la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Il dovere di odiare l’infame. E ricordare

L'odio è antiquatoGünther Anders, “L’odio è antiquato”, Bollati Boringhieri 200″

Lei non odia niente?”
“Certo – rispose Zenone. – Qualcosa sì”
“E cosa?”
“L’odiare”
“E nient’altro?”
“Qualcos’altro.”
“E cosa?”
“L’essere, comunque, costretto ad odiare.”

Un libriccino. Ottanta pagine totali, per un pensiero che, liscio liscio, non lascia scampo.

Oggi è il 25 aprile, e mi vien da pensare che onorare la Resistenza richiede anche l’impegno in un forte pensiero sull’oggi, su ciò che ancora ci trasciniamo da allora e su ciò che, in un mondo diverso, è il volto attuale del pericolo, pena l’ipocrisia magari involontaria del non aver voglia di capire (ancora una volta).

E il dialogo riportato sopra, incipit di quattro brevi capitoletti, di quattro percorsi di ragionamento che conseguono l’uno all’altro nel dimostrare (e anche no) la tesi sostenuta nel titolo, sembrerebbe dire il contrario: che l’odio non è antiquato, che, in certi momenti, è ancora e sempre necessario. Ma allora?

Günther Anders afferma, da subito, che è necessario “odiare l’infame”: non farlo porta ad esserne complici, magari involontari ma complici.

L’ebreo tedesco Günther Anders lo sa bene; lo ha imparato leggendo il Mein Kampf, fin dal 1925, prima che tutto fosse compiuto; e può parlare con cognizione di causa del pericolo insito nell’indifferenza, nel non odiare l’infame, pur detestando l’odio.

Passa dunque a dare una formulazione filosofica-psicologica di questo sentimento, ad esaminarne la fonte, il significato.

La sua argomentazione prende avvio dal principio deduttivo cartesiano, riportandone la vulgata “Io odio, dunque sono” che, trasformandosi in un “Dunque, io sono” può concludere: “Dunque, io sono qualcuno”: l’odio come affermazione di sé che passa attraverso la negazione dell’altro, la sua distruzione.

Prosegue, per breve tratto, l’argomentazione filosofica attraverso le proposizioni fichtiane “l’io pone il non-io” e “l’io pone se stesso attraverso la negazione del non-io”, per affermare (e da qui in poi chiude con l’aspetto filosofico di tipo, diciamo, scolastico, per iniziati) che quest’ultima proposizione è vera in senso fisiologico, “giacché non esiste alcun essere animale che, per sopravvivere, non sia costretto dalla sua urgenza a utilizzare altri esseri come preda e come cibo”. E dunque, per essere ho bisogno che tu non ci sia più. Devo incorporarti.

Ma l’uomo non è un animale come gli altri. E può andare oltre. Il discorso, nel secondo capitoletto, si tramuta in un divertente-amaro dialogo tra il filosofo Pirrone e un ‘Presidente Traufe’ sul tema dell’odio.

Nel dialogo, il Presidente taccia di ingenuità il filosofo che non comprende che la guerra non deriva dall’odio che un popolo prova nei confronti di un altro, ma che è vero l’inverso: è la guerra a richiedere che l’odio venga instillato nelle menti dei soldati, per far sì che combattano. Sarà dunque compito del politico, del Presidente, condurre i suoi cittadini ad odiare, non importa chi. Né, in verità, perché.

Sarò io – spiega il Presidente – a far sì che l’odio si formi nelle menti dei cittadini e dei soldati, in modo da mandarli alla guerra motivati, a combattere sentendosi valorosi.

La legge dell’odio è: Io combatto qualcuno, perciò lo odio” afferma il Presidente. “Combattere e odiare sono una coppia che si incrementa a vicenda”.

Il Presidente vede in questo una strana forma di moralità. Ritiene infatti che sarebbe disdicevole (oltre che fallimentare) mandare dei soldati ad uccidere senza odio: equivarrebbe a chiedere loro di comportarsi da macellai. Potrebbero non farlo.

Il discorso prosegue, le implicazioni sono molteplici. Pirrone sembra perdente, quantomeno sul piano della concretezza e il quadro che ne emerge è tale da non farci vedere via d’uscita.

Ma, come in ogni buona favola, il nostro eroe ne uscirà. Peccato solo che non si tratti di una buona favola.

Il giorno seguente Pirrone esce dall’angolo mostrando al Presidente Traufe come, nelle guerre attuali, difficilmente il soldato può ancora essere ritenuto tale, può ancora muoversi, e agire, contro un nemico su di un ‘campo di battaglia’.

“(…) i suoi cosiddetti soldati (…) non vedono affatto coloro che odiano e uccidono su ordine e per conto suo. ‘Cose’ del genere si definiscono soldati”

Il quadro si definisce e la favola non è più tale: nella guerra moderna non c’è più il ‘campo di battaglia’ e questo fa cessare la necessità dell’odio, che richiede una relazione tra due, richiede il riconoscimento di un nemico. Il soldato diventa un normale ‘lavoratore’, un ‘impiegato’. In questo quadro, le stesse vittime avranno difficoltà a odiare carnefici non più umanizzabili.

Anders ci pone di fronte a uno scenario che porta a non poter più concepire la guerra neppure come un semplice ‘lavoro’. Per voce di Pirrone, si rivolge al Presidente e ristruttura ancora una volta il tema:

(…) la parola ‘lavorare’ che lei trova tanto insopportabilmente cinica poiché non vuole riconoscere i morti come ‘prodotti’, è anch’essa un eufemismo. Un’esornazione dei fatti. Poiché ciò che accadrà nella guerra di domani (…) non solo non è più un combattere ma non è neanche più un lavorare.”

“Bensì?”

“Un semplice ‘azionare’”.

Sempre più, la guerra è compiuta da dispositivi, prima o poi non ci sarà più un essere umano ad azionarli.

Lasciata la favola, sarà Anders ad argomentare, tirando le file, la sua tesi. Sommerà scenario a scenario, ed oggi tutto questo non ci può sembrare inverosimile. Non in questi giorni. Non di fronte agli scenari in corso.

Non (dice Anders) quando si bombardano ‘siti’ senza ‘mettere a rischio’ piloti non più soldati, avendo dall’altra parte non un esercito nemico ma popolazioni inermi che, evidentemente, possono essere messe a rischio.

Non se il fronte è potenzialmente ovunque e i morti non sono nemici combattenti ma civili inermi, neppure considerati quali obiettivi.

Non se il pilota del bombardiere che sgancia le bombe si vanta, come avviene, di ‘non provare odio per il nemico’.

Bei tempi erano quelli in cui i soldati si minacciavano e si massacravano a vicenda e in cui le guerre erano combattute da uomini capaci di odiare! Si trattava comunque di esseri umani. E coloro che si odiavano reciprocamente potevano un giorno, in determinate circostanze, anche smettere di odiare; e così smettere di sterminare; o forse persino iniziare ad amarsi.”

E l’odio? Oh certo. L’odio, e il piacere dell’odio. Vengono ancora fomentati. Perché?

La fine dell’odio potrebbe presagire la fine dell’umanità, giacché non siamo più noi esseri umani a combattere gli uomini (…)”

La conclusione di Anders è amara. Gli uomini di potere amano ancora fomentare un odio inutile per pura idiozia; e perché (il cerchio della dimostrazione si chiude, si ritorna da dove eravamo partiti) l’odio è affermazione di sé, perché dare alla gente qualcuno da odiare serve ad essere amati e divinizzati, e non partecipare all’odio equivarrà a tradire, proponendosi dunque quale oggetto di odio.

Chi protegge gli ebrei è un traditore della razza ariana” si diceva (…)”. Ma è ben possibile cambiare il complemento oggetto. Qualcosa risuona? Su chi protegge rom, immigrati, altri, generici?

Nota:
Il filosofo Günther Anders (1902 – 1992), ebreo tedesco, ha dato alle stampe quest’opera nel 1985, essendo impegnato da anni nella lotta al pericolo atomico e per la messa al bando delle armi nucleari. E’ stata una voce importante, talvolta eccessiva ma sempre lucida nella sua ‘Resistenza’ per la salvezza.
Nella Postfazione a questo libro, il curatore Sergio Fabian riporta le parole con cui Anders chiude la sua opera “I comandamenti dell’era atomica”: “Se sono disperato, ciò non mi riguarda!” Il suo è un Memento da non dimenticare.

5 commenti su “Il dovere di odiare l’infame. E ricordare

  1. Alessandra
    aprile 26, 2015

    Interessante… un testo importante, sicuramente da leggere. In effetti senza un’ideologia trasmessa e inculcata nella mente delle persone, nessuno alla fine combatterebbe… E’ la politica dell’odio, così ben instillata nelle masse da chi le vuole dirigere e governare e fare i propri interessi, così ben visibile anche nelle questioni pubbliche e sociali di tutti i giorni, non solo e necessariamente nelle circostanze gravi come le guerre.

    Mi piace

  2. Ivana DaccòIvana Daccò
    aprile 26, 2015

    Interessante che tu usi il termine ‘ideologia’. Corretto. Ma, oggi, ho spesso la sensazione che il termine venga usato impropriamente (non, in questo caso, da te), assegnando la qualifica di ‘ideologico’, e in quanto tale negativo, a qualunque ‘ideale’.
    Si tratta di definire i termini. Le ideologie hanno dato luogo, troppo spesso, a sistemi di idee chiusi che hanno preteso di assommare in sé la totalità della vita e del pensiero delle persone, producendo un pensiero mortifero, e drammi inenarrabili. Credo tuttavia che il tema dell’odio non necessiti di essere inquadrato in un’ideologia, e abbia più a che fare con il fatto di combattere ‘contro’ qualcuno (gruppo sociale, etnico, religioso, non importa), e non lottare ‘per’ un’idea. Odiare significa (per me) coalizzarsi (contro) in luogo di allearsi (per). Tema difficile, sul quale mi pare di non riflettere mai a sufficienza, a rischio di operare terribili semplificazioni.
    Grazie del tuo commento, interessante e produttivo.

    Liked by 1 persona

  3. Alessandra
    aprile 26, 2015

    La tua precisazione è corretta, e chiarisce ancora meglio la questione. Grazie a te per la possibilità di questi scambi d’opinione, sempre graditi e interessanti.

    Mi piace

  4. ancilla dal medico
    aprile 26, 2015

    Riflessione quanto mai attuale sull’ invito ad odiare. Scegliendo, fin quasi a costruire, i soggetti più adatti. L’ odio infatti è uno strumento. Il fine, sempre da identificare, può variare.

    Mi piace

  5. Ivana DaccòIvana Daccò
    aprile 26, 2015

    Ma, non so. Certo ‘odiare’ quello che Anders definisce ‘l’infame’, che nel caso suo erano Hitler e il nazismo, inteso come mantenere la capacità di provare repulsione morale e reagire, è altra cosa dall’odio cui un potere conduce, mi vien da dire un popolo pecora, per poterlo usare, per trarne sottomissione e, eventualmente, ma quasi sempre, disponibilità a farsi usare come carne da macello – e l’oggetto verso il quale indirizzare l’odio, in questo secondo caso, come tu dici, è indifferente, strumentale; qualcuno si trova, per i casi della storia, ad essere più probabilmente selezionato per il ruolo.
    Il tema dell’odio, l’invito a odiare del primo caso ricorda, mi pare, il tema gramsciano dell’”Odio gli indifferenti”. Dall’altra parte c’erano sempre il fascismo e il nazismo.
    Ma poi c’è il tema della forma che oggi ha assunto la guerra, una forma per la quale il soldato, non più tale, non è più bisognoso di odio per agire. La guerra degli strumenti che hanno sostituito l’uomo. Per Anders (il cui riferimento era la corsa agli armamenti atomici) c’è di che rimpiangere l’odio, sentimento umano, come tale superabile.
    Ancora una volta, tema difficile, sul quale non sento di aver concluso un pensiero. Grazie del tuo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: