la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Avvento, tempo di silenzio e di attesa: di un nuovo giorno

Ci avviciniamo alla fine d’anno. Non che, nell’aria, ci sia sentore di feste, anche se le nostre città mostrano già più di qualche sbrilluccichio natalizio fuori tempo e fuori contesto: essendo il Natale una Festa assegnata alla categoria del religioso, questo periodo si chiamava, un tempo, Avvento, ed era dedicato al raccoglimento in attesa della nascita del Messia.

Da non credente, mi dispiaccio del fatto che, a quanto pare, si sia gettata l’acqua col bambino, come si dice; cancellando il bisogno di una consonanza con la ciclicità delle stagioni di vita, con la nostra stessa ciclicità di esseri umani, capaci persino di una rinascita attraverso il prenderci cura del tempo e di chi verrà dopo di noi.

Così, ogni anno vengo colta, a iniziare da quest’epoca, dal bisogno di un personale tempo di Avvento da vivere nei modi che da sempre appartengono alle comunità umane, fin da quando gli uomini hanno avuto nozione – e paura – del buio che ogni giorno si allunga mentre tutta la natura, pur in grande bellezza, sembra morire e la luce lasciarci; vengo afferrata dal bisogno di compiere riti, di creare intorno a me un silenzio, e un tempo, per propiziare il ritorno del giorno e la rinascita della natura.

Sul mio tavolo attendono alcuni libri, tra cui:

di Tullio Pericoli, “La casa ideale di Robert Louis Stevenson”, Adelphi 2017. Una Nuova Versione di un testo breve di Stevenson, che viene pubblicata, a tredici anni dalla prima, ridisegnata da Tullio Pericoli quale equivalente di un “testo a fronte” di quanto la sua fantasia traduce dalle parole in immagini.

E soprattutto – omaggio al mio personale tempo di Avvento – un libro di Emil Cioran, “La caduta nel tempo”, Adelphi 1995. Mi pare l’autore adatto, in quanto nulla di ciò che Cioran scrive richiede di essere condiviso, ma unicamente percorso, come pensiero che si fa, e particolarmente come pensiero del buio che, paradossalmente, indica la possibilità della luce.

Per recuperare, il Cioran lettura-diurna lo richiede, ho trovato per la notte una interessante serie, tre romanzi seriali, gialli ma anche no, di una giovane autrice, Alice Basso, con una protagonista che, di professione, fa la “Ghostwriter” per una bieca grande casa editrice: è bastato questo a incuriosirmi e, dopo il primo, mi sono ritrovata a scaricare gli altri due libri.

Vi ho trovato una buona scrittura, personaggi e trama godibili; il genere di libro che si legge d’un fiato, nonostante una buona lunghezza, e che, in aggiunta, regala qualche risata da soffocare nel cuscino mentre si combatte il sonno per continuare la lettura.

Non so se ne racconterò, ma vedete voi, segnatevi l’autrice, se volete una lettura leggera, di buona scrittura, con personaggi a loro volta di buone letture, e un po’ di allegria.

Nel frattempo, la fiumana trascina, me come tutti, chi più chi meno, presi dall’urgenza di dilapidare i magri guadagni, e l’aver superato indenni un Black Friday consola poco (ma, da noi, il via alla corsa per gli acquisti non era sempre stato dato il 9 dicembre, superata la Festa dell’Immacolata?)

Così, anche le librerie diverranno un inferno, per un tempo davvero troppo lungo. Un caldo abbraccio ai librai delle grandi catene!

E tuttavia. Chi ha, o ha avuto bambini intorno a sé, sa bene l’attesa, e la meraviglia dei regali, anche se la devastazione ha iniziato a infiltrare pure loro, inquinando la festa, distruggendone le ritualità. Non ci si fa caso, perché i bambini sono pochi, talmente rari nella nostra quotidianità da infastidire una maggioranza che non ne frequenta – non so voi ma io, quando sento le filippiche sulla maleducazione dei bambini odierni e i commenti sul permissivismo e l’incapacità dei loro genitori a ricoprire il proprio ruolo, costretti, con i loro bimbi, in un mondo sempre più stretto, di spazi alieni, che non prevedono né bimbi né genitori, ricordo: eravamo tanti, ogni adulto era contornato da bambini, che erano di tutti, non solo dei genitori; ne combinavamo di tutti i colori e, certo, al ristorante magari stavamo composti a tavola per qualche minuto ma, a ben pensarci, chi mai ci andava al ristorante? E quand’anche, ci sarebbe stato sicuramente uno spazio, esterno, composto di terra sassi e erba, e in ogni modo c’era sicuramente uno spazio nelle teste degli adulti, dove ogni bambino trovava posto con tutti gli altri bambini, tanti e tutti più che previsti, nel loro rumoreggiare, e si fosse trattato solo di quello.

A compensare l’assenza di bambini, ecco tuttavia un grande dispiegarsi di merci per loro – tra cui cose ottime, non c’è che dire. Vogliamo dire i libri? In ogni libreria ci troveremo di fronte ad un paradiso di colori, materiali, dimensioni, disegni, suoni, lettere dell’alfabeto che parlano, lampeggiano, giocano tra loro.

Un mondo talmente enorme, e rutilante, che diventa molto difficile per un bambino il desiderare –intensamente, con tutto se stesso, niente di più niente di meno – UNO di quei libri, di quei giochi di lettere e pagine e parole e disegni e colori, e quaderni che vorrebbero illudere, almeno ci provano, farti credere che colorare, scrivere le paroline, e i numeri, e contare, sommare torte e mele e gelati e barchette in mezzo al mare e casette e gattini conigli serpentelli e tigri sarà divertente, chiusi in una stanza – niente più cortili, o una strada dove andar a giocare con altri bambini, niente più la mamma che chiama solo all’ora di cena.

Gli adulti ci si perdono, al reparto libri per l’infanzia, travolti dal sogno di poter avere, tramite quegli oggetti, il figlio che parla prima, più correttamente degli altri, che se ne starà buono in un angolo assorbito nella visione-non-ancora-lettura-ma-ci-vorrà-poco senza chiedere il loro intervento-hanno già-tante-cose-da-fare; ma anche nell’immagine di sé bravi papà brave mamme che leggono le favole al bambino-bambina incantato in ascolto – buono silenzioso e fermo, che si addormenterà sognante.

Resta, non può sparire, quella cosa meravigliosa che, per un bambino, meglio ancora per un gruppetto di bambini, è qualcuno che, la sera, racconta una fiaba; che la legge, e la ripete, raccontamela ancora, e dev’essere di paura, mentre si sta al sicuro, certissimi della vittoria finale del protagonista, e la paura, quella cosa senza forma che ti prende al momento di dormire, che viene nei sogni, ecco, ora prende una forma e sarà affrontabile, soprattutto da chi pare debole, e piccolo, e incapace, e deriso da tutti, proprio come un bambino, che non se ne fa niente del cavaliere possente, dopotutto il principe azzurro di Biancaneve è solo un premio finale, niente di meno ma niente di più (ammesso che sia un premio, ma questo le bambine ancora non lo sanno). E Giovannino senza paura, e l’informazione, che servirà per la vita, sul dover aver paura solo della paura.

D’accordo, mi lascio prendere dalla passione per le fiabe e per il raccontarle – certo, quando ci sono dei bambini, quando è ora di metterli a letto ma, a ben guardare, temo mi piaccia anche ascoltarle per me, perché no. Ascoltarle, non leggerle. C’è bisogno di qualcuno che racconti. Vale per grandi e piccini.

Per la lettura in proprio, si dovrà attendere. E giungerà un tempo difficile, quello da cui tutto dipenderà, per il futuro lettore e per chi non leggerà mai un libro.

Ci sarà bisogno di buoni libri, capaci di trattenere a sé grandi e piccini perché non c’è età per godere di ciò che è bello e una buona storia è sempre buona e se non è una buona storia non andrà bene per nessuno.

Ci sarà ancora bisogno di qualcuno che legga, al bambino, e che, leggendo, provi piacere, che aspetti, anche lui, che giunga di nuovo le sera per poter continuare.

Non so ancora, è solo un’idea, mi piacerebbe proporre dei libri, degli autori, per ragazzi, senza regolarità, come prescritto per i blog, ma con qualche regolarità (magari sarà possibile regolarsi sulle fasi della luna invece che sul calendario solare: sarà meglio la luna piena o la luna nera?)

L’ho già fatto, per dire il vero, ma potrebbe essere altra cosa farlo di regola, con “piena coscienza e deliberato consenso”, si diceva un tempo, come per un bel gustoso peccato mortale d’altri tempi in forma letteraria, così che possa venir perdonato e anzi, persino goduto.

Potrebbe essere un progettino per il nuovo anno. Ci penserò. Tanto per variare il menu.

9 commenti su “Avvento, tempo di silenzio e di attesa: di un nuovo giorno

  1. ilmestieredileggereblog
    novembre 26, 2017

    potrebbe certamente essere un bel progetto!

    Liked by 1 persona

  2. Alessandra
    novembre 27, 2017

    Riflessioni sentite, non scontate, condivisibili. Come sempre espresse con piacevole naturalezza. Sai, mi incuriosisce molto Cioran, se un giorno ne parlerai, di quel suo libro, mi farebbe piacere. Anche solo qualche commento, due-tre impressioni buttate lì…

    Liked by 1 persona

    • Ivana Daccò
      novembre 27, 2017

      Grazie. Ora, teminati i romanzi di Alice Basso (tre, che migliorano nel prosieguo; il terzo è, nel genere, davvero apprezzabile), sono in preda al timore di affrontare la notte con Cioran, una lettura di cui sì, credo che finirò per raccontare, ma che vorrei lasciare al giorno.

      Mi piace

  3. tommasoaramaico
    novembre 27, 2017

    Tutto condivisibile e bello. Cioran a parte (la cui lettura è sempre esperienza nuova), non sarebbe male una rubrica del genere, dedicata ai libri per bambini. Ci ho pensato diverse volte, ma non ho mai trovato un’idea di fondo (senza Non so far nulla, neppure stendere i panni – che, per inciso, considero quasi una scienza) e quindi non ne ho fatto nulla. Attendo, quindi, I frutti della tua buona volontà.

    Liked by 1 persona

    • Ivana Daccò
      novembre 27, 2017

      Che dici, potremmo farlo a due voci. Non so ancora neppure io come, ci si pensa. Oppure non ci si pensa troppo e si prende una strada, poi si vedrà, la si cambierà, si prenderanno sentieri laterali.So che vorrei leggere, proporre letture, andar a conoscere anche autori che non conosco; riflettere su ciò che leggo nell’ottica del riferimento ai bambini, ai ragazzi che leggono – e non necessariamente parlare solo dei libri che arrivo ad amare, o che amo da tempo ma anche confrontare aspetti che non capisco, che magari non mi piacciono, proporre e scambiare riflessioni. Correggermi. Pensa che bello se due voci diventassero tre e quattro: ad esempio, attraverso post di risposta, con rinvio all’alticolo apprezzato o incriminato.
      Confesso che io spero sempre, anche, di ricondure qualche adulto a rifocillarsi con qualche buon libro catalogato per ragazzi, nella speranza che, presa una strada, qualcuno torni a godere anche le favole, e magari a organizzare un luogo, un tempo, in cui narrarle.
      Una strada può anche essere imboccata senza sapere bene dove porterà, se pensiamo che sia bella da percorrere. Poi, c’è sempre il vecchio detto per cui la vita è tutto ciò che ci accade mentre stiamo progettando altro.
      Naturalmente, a quest’ora, divento facilmente preda di entusiasmi, progetti, desideri con caratteristiche oniriche ma, hai visto mai?
      Credo, in ogni modo, che non dovresti lasciar perdere il tuo di progetto.
      Buon lavoro!

      Liked by 1 persona

      • tommasoaramaico
        novembre 28, 2017

        E difatti hai ragione. Ho già scritto di questa “letteratura” attraverso l’importanza delle fiabe, poi con Rodari, Collodi (attraverso il buon Geppetto) e, mi sembra te lo accennavo poco tempo fa, avevo intenzione di scrivere una cosa su L’isola del tesoro che, insieme ad Alice nel paese delle meraviglie, Il mago di Oz e Pinocchio, hanno costruito il mio primissimo immaginario. Teniamo aperta questa porta e vediamo se riusciamo a cavarne qualcosa di buono!

        Liked by 1 persona

      • Ivana Daccò
        novembre 28, 2017

        Perfetto!

        Liked by 1 persona

  4. Francesca
    novembre 29, 2017

    Ciao, Ivana una mia collega si occupa di letteratura per l’infanzia attraverso il suo blog Teste fiorite. Dacci un’occhiata se hai tempo e buona riflessione!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: