la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Carpe diem, del domani fidandoti meno che puoi

Premessa a:

Rovelli Carlo, “L’ordine del tempo”, Adelphi 2017

(Orazio, “Odi ed Epodi”, Feltrinelli, zoom Poesia)

 

È stato un po’ di tempo fa, era il febbraio dello scorso anno, quando ho proposto un piccolo Adelphi di Carlo Rovelli, “Sette brevi lezioni di fisica”, (qui) e ora ho atteso prima di proporre questo suo nuovo lavoro. Ci sono libri che richiedono riposo, dopo averli letti, e tempi lunghi per affrontarne un seguito: ed è questo il caso.

Non so se questo “L’ordine del tempo” si possa considerare un seguito; forse varrebbe meglio dire che “Sette brevi lezioni di fisica” ne è stato la premessa, e non solo in quanto testo di divulgazione scientifica non separata da uno sguardo olistico sull’uomo, e (per ognuno) su di sé. Con questo nuovo lavoro l’autore, a modo suo, ci mette tra le mani, con un tono colloquiale che stempera la fatica del confronto con un tema ostico, una domanda, in prosecuzione di un discorso iniziato, ad alto impatto per la vita di ognuno; una domanda sul nostro vivere nel tempo e sul nostro pensiero del tempo.

Un tema difficile, anche per chi è in grado di affrontare con la dovuta preparazione una materia che, inutile negarlo, se pure viene qui proposta dal punto di vista delle conoscenze, allo stato attuale, del mondo fisico, dispiega le sue domande su molti fronti, primo tra tutti il piano filosofico, che incontra, comunque espresso, la vita di ognuno – ed incontra una domanda sulla morte, la nostra, individuale; e sul vivere, sul cambiamento, sulla memoria; e il nostro eterno interrogativo, e la illusoria ricerca di certezza, sul futuro.

Una domanda affascinante, dai cui lacci, iniziata la lettura, risulterà impossibile districarsi. Dopo che gli si è porto orecchio, questo non è un libro che si fa lasciare.

Tredici brevi, intensi capitoli, e un breve paragrafo di chiusura, su cui misurarsi con lentezza (sempre il tempo! Che, in queste pagine, diverrà possibile, per noi, per la nostra esperienza, persino rallentare; da cui sembrerà possibile addirittura prescindere!) – e da maneggiare, in una veste tipografica di piccolo volumetto, decisamente tascabile, da riporre e riprendere con agio, grande pregio della piccola Adelphi, che darà un qualche sollievo alla difficoltà del contenuto – introdotti magistralmente da alcuni  versi in esergo, che costituiscono un preziosissimo controcanto al testo; che lo decriptano; che invitano a rimanervi, a confidare in ciò che si legge e che, spesso, richiede rilettura e ancora rilettura del periodo, riflessione, pensiero e, anche, sì, fatica.

L’autore “dialoga” con Orazio, in quest’opera. Ci sono i suoi versi che – a rischio, come spesso accade agli esergo, di venir trascurati – ci dicono: rimani, ecco di cosa si tratta, non sto parlando d’altro, confida. Che sono bellissimi, per sé. Che, di loro, basterebbero a se stessi.

Ho dedicato – ho dovuto dedicare – un certo tempo a questo libro; con il piacere di leggere Orazio come in un controcanto attraverso cui sentire che anch’io, dal mio punto di vista particolare, posso attualizzare, e vivere, la relatività del tempo, il suo costituirsi in altro, come ciò avvenisse per opera mia, come un insieme di eventi, tra cui questa lettura, che ritaglia un diverso ritmo alle ore del giorno.

Così, per ulteriormente giocare una modulazione del tempo, là dove le spiegazioni, pur chiare, del professor Rovelli, affaticano (me, naturalmente, adeguatamente ignorante, pur se sempre affascinata, della materia) ecco una Premessa, in cui cercare – io non sono certa di averne trovata una sola, o neppure una, sicuramente non una certa – una chiave di lettura, costruita attraverso gli esergo – che compongono un discorso; tratti, scrive Rovelli “dalle Odi di Orazio, nella traduzione di Giulio Galetto pubblicata dalle edizioni del Paniere in un incantevole minuscolo volumetto intitolato “In questo breve cerchio” – Verona 1980 (introvabile: un dispiacere).

Un titolo di capitolo, un argomento; e i versi che indicano la strada, e restituiscono, ostendono, uno, tanti, modi del tempo, e del pensiero sul tempo; e tempi, e spazi, e modi delle relazioni.

Parte Prima

Lo sfaldarsi del tempo

Cap. 1 – La perdita dell’unicità

Anche le parole che ora diciamo / Il tempo nella sua rapina / Ha già portato via / E nulla torna (I, II)

Cap. 2 – La perdita della direzione

Se più dolcemente di Orfeo, / che gli alberi anche commosse, / tu modulassi la cetra, / Il sangue non tornerebbe / all’ombra vana… / Duro destino, / ma meno grave si fa, / col sopportare, / tutto ciò che far tornare a ritroso / è impossibile (I,24)

Cap. 3 – La fine del presente

Si apre / A questo vento dolce / di primavera / Il chiuso gelo dell’immobile / stagione / e le barche tornano / al mare…/ Adesso dobbiamo intrecciare / corone / e ornarcene il capo (I, 4)

Cap. 4 – La perdita dell’indipendenza

E quell’onda / navigheremo tutti / quanti ci nutriamo / dei frutti della terra (II, 14)

Cap. 5 – Quanti di tempo

C’è in casa / un orcio di vino vecchio, / di nove anni passati. / C’è, Fillide, nel giardino / l’appio per intrecciare corone / e tanta edera… / Ti invito a festeggiare / questo giorno di mezzo aprile, / giorno per me di festa / più caro quasi del mio natale (IV, 11)

 

Parte seconda

Il mondo senza tempo

Cap. 6 – Il mondo è fatto di eventi, non di cose

Signori, il tempo della vita è breve… / se viviamo / viviamo per calpestare i re (Shakespeare, Enrico IV)

Cap. 7 – L’inadeguatezza della grammatica

Se ne è andato il bianco / delle nevi. / Il vento torna / nell’erba dei campi, / nelle chiome degli alberi; / e la grazia lieve della primavera / è ancora con noi. / Così il giro del tempo, / l’ora che passa e ci rapisce / la luce / sono il messaggio / dell’impossibile nostra immortalità. / Il gelo allentano questi tiepidi venti. (IV, 7)

Cap. 8 – Dinamica come relazioni

E prima o poi tornerà / il calcolo esatto del nostro tempo / e saremo sulla barca / che naviga all’approdo / più amaro (II, 9)

 

Parte terza

Le sorgenti del tempo

Cap. 9 – Il tempo è ignoranza

Tu non chiedere / l’esito dei miei, dei tuoi giorni, / Leuconoe / – è un segreto sopra di noi – / e non tentare calcoli astrusi (I, II)

Cap. 10 – Prospettiva

Nella notte impenetrabile / della sua saggezza / un dio chiude / la striscia dei giorni / che verranno / e ride / del nostro umano trepidare (III, 29)

Cap. 11 – Cosa emerge da una peculiarità

Perché il pino alto / e il pallido pioppo / intrecciano i rami / a darci quest’ombra dolcissima? / Perché l’acqua fuggente / inventa lucide spire / nel tortuoso ruscello? (II, 9)

Cap. 12 – Il profumo della madeleine

Felice, / e di se stesso padrone / l’uomo che / per ogni giorno del suo tempo / può dire: / «Oggi ho vissuto; / domani il dio stenda per noi / un orizzonte di cupe nubi / o inventi un mattino limpido / di luce, / non muterà il nostro povero / passato, / non farà un nulla senza memoria / delle vicende che l’ora fuggente / ci avrà assegnato» (III, 29)

Cap. tredici – Le sorgenti del tempo

Forse il dio ci serba molte stagioni / ancora, / o forse l’ultima è questo / inverno / che ora le onde del Tirreno / riconduce a battere contro / scogli di corrosa pomice: / tu sii saggia. Versa il vino / e chiudi in questo breve cerchio / la lunga tua speranza (I, II)

(E risuonano, ancor più forti nell’essere taciuti, i versi che seguono, a chiusura dell’ode – “Parliamo, e sarà intanto / fuggito / l’invido tempo. Carpe diem, del domani fidandoti meno che puoi”.

In loro vece, un breve paragrafo di chiusura:

La sorella del sonno

L’arco breve dei giorni, / o Sestio, / ci vieta di avviare / lunghe speranze (I, 4)

 

A domani, più o meno – ci riuscirò? – il tentativo di restituire uno sguardo, inesperto, sul contenuto di questo “L’ordine del tempo”, dal cui fascino, e dai cui interrogativi irrisolti (e in buona parte incompresi) fatico a liberarmi.

 

5 commenti su “Carpe diem, del domani fidandoti meno che puoi

  1. laulilla
    settembre 9, 2017

    L’ho letto tutto e credo di aver capito qualche cosa, ragione per la quale ci torno sopra quasi quotidianamente, con un occhio più attento alla terza parte che è anche quella in cui i richiami alla letteratura mi fanno sentire maggiormente a mio agio, anche se gli esergo dei capitoli sono in ogni caso molto incoraggianti, almeno per me. I disegnini, invece, mi mettono in crisi.
    Quando cerco di parlarne, però, mi rendo conto dell’insufficienza della mia comprensione: ho capito ma non so ripetere se non in modo molto approssimativo quello che mi era sembrato chiaro: mi mancano le parole, forse… 🙂

    Mi piace

  2. Ivana Daccò
    settembre 9, 2017

    Ciao, mi consoli. Proprio come te ho trovato i disegnini, alla fine, divertenti nel senso del pensare quanto ci deve aver lavorato sopra il prof. Rovelli ritenendo di spiegarsi meglio di quanto non abbia fatto, e lo ha fatto, con le parole. Mi ha anche incuriosito il fatto che lui abbia ritenuto la terza parte la più difficile mentre l’argoemnto lo sarà sicuramente per lui, essendo la parte su cui si svolge la sua ricerca, che mira a risultati dimostrati ma è invece semplicemente molto interessante per il lettore, che viene affascinato dalle ipotesi e non deve farsi carico se non del piacere, dell’esperimento mentale della loro formulazione.
    Quanto poi a saper dare una restituzione di quanto letto: mai più! per quanto mi riguarda.
    Infatti, sono qui che mi arrabatto per cercare di scriverne: a modo mio, ovviamente.
    Un libro bellissimo. Che, infatti, si fa riaprire, e rileggere, a spezzoni, a balzi, per poi essere riletto da capo a fondo, proprio come accade a te. Non si fa lasciare.
    Ciao e grazie

    Liked by 1 persona

  3. dragoval
    settembre 10, 2017

    Carlo Rovelli ed Orazio. Si può chiedere di più? 🙂
    Ho anch’io in lettura- non completa, non uniforme, elastica , quantistica :-)- il libro di Rovelli. La fisica non ha ancora risposto- per lo meno non unanimemente- a tutti gli interrogativi, e forse questa è una fortuna, perché lascia dei vuoti che vengono riempiti dall’anima, e dalla speculazione filosofica, che talvolta coincide con la poesia; sublimi, tra tutte, le definizioni di Agostino ( “distensio animi”) e Platone (“immagine mobile dell’eternità“).
    Chissà, forse troverà legittimazione, nei libri della scienza, anche la definizione di campo poetico (che, come quello gravitazionale, di spazio e tempo è intessuto); del resto, i numerosi riferimenti a Rilke e ad Anassimandro, oltre appunto che ad Orazio poeta del tempo, potrebbero anche autorizzare questa ipotesi.

    Liked by 1 persona

    • Ivana Daccò
      settembre 10, 2017

      Un “campo della poesia” che si estende e intreccia la realtà subatomica? indipendente dalla freccia del tempo… che bello! Giocare con nozioni capaci di dar luogo a fantasie e, in conseguena, a realtà che, come fantasie, sono tali. Bellissimo.
      Tutto vero, credo.
      Nel frattempo, ho delirato allegramente sul libro, che confermo bellissimo sempre più ad ogni rilettura, quando paga la fatica di lasciar da parte i sensi di colpa per l’incomprensione di buona parte di “specifiche tecniche
      Ciao, e grazie!

      Liked by 1 persona

  4. Pingback: “Carpe diem”, anche confidando nel domani | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: