la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

«Tra poco salirà con lei sul palco…per dare al mare voce e colore»

La comparsa, Yehoshua

Abraham B. Yehoshua, «La comparsa», traduzione di Alessandra Shomroni, Einaudi 2014

Ho letto alcuni mesi fa questo bellissimo romanzo di Yehoshua, non osando scriverne senza prima averlo lasciato deporre, dentro di me, e averlo, a tempo debito, riletto. Sapendo che lo rileggerò ancora.

È un romanzo, a una prima lettura, piacevole, che si gusta come una compagnia, una conversazione, un brano musicale; ci accompagna, senza sforzo, a conoscere una donna, e lo fa rendendo immediatamente percepibile il potervi disseppellire una grande ricchezza di letture, tante domande, su di sé e sull’altro. Si cammina, per le strade di Gerusalemme, alla ricerca del conoscere l’altro e del conoscersi, incontrando la città, la gente, i cambiamenti.

Di pagina in pagina, ma anche di lettura in lettura, è possibile aprire nuovi varchi, possibilità; che fanno star bene perché, qui, la sofferenza, la fatica del vivere e del trovare il proprio posto nel mondo, la ricchezza di ciò che diamo e prendiamo, saranno tali da far risultare bello il percorso.

Yehoshua ci regala un personaggio femminile di grande spessore, che emerge a poco a poco, passando con levità da un ruolo di “comparsa” al “comparire” come donna integra, nella legittimità delle sue scelte, che pongono (e le pongono) domande.

Noga, una quarantaduenne divorziata, arpista nell’orchestra di Arnhem, in Olanda, ritorna a Gerusalemme, sua città natale, dove vive ancora la madre, che è rimasta sola dopo la morte del marito avvenuta da poco. Ha in programma di fermarsi tre mesi.

Noga è una donna che ha scelto di non avere figli, la cui scelta ha portato al divorzio da Uriah, il marito, amato e che la amava.

Ha un fratello, Honi, sposato e padre di tre figli, che vive a Tel Aviv. Honi desidera convincere la madre – una settantacinquenne autonoma e capace ma che, rimasta sola, non ha alcun appoggio nella sua vecchia casa di Gerusalemme – a traferirsi in un pensionato per anziani, a Tel Aviv, per poter essere vicino a lui che, sapendola sola e lontana, si preoccupa. Ha convinto la madre a fare tre mesi di prova in un pensionato, a Tel Aviv, dove le verrà messo a disposizione un appartamentino; ha bisogno che, nel corso dei tre mesi, la sorella occupi la casa di famiglia a Gerusalemme, per far sentire sicura la madre del ritrovarla, qualora scegliesse di non rinunciarvi.

Noga accetta. Vivrà, senza la propria arpa, per  tre mesi nella casa della propria infanzia, dove molto è cambiato ma ciò che rimane richiama una storia di vita, interrotta e non affrontata; illusoriamente, forse, risolta con la fuga. Una storia che ritorna, si riapre, fa parlare gli oggetti, le cose che non ricordava; e che non ricordava di aver lasciato.

«Vedrai quanta roba hai lasciato. Vecchi giocattoli, quaderni di scuola e persino vestiti. E io ho tirato fuori dal ripostiglio la tua piccola arpa, quella che ti aveva comprato papà. Dai un’occhiata e poi decidi tu cosa buttare.» Tutto, mentre le cose “buttate” ritornano.

Il fratello, perché sia occupata e, anche, perché compensi il perduto guadagno di quei tre mesi, le trova degli ingaggi come comparsa. E mentre, seguendo Noga, veniamo condotti ad incontrare gente, a percorrere i quartieri della città; mentre ci chiediamo chi sia questa donna, di cui lentamente, quasi con pudore, viene costruita la storia; mentre i ruoli rappresentati si sovrappongono agli incontri e ai luoghi di una Gerusalemme conosciuta-da ritrovare, il ruolo di comparsa sembra concretare la vita di Noga. Nel mentre il tema – la scelta di non avere figli – che il ritorno a casa ha portato con sé, chiede, senza che ne venga discussa la legittimità, di venir posto.

Il matrimonio fallito con Uriah; un amore, in lui sempre presente nonostante la nuova famiglia, i figli, che la nuova moglie gli ha dato; il desiderio di lui per quel figlio non avuto da Noga.

Il tema – il femminile, l’essere madre della donna – si sviluppa, negli incontri, nei ricordi, e nel presente di un’età che sente avvicinarsi il limite per una scelta. E il misurarsi, dell’autore, con tale tema, riesce a dirci una domanda maschile sulla femminilità senza intriderla del proprio sguardo, senza chiedere risposta, senza imporre il proprio bisogno, ma solo, lievemente, lasciandolo emergere come desiderio – dunque “suo”, che non invade l’altro – che la donna sia colei che dà, a sé e all’uomo, un figlio.

Noga verrà seguita nella sua domanda su di sé, profonda, inespressa, respinta. Mentre, nella sofferenza di dover trascorrere tre mesi senza suonare, l’attesa, al rientro, di affrontare «Sinfonia fantastica» di Berlioz (la sua vita olandese, che interseca gli incontri a Gerusalemme) la difende.

L’ultima parte del libro vedrà Noga, rientrata nella sua casa di Arnhem, riprendere la sua arpa. E la musica, che a Gerusalemme, come assenza, risultava dissonante, elemento aggiunto e apparentemente sconnesso dall’esperienza, colora tutto e guida ora il tema.

La sorpresa. Una tournée in Giappone; l’abbandono del progetto di suonare Berlioz, per sostituirlo con «Danse sacrée et danse profane» di Debussy; e, sempre di Debussy, sarà in programma «La mer» e, per lei, il primo piano, la parte di prima arpa, in un duetto di arpe che si parlano.

Ora è chiaro: tutto il romanzo aveva avuto un sottofondo musicale, un richiamo ad ascoltare la storia in un altro linguaggio, essendo la parola, sola, impari al compito. Servono il ritmo, le sonorità, la completezza discorsiva di un concerto. Noga appare: a sé e al lettore – nel tema di «La mer», nel simbolismo dell’acqua, del suo movimento, della sua forza; nel richiamo che la lingua francese offre, attraverso l’identità di suono di «La mer», il mare e «La mère», la madre; nel divenire protagonista, nella sua musica; nella sua “comparsa” di fronte a se stessa.

Il romanzo si avvia alla sua ultima parte, al poter porre una domanda, una ricerca, un’apertura di orizzonte; al duetto, tra due musicisti, un uomo e una donna, tra due alterità estreme – la giovane prima arpista gerosolimitana olandese e il vecchio maestro d’arpa giapponene che le sarà partner; tra un padre e una figlia; tra diversi assoluti, protagonisti, che si incontreranno «per dare al mare voce e colore».

È una storia che si legge con affetto e tranquillità, senza fatica; una storia che si desidera riprendere perché, senza parere, non ti ha lasciato e ne vieni legato e legata mentre senti che c’è una domanda, femminile, e una domanda maschile, della differenza e della complementarietà, che ti fa bene: perché sostenuta dal rispetto dello sguardo su qualcosa-qualcuno che è altro da me e dal quale sento di dover essere completato; perché appartiene a me e non sono in grado di essere forzata a una risposta, che sta nel possibile, solo se l’altro vorrà, se io comprenderò, se verrà lasciato il tempo, ad ambedue, di porla.

E naturalmente c’è la storia, i fatti, le cose che accadono, gli incontri. La trama, di una sapienza nascosta. Per questo, dovrete leggere il libro. Un grande romanzo. Un grande concerto: e Yehoshua, in questo libro, un grande direttore d’orchestra.

 

6 commenti su “«Tra poco salirà con lei sul palco…per dare al mare voce e colore»

  1. Alessandra
    aprile 28, 2016

    Mi fa molto piacere che questo scrittore ti sia piaciuto, perché anch’io l’ho scoperto di recente ed è stato una vera sorpresa. C’è qualcosa nel suo modo di scrivere che mi affascina molto, che mi regala delle emozioni profonde, e per questo intendo approfondirne la conoscenza con altre letture.

    Mi piace

  2. laulilla
    luglio 26, 2016

    Una gran bella recensione di un romanzo magnifico 🙂

    Mi piace

  3. Ivana Daccò
    luglio 26, 2016

    Grazie, e sì, è un gran bel romanzo, del genere che, con il passare del tempo, rilascia suggestioni che ne accrescono la significatività. Un romanzo che chiama la rilettura.
    Molto interessante il tuo sito; è una risorsa importante per un riavvicinamento al cinema d’autore.da parte di chi, come me,lo ama ma da troppo tempo lo frequenta poco (cause varie) e sente di scontare un gap pesante nella conoscenza di quel linguaggio,
    Spero di risentirti

    Mi piace

  4. laulilla
    luglio 27, 2016

    Grazie della risposta e del “follow”, che ho volentieri ricambiato, cosicché non ci perderemo di vista! 😀

    Mi piace

  5. Pingback: Cose belle da leggere #1 | LIBRI NELLA MENTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: