la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Letture in corso: sentieri che si diramano (segue)

Pare che le mie letture non vogliano abbandonare il loro disordine; che tuttavia lascia intravedere, qua e là, qualche sprazzo di luce. Sto, mi pare, passeggiando nel bosco; e nel folto degli alberi, dove sentieri solo intravisti si intersecano, un sottobosco di desideri discordanti, curiosità passeggere, umori altalenanti, impedisce l’orientamento.

Non è un brutto stare, conoscendo che – accade sempre – il fitto si diraderà, suggerendo una vicina uscita alla luce; quando riapparirà un sentiero per il paese di Proprio Là, dove, senza saperlo, eravamo diretti.

Il tema è (dovrebbe essere) sempre lo stesso: i libri non si fanno leggere a caso, e neppure seguono un sentiero privo di meta. Neppure quando ci pare di procedere saltellando di lettura in lettura, senza una evidente coerenza nel dialogo con le pagine. C’è sempre un tema, e una nostra domanda, anche quando libro chiama libro al seguito di reminiscenze, di emozioni, di bisogni, operando strani respingimenti e scelte in apparenza <fuori luogo>.

È il libro che sceglie il lettore? Come la bacchetta sceglie il mago? Harry Potter docet.

E non vale chiedersi perché si legge. Si legge per curiosità, per ampliare il nostro mondo esterno e il nostro tempo di vita; si legge per il bisogno di esplorare il nostro mondo interiore; si legge alla ricerca: e ogni libro è, per ognuno, sempre, un romanzo di formazione.

L’invecchiare, se così è, non interrompe dunque la nostra crescita? e non interrompe una domanda. Mi piace: vorrebbe dire che, tutti, moriremo immaturi di giovinezza, anche al termine di una lunga vita. Anche questo mi piace.

Si assiste, talvolta, in libreria, alla scena sempre un po’ divertente-imbarazzante, del cliente non abituale che si rivolge al libraio chiedendo di venir consigliato, volendo regalare un libro a qualcuno. È impossibile <consigliare> un libro a qualcuno, soprattutto a uno sconosciuto. Al massimo, si potrà <raccontare> di un libro a qualcuno, raccontare la personale esperienza di una lettura – e sarà qualcosa come lanciare un messaggio nel mondo e sperare che il mondo lo tratti bene.

Sto confondendo l’autore con il lettore? È possibile. Ma è bello, nello scambiare esperienze di lettura, incontrare, attraverso i racconti altrui, libri potenziali compagni di viaggio, che entreranno nella mappa dei nostri percorsi, diversi, da incontrare in un tempo e nei giorni giusti per ognuno. Ed è bello raccontarne e, a nostra volta, aprire ad un libro uno spiraglio per un incontro che potrà avvenire, se avverrà, al momento giusto per il libro e per il suo lettore.

C’è ora il libro di cui ho appena terminato la lettura – Neil Gaiman, “American Gods”, Mondadori 2002. Traduzione di Katia Bagnoli – e mi piacerebbe capire come ci sono finita dentro proprio ora, anche se il libro stava in attesa da un po’ di tempo; e tuttavia al di fuori della mia attenzione attiva.

Com’è, cosa avviene, quando apprezziamo, senza poterlo lasciare, un libro che, a tratti, ci irrita profondamente, salvo farsi perdonare precipitandoci nella poesia; per poi farci ripiombare nell’irritazione; e non per qualche caduta di qualità della storia, della narrazione. Per una mescolanza, assolutamente voluta, credo, di generi? Frutto di una precisa volontà di irritare?

È stata una lettura interessante. Sarà, credo, la prossima recensione.

Donald Barthelme

Nel frattempo sto leggendo, in questo caso come da programma, Biancaneve”, di Donald Barthelme, – piccoli momenti di lettura e rilettura della stessa pagina, dello stesso brano, intensi e, ma sì, sbalorditivi.

Distorcendo un luogo comune, quando il gioco si fa duro, Barthelme è sempre una scelta salutare, non foss’altro perché non richiede che si capisca tutto, né che si comprenda ogni volta la stessa cosa, e poi chi se ne importa – il libro pare dirlo, fare una scommessa con il lettore – lasciati andare, ogni frase, ogni brano, susciteranno emozioni, domande – risposte? Basta che restino provvisorie – fonte (anche) di benessere.

Non l’ho ancora terminato; e non ho fretta. È una specie di “bene rifugio”, essendo questo il momento, sempre speciale, che precede il tuffo in un nuovo libro. Una rilettura necessaria.

Thomas Mann, “La montagna incantata”, Corbaccio 1992. Traduzione e Introduzione di Ervinio Pocar

Der zauberberg”: dopo “Il tempo degli stregoni” (Zeit der Zauberer) il richiamo è forse inevitabile, sostenuto persino nel titolo. Il racconto del tempo, 1907-1914, in cui tutto iniziò, un tutto in cui prepararsi ad entrare attraverso un rito di passaggio lungo sette anni, l’attraversamento di un tempo altro, in cui cercare, trovare, accogliere un destino di sé nel mondo; entrando, ad occhi aperti, nella catastrofe?

Non lo so. Da molti, troppi anni, non rileggo questo libro, che ora è stato iniziato, dotato di segnalibro, dopo aver vissuto una attrazione-desiderio di fuga – il segnalibro fermo, in una sospensione che <doveva> essere risolta.

Non mi sono chiari i motivi per cui ho esitato nell’affrontare la differenza tra il ricordo, bellissimo, importante, di una lettura vissuta in un’altra età, mia e del tempo del mondo in cui è avvenuta, e il diverso vissuto dell’oggi – mio e del tempo, ambedue totalmente altri, del mondo in cui vivo.

Come sarà stato riplasmato, dal tempo, il mio ricordo? Ci riconosceremo, io e Hans Carstop? Quale lettura “La montagna incantata” regalerà al ventenne, di oggi. Nella rilettura, potrò intuirla? Mi apparterrà?

Anche i libri vivono, crescono; talvolta, ma non è questo il caso, invecchiano. Talvolta muoiono: anche solo per noi. Avviene.

Thomas Mann

Ho uno strano rapporto con Thomas Mann, non da oggi. Non amo questo autore – non amo l’uomo Thomas Mann, pure se il mio non-amore è cambiato, nel tempo, infiltrato da una forma di comprensione (propria o impropria non so). Amo i suoi libri che, non so bene come (potendo, sicuramente, arzigogolarci sopra, come del resto avviene), mi appaiono non poter appartenere a quella faccia severa, anche quando è ritratto sorridente, alla sua storia “ufficiale”, alla sua (apparente) “monumentalità” borghese. Eppure, sono opere in cui l’elemento della propria interiorità (autobiografia non sarebbe, credo, la parola giusta; la sua “biografia” è stata altra cosa) è ben presente; è il motore della sua scrittura.

Non so. C’è quel qualcosa – il groviglio, i figli, Klaus ed Erika, gli altri figli; gli esili, in molti sensi. Poi ci sono le sue pagine. E tanto basta.

C’è un libro – Tilmann Lahme, “I Mann. Storia di una famiglia”, ETD 2017, che segnalo unicamente perché ho avuto la tentazione di averlo, concludendo per il no. Almeno non per ora. Credo, forse, che il tempo (per me, parere molto personale e ingiustificato, non avendo letto il libro) non sia maturo; la distanza temporale non sufficiente, per violare (uso il verbo in senso proprio) quella vita (e quelle vite). Thomas Mann ci ha detto tutto di sé. Così ha fatto  Klaus Mann, il figlio (qui). Non ho mai letto Erika Mann, la figlia prediletta.

<Voglio>, ora, solo rileggere “La montagna incantata”. Lo desidero (con uno strano sentimento di “sprezzo del pericolo”). Non so se potrò darne una restituzione.

 

Nel frattempo, è allo spasimo, per me, l’attesa della nuova traduzione, da parte di Ottavio Fatica, di “La compagnia dell’anello”, il primo libro di “Il Signore degli anelli” di J.R.R.Tolkien. Dovrebbe arrivare in libreria, leggo, nella seconda metà di questo mese.

Occorre, a questo punto, accennare brevemente al grande lavoro di recupero degli scritti del Nostro, realizzato dal figlio Christopher Tolkien che ha dedicato un lungo e pregevole lavoro alla pubblicazione postuma delle opere inedite, e incomplete, del padre.

A Christopher Tolkien si debbono importanti recuperi di opere che il padre non solo non aveva pubblicato ma che erano ancora, pare, allo stadio di composizione: uno per tutti Il Silmarillion. Manoscritti, appunti, rifacimenti. Difficile dire, in effetti, quale avrebbe potuto essere la stesura finale, e la eventuale scelta di pubblicazione, da parte dell’autore.

Lo scorso anno è uscita una nuova storia, in precedenza inedita, “Beren e Lúthien”, che doveva concludere l’opera di Christopher sui testi del padre; e invece, in questo ottobre, è uscito “La caduta di Gondolin”: ultima opera davvero, parrebbe, anche in considerazione dei novantaquattro anni del curatore – non vorremmo che i nipoti dovessero affrontare la curatela delle curatele del professor Tolkien junior.

La cattiveria è affettuosa, da parte mia. Anche perché, confesso, cullo progetti-fantasia del tipo: mi faccio regalare per Natale…e con un po’ di pazienza potrei riuscire ad avere tutto, ma proprio tutto ciò che (ha scritto?) viene attribuito a J.R.R. Tolkien – poi mi dico no, dai, lascia perdere. Sei alle prese con il problema di come ridurre, disperdendo un po’ di figli-libri fuori casa, il sovraccarico di carta che sta mettendo a dura prova i tuoi spazi di vita; anche perché, nel frattempo, libri si aggiungono a libri, ovviamente.

Comunque, per chi fosse interessato, il sito dell’Associazione Italiana Studi Tolkieniani racconta tutto – (qui): ma immagino che, chi è interessato, lo conosca già e lo frequenti.

9 commenti su “Letture in corso: sentieri che si diramano (segue)

  1. Moon
    novembre 13, 2018

    Sono certa che siano i libri a scegliere il lettore. Un po’ come nel libro di Ende…
    Gianna l’ho odiato.
    Biancaneve è uno dei libri più straordinari che abbia letto negli ultimi anni. Solo l’incipit mi ha buttato il cuore a mille. Ma chissà perché, poi… sempre bello leggerti, grazie 🙂

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      novembre 13, 2018

      Un incipit fantasmagorico…che lo si prenda dall’alto in basso o dal basso in alto…non c’è dubbio. Impossibile lasciare!
      Grazie a te!

      Mi piace

  2. ilmestieredileggereblog
    novembre 13, 2018

    Bella questa tua frase (nel suo contesto): “tutti, moriremo immaturi di giovinezza, anche al termine di una lunga vita.” Vorrei che fosse proprio così…
    Con le tue riflessioni mi hai fatto molto riflettere, soprattutto sul fatto di come cambia il nostro rapporto con un libro letto in una fase giovanile della nostra vita, e poi ripreso in una fase più matura. Così, al volo, mi viene in mente “Cent’anni di solitudine”; ricordo benissimo lo stupore, la meraviglia che provai, un vedo godimento fisico, quando lo lessi nei primi anni Ottanta e fui come stregata dalla vicenda e dalla “dinastia” dei Buendia, da quello che allora era un immaginario per noi nuovissimo. Diversi sono stati i miei sentimenti nella lettura successiva, circa tre anni fa, molto più intellettuale e attenta alla costruzione narrativa. Del resto, però, devo dire che la trama la conoscevo già e questo cambia notevolmente le cose…. e poi io, nel frattempo, ho messo il naso in molti altri libri….

    Piace a 2 people

    • Ivana Daccò
      novembre 18, 2018

      Beh, sai, sentirsi immaturi, sempre e ancora, è il solo modo a disposizione per non sentirsi vecchi e annoiatamente saggi; tornerebe a grande danno della curiosità di vivere. E’ vero, però, che dopo aver, come dici, messo il naso in tanti libri, si diventa selettivi, e un po’ difficili da accontentare. Almeno così va per me. Facendomi sentire anche, come giusto, una vecchia brontolona. Cerco di oppporre resistenza. 😉

      Piace a 1 persona

  3. benny
    novembre 14, 2018

    Bellissime le tue riflessioni sul rapporto tra libro e lettore. Mi piace pensare che scatti davvero qualcosa di magico (bacchetta di Harry Potter), quando troviamo il romanzo perfetto per noi. Le riletture mi spaventano perché ho paura che possa capitarmi di non apprezzare più un testo come la prima volta (mi è successo con Se una notte d’inverno un viaggiatore) e di perdere l’incanto della scoperta. Sarò strana io… Quanto alla Montagna incantata, mi sto proprio chiedendo se sia arrivato il momento di “scalarla”, anche se il mio primo incontro con Mann non è stato dei più felici. Buone letture!

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      novembre 18, 2018

      Scusa il ritardo con cui rispondo al tuo commento. Innanzitutto grazie. E’ vero, le riletture, talvolta, rompono qualcosa; avviene perché, appunto, in una diversa età, un libro di cui cui pure riconosciamo il pregio, non risponde più ad un nostro momento di vita, ad un bisogno. Talvolta, va anche detto, perché il libro che, un tempo in realtà valeva solo per noi in quel momento. Tuttavia, continuo ad apprezare le riletture che, solitamente, nel tempo, acquistano o mutano livelli non colti in precedenza.
      Thomas Mann vale l’insistenza, ma tutti, come giusto, incontriamo autori, anche di grande valore, che non ci parlano. Per me, ad esempio, è muta Jane Austen, ma non è la sola – le fanno compagnia più di un grande autore. Tralascio l’elenco per non scandalizzare.
      Buone letture a te!

      Piace a 1 persona

  4. gabrilu
    novembre 19, 2018

    Mah. Ho riletto pochi mesi fa per la terza volta “La montagna incantata” (le precedenti si erano succedute a distanza di decenni), un libro che non mi delude mai e infatti per la terza volta, benchè pensassi di conoscerlo ormai a menadito, il libro non ha fatto che crescere, crescere, crescere, nella mia considerazione. Per me, costituisce un pilastro nel mio Pantheon letterario… Ma non voglio ingolfarmi in una discussione su Mann e/o sui Mann (mi appassionerei troppo e voglio vivere tranquilla 🙂
    Piuttosto: a proposito del libro di Tilmann Lahme. Ce l’ho e l’ho letto. E’ sicuramente ricchismmo e documentatissimo ma secondo me… un po’ senz’anima. Io l’ho apprezzato molto (come non apprezzarlo, con tutta la mole di materiale che c’è lì dentro?) ma l’ho messo nel mio scaffale mentale etichettato come “da consultazione”. Per la serie: “se e quando c’è qualcosa dei Mann che non mi ricordo, vado a bussare da Lahme e colmo la lacuna”. Personalmente ho trovato molto, ma molto più interessante il libro di Marianne Krull (di parecchi anni fa) “Nella rete dei maghi”.
    ciaociao

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      novembre 20, 2018

      La famiglia Mann, davvero, è un tema che cattura e, insieme, un tema che, non so come dire, disturba e complica la lettura, essendo tuttavia irrinunciabile; un qualcosa che confligge con le pagine di Thomas Mann. Almeno, per me è così.
      Grazie delle indicazioni su libro di Lahme, e sul libro della Krull che non conoscevo, di cui ho letto (ora) la tua recensione, precipitandomi, ovviamente, ad acquistarlo (so che è considerato not politically correct ma Amazon è sempre una grande risorsa, in modo particolare per l’usato).
      Ciao e grazie

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: