la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Postilla a “Scrittrici italiane del ‘900, e altro”

Ricevo da Renza questo commento, che mi pare meriti di integrare “Scrittrici italiane del ‘900, e altro“.

torino-piazza-statuto-incursione-aerea-20-21-novembre1942

Torino, Piazza Statuto, incursione aerea del 20-21 novembre 1942 Foto Archivio storico Città di Torino

Sui rapporti tra la Ginzburg e la Morante riporto una bella testimonianza. E’ un po’ lunga ma vale la pena perché, oltre a fornire conoscenza, rivela anche un mondo di cui sentiamo la mancanza.

” Nel ’48, credo nell’inverno, mi arrivò una lettera di Elsa Morante. Mi diceva che aveva appena finito un romanzo e mi chiedeva se me lo poteva mandare. Io abitavo a Torino e lavoravo nella casa editrice Einaudi. Avevo conosciuto Elsa Morante a Roma; ci eravamo incontrate non so più dove; non avevamo scambiato molte parole. Mi sembra di averle detto che avevo molto amato un suo breve racconto, uscito su una rivista anni prima, durante la guerra. Comunque erano stati, i nostri incontri, a quanto ricordo, rari e brevi. Ero però, in quella casa editrice, la persona che conosceva di più. Così ebbi il dattiloscritto di Menzogna e sortilegio: lo ricevetti per posta. C’erano correzioni a mano, in inchiostro rosso. Ricordo con quanto stupore lessi i titoli dei capitoli, perché mi parve un romanzo d’un’altra epoca, e quanto m’incuriosirono alcune parole con l’iniziale maiuscola che trovavo sfogliando qua e là: il Butterato; il Cugino […] Lessi Menzogna e sortilegio in un fiato e lo amai immensamente: però non so dire se ne capii chiaramente, allora, l’importanza e la grandezza. Sapevo soltanto che lo amavo e che da lungo tempo non avevo letto nulla che mi desse tanta vita e felicità. Fu per me un’avventura straordinaria scoprire, fra quei titoli di capitolo che mi erano sembrati ottocenteschi, il tempo e le città che erano i nostri e che avevano, della nostra esistenza quotidiana, l’intensità lacerata e dolorosa; fu per me una grande emozione scoprire che era possibile, nella nostra epoca dove i libri erano annodati e avari, dare al prossimo un’opera così luminosa e generosa. Forse ne capii, in qualche modo, la grandezza. Lavoravo in quella casa editrice da non molto e non avevo certo l’autorità necessaria per decidere, da sola, della pubblicazione d’un libro; mi consigliai con Pavese; mi sembra che lui non lo lesse allora, in dattiloscritto; ma trovò giusto di pubblicarlo.

Nella primavera, di Menzogna e sortilegio erano pronte le bozze, e Elsa venne a Torino per correggerle. Abitava in un albergo vicino alla stazione: un albergo non lontano da quello dove, qualche anno dopo, sarebbe morto Pavese. Io avevo una copia di bozze e lei ne aveva un’altra; ricordo che per la fatica e per l’emozione, e per il timore che aveva degli errori di stampa, le venne la febbre. Quando guarì di quella febbre, usava uscire verso sera e sedersi in un caffè sui viali, e aspettare che venissimo via, dall’ufficio, Pavese, io, Balbo, Calvino; e ci sedevamo là con lei. Discutevano, lei e Pavese, su ogni cosa, ma senza gran rabbia; non andavano d’accordo su nulla; però non c’era, in quelle discussioni, nessuna specie di animosità.”

 

(Natalia Ginzburg, “Menzogna e sortilegio”.

In: «Reporter», Inserto «Fine secolo», 7-8 dicembre 1985, a cura di A. Sofri.

Secondo testimoniane orali raccolte da altri amici, la Morante si trovava a Torino anche ai primi dell’estate, nei giorni dell’attentato a Togliatti; e la febbre da cui fu afflitta durante la correzione delle bozze era da Elsa imputata a una sorta di «bacillo delle macerie»; Torino era ancora in gran parte distrutta.

Renza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il ottobre 19, 2016 da in Sugli autori con tag , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: