la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Agota Kristof

Agota KristofUn breve riassunto, tra tante fonti che si richiamano e forniscono di Agota Kristof un ritratto univoco, per un flash su una scrittrice, una persona la cui scrittura, forte ed essenziale, si ritrova, intera, nella sua vita, nelle scelte fatte e subìte. Non sempre è così, non per tutti la scrittura e la vita si richiamano con tanta forza. Tanto più se pensiamo ad un autrice ‘costretta’ ad usare una lingua non sua – i libri della Kristof sono scritti in francese, lingua che lei non padroneggiava bene (diceva) – ma in cui lingua e fatti e cose hanno la solidità della materia.

Agota Kristof è nata il 30 ottobre del 1935 a Csikvànd, un piccolissimo paese dell’Ungheria. Nel 1956, le truppe dell’Armata Rossa invaderanno la sua terra, dove era in atto una rivolta contro l’URSS.

Giovane moglie e madre, fuggirà, con il marito, un intellettuale oppositore del regime, e la figlia neonata, rifugiandosi in Svizzera, trovando infine un stabilità a Neuchâtel, dove vivrà il resto della sua vita, e dove morirà il 27 luglio del 2011.

La scelta di fuggire era stata del marito, che temeva la persecuzione politica, e lei la subì, senza accettarla. “Due anni di galera in Urss erano probabilmente meglio di cinque anni di fabbrica in Svizzera”.[i]

Ebbe altri due figli da un secondo matrimonio, interrotto dal divorzio.

Apolide, l’assenza di cittadinanza è stata da lei vissuta come uno stato particolare dello spirito, e considerata come una condizione favorevole all’attività della scrittura, che ha bisogno, per così dire, che le si appartenga e non si appartenga ad altro. E il non appartenere ad un luogo era traslato nella sua scrittura:

Ho l’abitudine di scrivere senza precisare il luogo in cui si svolgono le azioni. Ho l’abitudine di scrivere le cose ‘in generale’. Le cose accadono in generale, un po’ dappertutto. E non immagino nemmeno i personaggi in un tempo preciso. Può essere accaduto oggi. E anche ieri”.[ii]

Il suo ultimo libro è stato “C’est égal”, del 2005, una raccolta di testi pubblicata dalle francesi Editions du Seuil.

Dirà, a proposito della scelta di non scrivere più: “È faticoso, o doloroso, scrivere. Ho l’impressione di aver quasi detto tutto[iii]

Per leggere la recensione dell’opera “Trilogia della città di K” di Agota Kristof clicca qui.

 

[i] linkiesta.it/agota-kristof-analfabeta-trilogia-della-citta-di-k-libri-morta

[ii] ilfoglio.it/articoli/v/108487/rubriche/laddio-ad-agota-kristof-la-signora-fa-sempre-lo-stesso

[iii] linkiesta.it/agota-kristof-analfabeta-trilogia-della-citta-di-k-libri-morta

 

Un commento su “Agota Kristof

  1. Pingback: La libraia virtuale ha riaperto i battenti | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il gennaio 5, 2015 da in Sugli autori con tag , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: