la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

E mentre tutto accade, io leggo i miei libri

Il secolo breveInutile dire che questa ultima non non è stata una settimana qualsiasi per il nostro, limitato, mondo occidentale – per altri mondi a noi vicini, che poi sono sempre il nostro, da ormai troppi anni non esistono settimane qualunque.

Mentre tutto accade, io leggo i miei libri: e penso in che modo il mio leggere abbia a che fare con l’oggi, con le storie degli accadimenti in corso. Leggere, che si tratti di libri di narrativa o altro, significa aver a che fare con la diacronia; quanto meno, non equivale ad un essere in sincronia con ciò che accade nel nostro mondo, che richiede il nostro pensiero e la nostra presenza. Attiva, se possibile. Nella lettura non c’è sincronia con il nostro qui ed ora.

Ciò significa che, leggendo, si abita un altrove rispetto alla vita? Altri tempi e altri mondi? Leggere equivale a “rifugiarsi in un libro”?

Mi interrogo su cosa significhi essere una lettrice, un lettore. Dopotutto, nella nostra società, tutti leggono, anche se le statistiche dicono che non è così.

Leggere è anche studio, ci si sta preparando ad un esame; è occuparsi dei propri interessi privati, si legge con cura un contratto di lavoro, una lettera del commercialista, il verbale di riunione del condominio, il manuale di istruzioni del nuovo aggeggio per la casa; il bugiardino di un medicinale.

Leggere è il quotidiano che ci informa sulla nostra città e sul nostro mondo; in sincronia con ciò che accade. È tante cose, che non sono la stessa cosa. O forse sì.

Tutti noi costruiamo immagini, pensieri, racconti, mondi, fantasie attraverso ciò che leggiamo; anche leggendo la sola bolletta della luce, input sufficiente a far emergere capacità infinite di costruire trame, sicuramente persecutorie ma che attivano pur sempre l’immaginazione, con la capacità di leggere e, per tale via, costruire, la nostra realtà, un suo ampliamento, e un’infinità di mondi paralleli. Più o meno ricchi. Potrà derivarne anche solo una sequela di imprecazioni, che esprimerà tuttavia una nostra personale Weltanschauung.

Poi, ci sono i LIBRI. E ci siamo noi, che li leggiamo; noi, quelli il cui mondo cade se privato di libri e che, nei libri (dicono di noi) “troviamo rifugio”.

Ma la lettura non è questo. Non è un rifugio. E chi legge non abita un tempo fuori dalla realtà. Il lettore e il suo libro abitano il mondo, abitano “tutto ciò che accade”.[i]

Leggere – libri, dico, sprofondando dentro la diacronia, ed è lo stesso se si tratterà di un romanzo, di racconti, di un saggio su un periodo storico, di un testo di filosofia del linguaggio, di una raccolta di poesia, o di fiabe – è la sola possibilità a nostra disposizione per far sì che venga costruito un racconto, un immaginario, che ci porti fuori dall’incubo, che porti tutto il mondo fuori dall’incubo perché, oggi, nel tempo della maggior solitudine individuale e di gruppo che la storia ricordi, siamo totalmente interdipendenti.

Mi trovo, così, proprio perché come tutti, lettori (di libri) e lettori (gli altri), vivo la realtà, a confrontarmi con questo mondo e con quest0 tempo; a cercare: di capire, di contenere le emozioni, di trovare un modo per esprimerle, a me stessa innanzitutto, e consentire loro la parola. Mi trovo a cercare un ‘che fare’ che liberi dall’impotenza, che porta solo rabbia inutile, che soffoca il dolore e disarma.

In nessun luogo, se non nei libri, trovo un modo per capire, da una giusta distanza, e incontrare, attraverso un’emozione differita, o una catena di pensieri, il mondo.

La banalità del maleNei libri si trova un <come>, per fare qualcosa di utile, individuare un sentiero, una traccia, che porti a una qualche comprensione, che consenta di fronteggiare, senza farsene travolgere, la domanda che chiede da dove venga tutto ciò che avviene. La domanda che interroga su di noi, su di loro; siano, questi <loro>, il Terrore di chi crede di lottare, non sapendo più costruire un proprio racconto di futuro; o il malessere profondo di un ragazzino che, disarmato per la vita, si arma; o un capostazione distratto e stanco; o un intreccio di politici e burocrati stupidi la cui cattiveria ha radici che potrei trovare anche in me – la “banalità del male”, che Hannah Arendt ha trovato il coraggio di vedere e dirne, accettando l’aggressione che ne è seguita. E purtroppo l’inutilità delle sue parole non sufficientemente lette.[i]

Sta nei libri, e nelle domande che aiutano a porre, la possibilità di non cadere nella disperazione, nella rabbia, nella violenza propria di chi possiede risposte.

Il mio programma di letture, in questi giorni, è cambiato. Ho lasciato in attesa i libri della mia pila, che ritroverò (e mi daranno risposte, mi consentiranno connessioni, forniranno sentieri per un percorso).

E mi ritrovo a intrecciare letture.

Lilli Gruber, «Prigionieri dell’islam» (posso dire che non mi piace il titolo? Ma confido nell’autrice), Rizzoli, 2016. Fa parte della pila, e forse può dirmi qualcosa. Sottotitolo: «Terrorismo, migrazioni, integrazione: il triangolo che cambia la nostra vita». Una giornalista, un approccio sincronico.

Una rilettura:  Freya Stark, «Lettere dalla Siria», con tutto il suo portato di atmosfera colonialista inconsapevole e orgogliosa di sé, resa da una donna capace, dentro la gabbia del suo mondo, di incontrare l’altro, armata di un identico sguardo, di simpatia e ironia assolutamente feroce, rivolto a chiunque: al Governatore italiano di Rodi (era il 1927, anno VI Era Fascista) che “dice che ha davvero pochi problemi con la gente del posto, e che tra tutti loro i turchi sono quelli con cui è più piacevole aver a che fare, obbedienti, onesti e stupidi (i tre aggettivi usati in senso positivo)”; a M.lle Audi la  padrona di casa francese a Brumana, in Libano, descritta come “una cosina gentile con una sorta di raffinata e sbiadita giovinezza che le si aggrappa ancora addosso”; al suo insegnante siriano di arabo che “si arrabbia così tanto perché faccio domande. (…) Sono la prima studentessa femmina e credo di ispirare in lui la piacevole sofferenza che dà una poderosa strofinata.

Eric Hobsbawm, «Il secolo breve», BUR 2014. In corso di lettura. Lenta. Occcorre pensare. E ricordare: «A una stima approssimativa negli anni tra il 1914 e il 1922 si ebbero dai quattro ai cinque milioni di profughi. Questa prima ondata di relitti umani fu di assai poco conto rispetto a quella che seguì la seconda guerra mondiale, dove i profughi vennero trattati spietatamente. È stato calcolato che nel maggio 1945 c’erano forse in Europa 40,5 milioni di persone sradicate dalla propria terra natale, esclusi i lavoratori non tedeschi impiegati in Germania e i tedeschi che fuggivano di fronte all’avanzare dell’Armata Rossa (Kulischer, 1948, pp.253-273). Circa 13 milioni di tedeschi furono espulsi dalle regioni della Germania annesse dalla Polonia e dall’URSS, dalla Cecoslovacchia e dalle zone dell’Europa sudorientale dove essi si erano sistemati da tempo (Holborn, p. 363). Essi furono accolti dalla nuova Repubblica Federale di Germania, che offrì una patria e una cittadinanza a tutti i tedeschi che vi rientravano, così come il nuovo stato di Israele offrì un “diritto di ritorno” a ogni ebreo. (…) Questi furono solo i profughi dall’Europa. La decolonizzazione dell’India nel 1947 ne creò 15 milioni. (…) La guerra di Corea, un altro derivato della seconda guerra mondiale, produsse forse cinque milioni di profughi coreani». (segue, l’elenco non è completo).

Ho bisogno di pensare, e capire. Non trovo altro da poter fare.

—————————————–

[i] L. Wttgenstein, Tractatus logico-philosophicus, asserzione 1: Il mondo è tutto ciò che accade; asserzione 2: Ciò che accade, il fatto, è il sussistere di stati di cose.

[i] Hannah Arendt, «La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme», Feltrinelli

4 commenti su “E mentre tutto accade, io leggo i miei libri

  1. tommasoaramaico
    luglio 24, 2016

    Bella questa tua riflessione-sfogo, così come belli sono i riferimenti che fai, dalla Arendt ad Hobsbawm, passando per Wittgenstein. Difficile cosa sia lettura (probabilmente un gran numero di cose), però sono certo che non sia (a meno che non si abbia a che fare con libri-spazzatura) un mettere la testa sotto terra, tipo struzzo che non vuol vedere quello che lo terrorizza. Ogni lettura, se seria, è sempre una rigorosa presa di posizione nel mondo, un tentativo di rispondere alle sue ingiustizie ed atrocità…ma la mia, forse, è ingenuità.

    Liked by 1 persona

  2. Ivana Daccò
    luglio 24, 2016

    Ti ringrazio, anche perché ho scritto qualcosa con fatica, cercando un pensiero che urgeva ma non si dipanava, temo. Sai come va, talvolta si scrive perché si ha qualcosa da dire, e il problema è cercare di dirlo al meglio, talaltra lo scrivere è un mezzo, un percorso, per cercare un pensiero, qualcosa che sta lì, che preme ma che non si riesce a raggiungere. E questa è una di quelle volte. Alla fine, si arriva, se va bene, al punto da cui si sarebbe dovuti partire. Una forte gratitudine, dunque, per chi ha compiuto lo sforzo di seguire.
    E non so se siamo “ingenui”, spero di sì. Tra le poche cose che, invecchiando, mi par di aver capito, c’è che è utile e fa bene.

    Liked by 2 people

  3. Alessandra
    luglio 25, 2016

    Belle riflessioni, condivisibili. La lettura non è assolutamente un rifugio, ma anzi permette di fare esperienza, anche se attraverso un processo di elaborazione esclusivamente emotivo/intellettuale, di cose con le quali non avresti altrimenti occasione di entrare in contatto. Nei libri, come hai detto, si incontra proprio il mondo, senza dover necessariamente viaggiare in termini fisici. Se poi dalle riflessioni che scaturiscono da una specifica lettura si genera anche il desiderio di conoscere meglio se stessi e gli altri nel mondo reale, con un lavoro fruttuoso per sviluppare contatti, aperture e superare pregiudizi, meglio ancora. Per quanto concerne “La banalità del male”, dovrebbe essere un libro da imporre come lettura obbligatoria nelle scuole.

    Liked by 1 persona

  4. Pingback: «Il mondo è tutto un fiorire di mandorli e anemoni» | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: