprezzava enormemente come narratrice e soprattutto come poetessa?

    Complimenti per le fatiche della ristrutturazione etc. Ecco, la sola idea degli operai in casa mi atterrisce sempre e rimando, rimando, rimando fino a che la casa non sta per crollarmi addosso. Ma tu ora hai finito e ti auguro di godertela al meglio 🙂
    Ciao e grazie 🙂

    P.S. Le Vite di Plutarco sono bellissime.

    Liked by 1 persona

  6. Ivana DaccòIvana Daccò
    gennaio 17, 2016

    Quanti spunti! Grazie. E no, Thomas Bernhard non lo conosco, per la verità, se non come nome. Interessante. Peraltro come tutte le relaizoni, e la vita, intimamente faticosa, di Ingeborg Bachmann. E non ho ancora letto il suo epistolario con Celan (e non so se ho voglia di leggerlo, per la verità; mi piace conoscere la vita degli autori ma pubblicazioni, come questa, confesso che mi fanno a sentire un po’, come dire, indiscreta; mi chiedo se sia giusto pubblicarle. Discorso lungo.)
    Anch’io esito, su Alba De Cespedes, e mi è utile questa tua conferma.
    (Gli operai in casa! Qui si è trattato, soprattutto di io fuori casa! Sto ancora contorcendomi! Ma sono anche molto grata del lavoro svolto: bravi, hanno trattato la mia casa con cura e impegno. Ho anche imparato cose su tubature e annessi.
    Non so, tuttavia, quanto mi ci vorrà per risistemare tutto soprattutto i libri.
    Ciao, e grazie ancora a te.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: