la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Le biblioteche delle case altrui

Possiamo ben chiamarla una comunità, quella che si esercita sui nostri blog a scambiare libri, recensioni, proposte di lettura; a parlare di libri acquistati, portati a casa dalla biblioteca comunale; posseduti e amati; riletti più volte; dimenticati e riemersi, talvolta da un lungo oblio.

Stiracchiando il termine, esistono elementi per definire un cosiffatto insieme di persone una “comunità”: Controllo il lemma. Il Treccani elenca una miriade di esempi (comunità statuale, locale, nazionale, internazionale; religiosa, terapeutica, familiare e così via) ognuno contrassegnato tuttavia da una formalizzazione che, ovviamente, non ci appartiene.

Decido che si tratta di un limite del vocabolario. Mi vengono alla mente – cosa non si fa per aver ragione – gli elementi costitutivi di quella comunità che chiamiamo “Stato”: cittadinanza, territorio, sovranità. Bene: il territorio, a ben guardare, pure se virtuale, lo possediamo: è lo spazio dei nostri blog. Possiamo ben attribuirci una certa qual forma di cittadinanza, in questi nostri “territori”, e una sovranità sugli stessi. Dopodiché, ognuno ha la propria, certo, non condivisa ma, come dire, messa a disposizione, felice di accogliere: la nostra “comunità” è dunque una particolare forma di federazione? In cui è possibile entrare e uscire senza grandi formalità, e questo è un vantaggio.

Potremmo definirci una comunità-orchestra sui generis che esegue una speciale forma di canone inverso: uno parla l’altro risponde, le voci si alternano spostate nel tempo ma sequenziali, secondo una regola di progressione, qualcosa di questo tipo.

Mi si presenta l’immagine, impossibile da mettere a fuoco, di un insieme di persone che, ognuno nella propria casa, ognuno per sé, ognuno diverso, detiene un più o meno elevato numero di libri-strumenti musicali, per l’esecuzione di una sinfonia, comunitariamente ricercata e condivisa. Suoni e partiture individuali, coesione d’insieme.

Facciamo questo, credo, con i nostri libri, giocandoci anche una particolare forma di condivisione, sempre virtuale ma non per questo meno concreta, delle nostre ignote biblioteche domestiche, simili, temo, per una comune tendenza alla proliferazione incontrollata. Ma che importa, quando i figli sono molto desiderati e anzi, non se ne hanno mai abbastanza?

Oddio, nel nostro caso, almeno per me, dovrei dire tante madri, tanti padri; amici a cena e a pranzo, anche a colazione; fratelli. Non figli; tali sono solo i libri che si scrivono, non quelli che si leggono. Mi arriva l’immagine di chi scrive come quella di una madre, di un padre, che depone il figlio nella ruota degli esposti, soffrendo come un cane per quell’abbandono, mentre sbircia dal fondo del vicolo se una mano arriverà a girare la ruota per accoglierlo, amarlo e tenerlo con sé.

Ci sono – talvolta se ne parla, solitamente no, ognuno si regola a proprio piacere – diversi modi di procurarsi un libro, dalla frequentazione delle librerie cui facciamo un più o meno intenso riferimento; dallo scambio, all’acquisto al mercato dell’usato, on line ma anche passeggiando, cercando, a bancarelle; utilizzando il prestito bibliotecario; riscoprendo libri posseduti, letti e dimenticati, che ritrovano un proprio diverso tempo. Ci sono gli e-book, con i loro pregi e i loro difetti (spesso, va detto, una stampa non curata, refusi e quant’altro), e una loro specifica utilità.

Ai diversi modi di procurarsi un libro corrispondono anche diversi modi di essere lettori, credo. Nel mio caso, e mi chiedo quanti mi somiglino, il bisogno che il libro mi appartenga è assoluto, con tutti i problemi che ciò comporta; di spesa, di spazio, di acquisti errati, che poi non si sanno (diciamo che non so) eliminare, perché un libro, come il cibo, non si butta.

Varrebbe, forse, la pena di conservare presso di sé unicamente i libri che hanno, lo vogliamo chiamare, un valore assoluto? I “capolavori”? Quei libri che, è certo, si rileggeranno; che <noi> rileggeremo; i libri che dispiace, almeno a me succede, di aver letto (e riletto, a ripetizione), di cui non potremmo mai più gustare quella prima, affascinata lettura. Lo stupore. La sensazione di aver trovato la chiave di volta per la comprensione della nostra e delle altrui vite.

Le riletture, potrei persino dire che sono più belle. Pure, nulla potrà più eguagliare quel primo incontro, mai più.

Ecco, di nuovo. Perché poi, quando scrivo (chi mi conosce direbbe anche quando parlo) non riesco mai a stare in argomento, rotolo lungo miriadi di deviazioni e sentieri trasversi, non lo so; ma neppure so rinunciare a farlo.

Pensavo al fatto che, se il nostro insieme, la nostra comunità virtuale può essere segnata dall’elemento comune dell’abitare con i libri, le nostre biblioteche domestiche, a parte, immagino, uno zoccolo duro più o meno condiviso, saranno sicuramente quanto di più diverso si possa immaginare. Io ci muoio nello sforzo di contenermi, quando incontro una biblioteca domestica sconosciuta; devo ricordarmi la buona educazione per non ritrovarmi a ignorare i padroni di casa e perdermi a esaminare la dotazione libraria del luogo.

Un mondo intero di biblioteche domestiche, le più diverse tra loro e, insieme, le più confrontabili; in grado di dialogare, di condividere una lingua comune, lo vediamo bene ogni giorno, come se la non possibilità di leggere tutti i libri che si desiderano venisse compensata dalle molte letture individuali di cui narriamo, suggerendo, certo, letture che abbiamo apprezzato, ma non necessariamente.

Non che io sappia dove mai vorrei andar a parare con ciò che sto scrivendo; lascio, temo, che si formino pensieri in libertà. Avviene (in questo caso non mi pare) che prendano forma. Pazienza.

Vengo presa talora dal desiderio di imparare un libro a memoria (fortuna mia che non ne ho il tempo, di vita, né peraltro il tempo dei singoli giorni, né, diciamolo, la capacità), per averlo veramente con me, quando serve, come accade (non solo a me, credo) con la poesia, con i brani imparati negli anni della scuola, e un po’ anche dopo. Ma pur sempre in gioventù, poi basta (perché?). Un tempo, a scuola (oggi non si fa più) l’esercizio di memoria era considerato propedeutico alla comprensione. L’ho sempre trovato giusto e bello, per la verità. Come dire, ecco, ora questa cosa, questi versi, questo pensiero, sono miei, da ora in poi potrò veramente dar loro voce, significato; accedervi. Per sempre.

È una forma di delirio? Certo. E anche no. Non fa alcun male. Credo. Fa compagnia, la notte, quando avviene di non poter dormire e non voler riaccendere la lucetta per leggere. L’insonnia, e i suoi sconosciuti motivi, solitamente scelgono per noi. La scelta non è ampia, ma contiene molto, per ore così.

Lo maggior corno della fiamma antica……

Scendeva dalla soglia d’uno di quegli usci, e veniva verso il convoglio – no, dimenticato, fa male…

Un dì, s’io non andrò sempre fuggendo………

Imparare un intero libro a memoria. Uno solo. Il proprio. Credo non mi sia più passata, dopo la prima lettura di “Fahrenheit 451”. Affascinata per sempre; dall’idea; dall’immagine di questi uomini-libro.

Questo è un altro punto. Ci sono i capolavori assoluti e grandi libri che non lo sono, se non per noi  – tutti nel limite della relazione a una cultura, a una civiltà, a un linguaggio. Niente è assoluto; ed esistono grandi libri di cui mai sapremo, per l’impossibilità di ognuno di uscire dal proprio mondo.

Come dire: certo, ce ne andremo senza aver letto tutti i libri che avremmo desiderato leggere, ma c’è anche l’altro aspetto: esistono libri che farebbero la nostra felicità di cui non conosciamo l’esistenza, così come esistono grandi libri, nella nostra lingua, appartenenti alla nostra cultura, alla cui lettura non siamo minimamente interessati. Lo immagino, quantomeno. Ed esistono libri, buoni libri, diciamo, che non sono capolavori, se con tale attributo intendiamo una loro capacità di resistere al tempo, ma che oggi, qui ed ora, nel tempo che è il loro ed è il nostro/mio, sono fondamentali – per me, per ognuno di noi. Sono, sono stati, una ricchezza della nostra vita.

Non necessariamente il tempo è il metro di misura del valore. Non so, non riesco a enuclearlo ma sono certa che, su questo, c’è un pensiero importante per noi che leggiamo.

E ancora prima di poter far emergere una domanda, che urge e non conosco, sono certa che tale domanda esiste. La risposta – se così è –  saranno tante risposte. Con il pregio di non essere definitive.

Le domande non finiranno. Una forma di vita eterna.

 

6 commenti su “Le biblioteche delle case altrui

  1. ilmestieredileggereblog
    aprile 22, 2017

    Le domande sono il fondamento della curiosità, della voglia di conoscere, dunque non posso finire…. sarebbe tremendo se finissero! Mi sento parte di questa comunità-orchestra, con il mio bagaglio di e felicemente mi specchio negli altri orchestrali….

    Liked by 1 persona

  2. dragoval
    aprile 22, 2017

    Anch’io penso ai nostri blog come realtà corale -l’armonia che scaturisce dal contrappunto, dalla felice diversità delle melodie e delle voci. E condivido anche l’indiscreta e implacabile curiosità per i libri e le librerie altrui (dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei), rimanendone troppo spesso delusa, talvolta felicemente sorpresa,come pure il desiderio di possedere fisicamente i libri che amo- o che penso di poter amare (scrivere note, sottolineare, ritornare sui miei passi è per me indispensabile e insostituibile; con l’unica eccezione dei libri scritti in altre lingue, dove la disponibilità dei vocabolari inseriti nell’e-reader facilita enormemente il compito). A differenza dite, invece, non ho rimpianti a cedere libri che non ho amato, nella speranza che possano finire in altre mani verso migliori destini;è talvolta,sforzandomi di superare l’attaccamento , ho regalato anche ivolumi da me più amati, che poi magari ho ricomprato, perché mi piace l’idea dei libri come semi che daranno frutti, volando lontano, anche oltre la mia vista.
    Ps Nota in margine a proposito di Farenheit 452 e degli uomini- libro: se mai fosse toccato a me questo destino, avrei scelto L’idiota di Dostoevskij -ancora e sempre il libro della mia vita.

    Liked by 1 persona

  3. dragoval
    aprile 22, 2017

    Ps ^2 Perdona i refusi- ho anche aggiunto indebitamente un grado al romanzo di Bradbury………….. O_O

    Mi piace

  4. Ivana Daccò
    aprile 23, 2017

    Anch’io cedo molto volentieri libri ad altri, certo. Per la verità, io presto, un tempo addirittura insistevo per farlo, presa dall’entusiasmo e dal desiderio di condividere, ben sapendo che mai avrei rivisto quei libri. Oggi, quando riacquisto figli dispersi, mai rientrati a casa, o quando mi addoloro perché non li trovo più, mi consolo pensando che se nel corso dei decenni non mi fossi sempre comportata così oggi non entrerei dalla porta.
    Ma qui casca l’asino: distribuisco solo i libri che amo, per poi contorcermi se non li ritrovo; mentre non riesco a eliminare quelli che non apprezzo. E intaso il garage.
    Quanto allo scegliere un libro da conoscere a memoria, difficile, va a epoche di vita; sceglierei un libro che mi fa star bene. Oggi, credo sarebbe Il Signore degli anelli..
    Da molto non leggo Dostoevskij. In effetti. Sarebbe ora. La giusta nuova età.

    Liked by 1 persona

  5. dragoval
    aprile 25, 2017

    Il Signore degli anelli è diventato, da quando l’ho letto la prima volta (tardivamente, ma pure ormai oltre dieci anni fa), un leit-motiv che ritorna sempre, e che non mi stanco mai di rileggere o di riguardare, in tutte le salse (comprese, cioè, le repliche tv “tagliate male”, è proprio il caso di dire, e farcite di pubblicità). Se mi permetti (meglio: se sopporti!) una parafrasi del verso di Baudelaire, è davvero una foresta inesauribile di simboli dagli occhi familiari . Sono molto felice di sapere, quindi, che nelle circostanze estreme saresti tu a prendertene cura :-). Su Dostoevskij, naturalmente, spero tu possa ritornare quanto prima.
    Un carissimo saluto

    Mi piace

  6. Renza
    aprile 25, 2017

    Già, questi blog, comunità corale, che mettete a disposizione di un uditorio che guarda, legge, condivide, risponde. Una comunità con un’ identità che piacerebbe ad Amartya Sen ( ognuno di noi ha tante identità e, di volta in volta, si identifica con qualcuno sulla base di un elemento della propria personalità e dei propri gusti), segnata dai libri. Questi libri che ci accompagnano e ci …sommergono ( esperienza personale, di casse in soffitta, esauriti gli spazi domestici). Adesso, non provo più il desiderio di possederli, i libri. Mi piace molto utilizzare quei luoghi civili che sono le biblioteche- da cui prelevare a tempo- e che impongono l’ impegno morale di leggere subito. Quanto ai libri non letti, non conosciuti, a cui non accederemo, riporto un concetto di Montale da una prefazione a Tetto murato di Lalla Romano : la nostra vita non è che una delle tante vite che avremmo potuto vivere. Così è per i libri, abbiamo “scelto” e Dragoval, meglio di me, potrebbe spiegarci l’ etimologia del verbo che include sempre una privazione. Ciao a tutte.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 22, 2017 da in Parliamone, Uncategorized con tag , , , , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: