la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Senza rete: i libri e i giorni

Questa non è una recensione. Anche se c’è un libro, la cui lettura mi piacerebbe condividere; con il desiderio, tuttavia, di ricercare il particolare legame che un libro, e forse qualcuno più di altri (ma non è detto), intreccia con la vita del suo lettore; con una storia individuale, nel tempo e nei giorni in cui viene letto.

Quando vita e lettura si intrecciano, il libro colora le esperienze, che a loro volta segneranno le pagine con le luci e le ombre del nostro personale tempo.

Avviene che i ricordi portino a mutare la sostanza della pagina letta, venendone a loro volta mutati. Capita, di scoprirsi incerti tra l’aver vissuto un qualcosa in prima persona e l’averne letto, dentro una singolare mescolanza di esperienze. Trasformati dal nostro particolare, i libri faranno di noi la persona che siamo, sempre provvisoriamente. Le pagine lette intruderanno gli eventi della nostra vita, modificandone la forma.

La lettura evoca; la lettura modifica i nostri ricordi; la lettura li crea. Ad ognuno i suoi, del momento, che orienteranno letture successive di ciò che accadrà e ci accadrà; per suggestioni irripetibili, diversamente evocative.

In questi giorni sto leggendo a balzelloni, un po’ questo un po’ quello. Sono giorni particolari: sono in viaggio; troppo spesso, e per alcuni giorni di seguito, orfana di Wi-Fi (con annessa ira funesta). Sto leggendo “Infanzia sul Baltico”, di Theodor Fontane – lentamente, mantenendo una rarefatta continuità, matita alla mano, in momenti selezionati, come il libro richiede (e come richiedono giorni mobili e tranquillamente indaffarati). Non finirò questo libro velocemente. Non desidero farlo.

In “Infanzia sul Baltico” Theodor Fontane sta ripercorrendo la propria infanzia, a Swinemünde; la vita del tempo, un humus culturale che regolava “miti e riti” della famiglia e della comunità; i luoghi della formazione – la scuola, i giochi, le relazione della e nella famiglia.

Spicca, nel racconto, il ritratto del padre: un simpatico irresponsabile, giocatore, che dilapida, tra sensi di colpa e autoassoluzioni, le sostanze familiari.

Leggo, confronto, reagisco. È forse apparente l’affettuosa e sorridente comprensione da parte del figlio? Al di sotto della calda tollerante narrazione che ne compie l’autore giunge l’eco di una vendetta? Per un’infanzia sottilmente e tacitamente sofferta di cui ricostruire, per addomesticarne il ricordo, una versione buona? Oppure: quanto di questa lettura, che è pur sempre la mia, costituisce una qualche forma di identificazione?  Per dettagli, emozioni, ricordi. E, alla fine, qual è il ricordo vero? Di Theodor Fontane, naturalmente. Ma non solo.

Fatta salva la verità per cui non esistono buone infanzie – il processo della crescita stira ossa e nervi di ognuno – una sottile ironia, facilmente e forse falsamente assimilabile al sorriso bonario, pervade la narrazione. È difficile districare lo sguardo dell’adulto sui conflitti, sui momenti di crisi tra i genitori causati dai comportamenti del padre e dai problemi che ne derivavano, dal vissuto del bambino; e non dover fare i conti con i propri ricordi infantili (il diverso tempo, i luoghi altri: le vite, le relazioni, sempre riconoscibili), non permearli dei propri ricordi, non derivarne una possibile variante – ci sono tanti modi di lettura della stessa cosa (o si tratta di un’altra?), tanti modi degli intrecci odio-amore-rancore-affetto-volontà di guardare negli occhi la propria vita-respingimento-ricerca di guardare attraverso uno sguardo altro.

Ma ci sono pure, determinanti nel dar colore a ciò che avviene, un contesto, un ambiente fisico, un ambiente sociale. Una comunità, con le sue classi sociali, i suoi notabili e non, le difficoltà economiche da combinare con gli obblighi di appartenenza. Le “Famiglie”. Le piccole grandi discendenze.

Theodor Fontane, 1819 – 1898

Si ascolta una narrazione, come ci si trovasse, la sera, comodamente seduti in compagnia, nel salotto di una vecchia casa di campagna. Un dopocena trascorso tra buoni conoscenti, con cui si condivida una frequentazione sociale declinata nella forma dell’amicizia, scandita dal ritrovarsi, a casa dell’uno o dell’altro, a cadenze fisse: buoni riti borghesi nel corso dei quali si creano quei conversari in cui, a turno, l’uno o l’altro dei partecipanti assume il ruolo del narratore. Si ricorda. Si ripercorrono fatti, storie di vita, conoscenze comuni, intere genealogie. A mezzo tra il ricordo condiviso e il pettegolezzo, acidulo, senza parere: salve, anzi benevole, le forme.

Ci si rassicura su di sé, sulla propria famiglia, sulla propria storia, nella condivisione: di un’infanzia, di un luogo, di un passato; mentre il tempo, elastico, si espande, si raccorcia, trascorre dall’ieri ad un presente che di quel ieri è figlio, di cui portiamo un incongruo personale ricordo, come di un già vissuto.

Ci troviamo nella prima metà dell’’800 – e per chi legge quel tempo diventa, se non il proprio, un tempo noto, potremmo dire consueto.

E il linguaggio? Come mi sono espressa, senza riflettervi? Ho scritto di “conversari”, e quando mai questo termine verrebbe usato oggi; ma in effetti, quelle che il libro evoca non sono “conversazioni” – che appartengono ad un nuovo tempo, che hanno un significato forse affine ma non veramente. Le forme della lingua cambiano, nel tempo; cambiano i significati, e la parola che si modifica, per variazioni anche minime, segnala l’abitare un mondo diverso.

Lo spazio, i luoghi, di cui si narra in queste pagine, oltre al tempo, non ci appartengono: nel mentre, ognuno a proprio modo, li riconosceremo. Come ricordi.

Leggo e assorbo tranquillità, storia di un vissuto elaborato e accolto; mentre ascolto, e posso sorriderne, una storia di vita a tutti gli effetti orribile; in un ambiente culturalmente anestetizzato. Leggo e assorbo l’annientamento, senza contraddittorio possibile (ogni accusa è ostentatamente assente) della figura paterna. A parricidio compiuto, dopotutto, ci può stare la riconciliazione.

Strumento potente, la cultura; i cui aspetti obsoleti, di necessità, possono venir recuperati e utilizzati, fuor di tempo e fuor di luogo: per comprendere, forse; sicuramente per accogliere.

Sarà così? Un libro – ogni libro, questo libro – pare possegga la capacità di frugare dentro alla nostra memoria, e in qualche modo pescarvi, riordinandoli, frammenti di un tempo altrui di cui – una memoria genealogica? – conserviamo tracce; che conserva, come nostri, fatti, luoghi e ambienti che ci sono stati narrati. Abbiamo tutti avuto dei nonni, dei bisnonni (almeno i più fortunati tra di noi); abbiamo variamente conosciuto, frequentato persone di altre età – la vita è per definizione un’esperienza intergenerazionale; è, per l’appunto, trasmissione culturale – che, a loro volta, conservavano una memoria più antica; e raccontavano, non solo con la parola: raccontavano con abitudini di vita, con gesti, con regole, scadute ma non scordate. Narravano, con parabole,, il come di una vita buona e sui modi giusti dell’intrattenere relazioni.

Seduti in quel salotto, mentre uno racconta della propria famiglia, racconta fatti del luogo, cose avvenute da non dimenticare – ci ritroviamo ad assentire. E riconosciamo un linguaggio.

Nel mentre, per poterlo fare bene, eccoci a – mi scapperebbe il dire: eccoci a compulsare un libro di storia, l’enciclopedia, quel tal romanzo. E invece no. Eccoci a smanettare in rete, alla ricerca di notizie su di un certo Re, sulla tale legge del tempo, su di un’antica battaglia, sulle norme che regolavano i commerci, su famiglie notabili – e com’era quella antica storia degli ugonotti, in fuga dalla Francia – e c’è la nuova moderna maledizione, la rete non funziona, e un senso di furia commista a irrealtà ci assale.

È una vertigine: sto vivendo là, in quel tempo, e certo, devo raggiungere un’informazione, trovare una cartina dei luoghi, altrimenti tutto va a patrasso; e nel mentre, dentro un preciso sentimento di appartenenza, di un reale abitare, in assonanza con un tempo e un luogo totalmente altri, mi sorprendo a non saper cosa fare di me – dentro quel tempo là, un tempo senza Wi-Fi!.

Mi ritrovo a raccontare a mio marito vecchie storie di famiglie, di vecchi conoscenti, dei miei genitori, addirittura dei miei nonni – appartengo alla storia delle persone fortunate, avendo avuto un’infanzia arricchita da sei bisnonni, e la trisavola se ne era da poco andata rimanendo presente, per vicinanza di vita, nei racconti di casa; e quattro nonni hanno conosciuto i miei figli e così i racconti sono seguiti ai racconti – sai, era una della famiglia Tal dei Tali, ma poi le cose non sono andate del tutto bene, la vecchia casa è stata venduta. Oggi c’è ancora ma tutto è cambiato – Il vecchio era un tipo strano; nessuno parlava, per il buon nome della famiglia, pure se tutti in paese sapevano. Un originale, ma chi non lo è?

Augusto De Angelis, 1888 – 1944

Per la sera –  a letto il cartaceo è meno funzionale, diciamolo. Il cuscino non consente matita, interruzioni per decriptare note, ricercare vocaboli desueti; per annotazioni a margine e quant’altro. E dunque, i gialli ormai antichi, siamo ora agli anni ’30 del ‘900, di Augusto De Angelis, le storie del Commissario De Vincenzi assolvono la bisogna: visto cosa succede? Anche qui; ancora pagine che marchiano il linguaggio con il loro tempo: chi mai oggi direbbe “assolvere la bisogna?” Che poi è termine decisamente più antico, controllo i vocabolari e la Crusca, ed ecco, Dante, Boccaccio; ma è anche, vedi un po’, parola sopravvissuta nel linguaggio burocratico. De Angelis? Epoca fascista? Burocrazia? Ci sta. Ci sta tutto. Ci sta ancora.

La sto facendo troppo lunga. Proseguirò domani. Nel frattempo, penso alla mia lettura delle pagine di Fontane. Avrà poco a che fare con il libro? Posso consigliarne la lettura? Certo sì. Ognuno a modo suo.

10 commenti su “Senza rete: i libri e i giorni

  1. laulilla
    settembre 26, 2018

    Avevo notato “conversari” . Bellissimo termine. Mi è sempre molto piaciuto l’uso sostantivato, al plurale dell’infinito. Non pentirtene! 🙂

    Piace a 2 people

  2. Alessandra
    settembre 27, 2018

    Belle queste riflessioni. Succede anche a me di identificarmi o riflettermi in ciò che leggo, in particolare quando capita quella particolare lettura capace di smuovere qualcosa dentro, costringendo a fare i conti con qualcosa che si sta vivendo o che è rimasto in sospeso. Altre volte, come dici, sono le memorie del passato ad essere riattivate, in qualche modo riesumate. Per quanto riguarda Fontane, avrei in programma di leggere Effi Briest, ma non prima di aver terminato altre letture. Devo impormi un po’ di disciplina 😉 PS – sei bisnonni, è sorprendente! Per me una sola, avevo cinque anni quando volò via, ma ancora ricordo che, completamente cieca, riusciva a distinguermi dagli altri numerosi nipotini toccandomi semplicemente la testa… Peccato non averla avuta accanto in un’età maggiore; chissà quante esperienze di vita vissuta – goduta e sofferta – avrebbe potuto trasmettermi (era stata un’esule istriana, sfuggita ai massacri delle foibe).

    Piace a 1 persona

    • Ivana Daccò
      settembre 27, 2018

      Sai, figlia primogenita, nipote e pronipote di primogeniti, di un tempo in cui i figli si facevano a vent’anni, le nonne, per le storie di famiglia, e i nonni (e due bisnonni, quando ero molto piccola) per le favole, sono stati davvero importanti. Ma poi c’erano le pro-prozie, sorelle minori di una trisavola (di cui possiedo persino una foto), un nugolo di vecchiette dalla memoria ferrea, sicurissime del loro diritto a venir omaggiate con la dovuta frequenza da stuoli di nipoti e pronipoti. Sì, riguardando indietro, sono stati una grande ricchezza. Lottocento non mi risulta un tempo molto lontano, temo.

      Piace a 1 persona

  3. gabrilu
    settembre 27, 2018

    In pieno “Fontane style”. Theodor Fontane non avrebbe potuto esprimersi meglio 🙂

    Mi piace

  4. Ivana Daccò
    settembre 27, 2018

    Grazie. Il tuo parere è per me importante.
    Continuo godermi la lettura, piano piano.

    Mi piace

  5. Renza
    ottobre 3, 2018

    Su Fontane ha detto già molto gabrilu, anche nel suo blog: io posso solo ribadire che la lettura dei suoi romanzi è un gran piacere. Un accomodarsi in un mondo classico e sfaccettato, e sentirsi a proprio agio.
    Scrivo per ringraziarti di avermi fatto scoprire De Angelis. Cercavo un libro da regalare a un amica che ama anche i gialli e nei tuoi post ho “scovato” questo autore. L’ ho letto anch’ io ( I misteri delle tre orchidee) e ne sono stata contenta. Bella quella sua lingua d’ antan ” egli …attossicato dagli stupefacenti e dall’ alcole”. Quasi da tenerezza.

    Piace a 1 persona

    • Ivana Daccò
      ottobre 3, 2018

      Mi fa piacere che ti sia piaciuto De Angelis, e il suo godibile linguaggio. Fontane, in effetti, è Fontane.
      Grazie

      Mi piace

  6. Pingback: Senza rete: i libri e i giorni – seconda parte | la libraia virtuale

  7. dragoval
    ottobre 14, 2018

    Molto bello ed intenso, questo tuo post dedicato all’ Infanzia sul Baltico di Fontane, autore che io non ho ancora affrontato, ma che mi rimanda, per suggestione, all’amatissimo Anime baltiche di Jan Brokken – e che dunque spero di leggere, quando sarà, per l’assoluta fascinazione che esercitano su di me i Paesi del Nord.
    Quanto ad Augusto De Angelis- di cui ho letto con interesse in altri tuoi post, che mi hanno molto incuriosita- credo verso di lui abbia qualche debito (il mio caro) Maurizio De Giovanni, con il suo commissario Ricciardi, che appunto si muove nella Napoli degli anni Trenta, ambientazione (che io credevo) inconsueta ed inedita. Quanto al romanzo giallo da intendersi essenzialmente come romanzo politico, nulla d più vero; e lo sapeva bene il nostro Gadda.
    Un saluto e grazie per questi tuoi contributi così fecondi di riflessioni- ed emozioni, anche.

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      ottobre 14, 2018

      Non ci avevo pensato, ma è vero! Diversissimi, i due investigatori, ma c’è sicuramente un’eredità, più che un debito, credo. Anche a me piace molto De Giovanni, pure se, mi accorgo, da tempo non leggo una sua storia.
      Sai che, di Gadda, ho letto (e adorato, peraltro) solo Quel pasticciacio brutto…? Molto molto tempo fa.
      Grazie a te, per le restituzioni interessanti che offri.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 26, 2018 da in Recensioni con tag , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: