la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Qui si parla di noi: donne, vecchie e ragazzine

L'estate senza uominiSiri Hustvedt, “L’estate senza uomini”, Einaudi 2013

 Incipit: “Qualche tempo dopo che lui aveva detto la parola ‘Pausa’, impazzii e finii in ospedale. Non aveva detto “Non voglio vederti mai più”, oppure “E’ finita” ma dopo trent’anni di matrimonio ‘Pausa’ bastò a trasformarmi in una matta i cui pensieri si scontravano esplodendo e rimbalzando come pop corn nel microonde”.

Il seguito è leggerezza e profondità, sorriso e ironia lieve, dolore buono, se si può dire così, e persino allegria. Ed è corporeità. Buona e integra.

La protagonista, Mia Fredricksen, poetessa ultracinquantenne, docente universitaria, felicemente sposata da trent’anni con Boris, neuroscienziato, dopo il ricovero ospedaliero sceglie di trascorrere l’estate al paese dove vive la madre, anziana ospite di una struttura di alloggi protetti per anziani.

L’estate si svolgerà all’insegna del “senza uomini” e di una non programmata rivisitazione del femminile: un femminile universale, che certo ha a che fare con una rivisitazione di sé, nel momento in cui la vita di Mia sta radicalmente cambiando e lei deve trovare un ancoraggio per la propria identità; ma anche una rivisitazione che ne prescinde, scendendo al caso particolare, il suo, solo in via deduttiva, fornendo risposte al suo bisogno di restituire un senso a ciò che le è successo, per mantenere un sé non scisso.

Mia – “donna scartata” – si organizza un tempo in cui ritrovarsi: vicina alla madre; procurandosi un piccolo alloggio per sé in cui ricevere le visite della sorella e della figlia, organizzando con l’associazione culturale locale un “laboratorio di poesia” per adolescenti.

Avrei passato il tempo con mia madre e avrei portato fiori sulla tomba di mio padre”. L’incontro con le amiche della madre sarà il primo universo femminile, quello della vecchiaia, dal quale trarre spunti per interessanti conti sulla vita, sul corpo, sulla sessualità, sul matrimonio. Mia incontrerà così Georgiana, centodue anni, felice di avere ancora tutte le rotelle a posto, e poi Regina, Peg e, soprattutto Abigail, una vispa novantaquattrenne, piegata in due come un uncino, con cui si formerà un particolarissimo rapporto al femminile, fondato sul racconto di particolari ‘divertimenti segreti’, che l’anziana svelerà a Mia. Ci sarà il gruppo di lettura in cui sono impegnate sua madre e le amiche, alle prese con “Persuasione” di Jane Austen.

Le cinque donne “vivevano in un presente feroce perché (…) per loro la morte non era per nulla astratta”; ma anche la loro vita manteneva tutta la propria concretezza, la specificità delle storie individuali, declinata e condivisibile nel femminile che le accomunava: “Per lo più avevano perso i mariti da tempo, ma erano sopravvissute e in quegli anni non avevano dimenticato i defunti sposi, sebbene non si fossero nemmeno aggrappate al loro ricordo, a quanto pareva. Anzi, il tempo le aveva rese formidabili.” E reggevano la realtà della propria vecchiaia e la possibilità, l’imminenza, del “buco nero” che le avrebbe potute inghiottire in ogni momento, come aveva inghiottito altre amiche che avevano visto andare, senza troppo dolore.

Invecchiare va benissimo. L’unico problema è che il corpo va a pezzi”: dice sua madre. E Mia si rende conto che la madre, per lei, “era un luogo, oltre che una persona”, un ‘dove stare’ – impossibile non pensare alda mihi ubi consistam, et terram coelumque movebodi Archimede, e una sua impropria traduzione in senso esistenziale: “Dammi un dove stare, un qui ed ora da cui io io possa partire, consentimi di sapere chi sono, e solleverò cielo e terra”. Spero mi sarà perdonata la libertà di traduzione, ma questa definizione della madre mi ha molto colpito e, inevitabilmente, particolarmente per questo libro, scrivo anche per me.

“Avrei insegnato poesia alle ragazzine dell’Art Guild, l’associazione culturale locale”: come presumibile, il gruppo si rivelò composto da tredicenni tutte femmine. Peyton, altissima e piatta, Jessica, piccola e femminile, Emma, nascosta dai capelli, Ashley, che “camminava e si sedeva con l’aria insicura che deriva da una zona erogena acquisita da poco” e che con Jessica, Nikki e Joan formava la “Banda delle Quattro” “cariche di orecchini penzolanti, con le labbra lucide, l’ombretto e magliette ricoperte di scritte che lasciavano scoperte pance più o meno piatte.”

L’incontro con questo universo della crescita, del formarsi, primariamente sociale, del femminile, costituirà un banco di prova e di conoscenza che darà luogo a storie, di dolore e di formazione, di comunanza e di scontro. E di scrittura, che tradurrà le relazioni, i sé, i corpi in cambiamento.

Emerge, potente, il tema della sessualità, le sue declinazioni e il suo permanere nelle diverse età della vita; il tema del matrimonio, il tema della differenza; emergono dialoghi (anche con il lettore, che viene richiamato per nome, dentro le riflessioni in corso) e pensieri in libertà. E i pensieri, su di sé, hanno un corpo, così come sono rappresentate con, e a partire dal, corpo le altre donne, le vecchie, le ragazzine, le loro madri, la giovane vicina di casa con marito maltrattante, i suoi bambini. E i maschi che non ci sono ma compongono lo sfondo, il termine di paragone, l’alter ego cui contendere/con cui condividere lo spazio nel mondo.

Rivendicando la scrittura e la lettura e la loro corporeità (“la parola scritta nasconde il corpo di chi scrive”), esplode ilare la riflessione sul divieto, un tempo suggerito alle donne, di dedicarvisi, particolarmente alla lettura e, sia mai, alla scrittura di romanzi: “Come passatempo per giovin signore, leggere romanzi significava rossori e scabrosità. La logica: leggere è un passatempo privato, che spesso ha luogo a porte chiuse. Una giovin signora potrebbe ritirarsi con un libro, persino portarlo nel suo boudoir, e là, distesa su lenzuola di seta, immersa nei brividi e nei fremiti vergati con calami letterari, una delle sue mani, quella non indispensabile per reggere il piccolo volume, potrebbe vagare. Il timore, in poche parole, era la lettura a una mano sola.”

Ovviamente, la storia è a lieto fine.

 

 

4 commenti su “Qui si parla di noi: donne, vecchie e ragazzine

  1. saravisentin
    novembre 8, 2014

    sarei quasi d’accordo con te, Ivana, sulla valutazione di questo libro, se non avessi letto alcuni anni fa “quello che ho amato”, della stessa autrice, ma di uno spessore davvero superiore, tanto che un’estate senza uomini mi pare oggi poco più che una lettura da spiaggia. Ho letto tutto di questa autrice, ma nulla è paragonabile a “quello che ho amato”. Anche se, confesso, quando lo lessi non sapevo ancora che era la moglie di Paul Auster, un altro che leggo ogni tanto ma che non mi piace granché. Così, a dimostrazione che anche l’amore per la letteratura patisce gli stessi pettegolezzi, le stesse invidie, le stesse miserie della vita quotidiana 😉

    Mi piace

  2. Ivana Daccò
    novembre 8, 2014

    Ciao Sara, e grazie per la segnalazione. Per me, come ho scritto, “L’estate senza uomini” è stato il primo libro di questa autrice, che ho letto seguendo il consiglio di un’amica di cui stimo le valutazioni. E non sarà il solo che leggerò. Ora dunque ho un’indicazione per scegliere il secondo libro. Quanto a una classifica migliore/peggiore non so, esiste certamente un valore, vogliamo dire oggettivo, fattuale, che è possibile dare a un libro, e non tutte le prove di un autore sono uguali. Poi c’è il lato lettore; variano il momento in cui si legge e il piacere della lettura legato a quel momento, cose così.
    Spero di sentirti ancora

    Mi piace

  3. mara zatti
    marzo 15, 2015

    Ciao Ivana 😉
    Ebbene sì, dovrai leggere anche “quello che ho amato”, che è veramente, come dice Sara, di un altro livello. Anch’io l’io ho apprezzato tantissimo, ma ricordo anche la fatica. È un libro come un pugno nello stomaco. Per questo forse, poi, un’estate senza uomini, sembra “una passeggiata”. Ma è una passeggiata che si ha voglia di fare e durante la quale ci si trova ad assentire con la testa, in molti punti (almeno questo è capitato a me). Anche se tante esperienze non le ho ancora fatte si sa in un certo modo che sono lì e le si guarda come un tempo a venire, contente che qualcuno (qualcuna) ci prepari ad affrontarle nel modo giusto. E ora continuo con la mia, di “passeggiata” alla ricerca di un libro da leggere per ‘stasera. Saluti, Mara

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: