la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Pulizie di inizio anno tra le letture

Le streghe di SmirneIn questo blog, propongo i libri che, nuove o vecchie letture che siano, ritengo imperdibili e che, per quel percorso, di cui abbiamo già parlato, attraverso il quale un libro ne chiama un altro, si autopropongono alla mia voglia di leggere.

Nel frattempo, qualcosa acquisto, qualche altro libro attira la mia attenzione, e inizio altre letture che, talvolta, non spesso, restano incompiute: il libro non mi piace, non incontra il mio momento per essere letto, tradisce aspettative, giuste o sbagliate che fossero.

Devo dire la verità, la prendo male, talvolta molto male. Quasi avessi un diritto, fondato su un dogma, che impone al libro di essere quale io mi aspettavo. E questo fa parte dei miei aspetti caratteriali; ognuno ha i propri, immagino, e va così.

E sul mio tavolo, sparsi per casa, in ‘disordine’, restano, come vecchi ruderi, libri che, non essendo stati letti, aspettano tuttavia che venga data loro un’occasione: non c’è altro da leggere? Verrà il momento in cui sentirò di poter restituire loro una fiducia tradita? Qualcosa del genere.

In ogni modo, non vengono riposti, non ottengono una collocazione negli scaffali, rimangono in una specie di limbo tra i libri in attesa di lettura (del genere ultimi acquisti o piccola pila di libri che desidero rileggere), e i libri letti e decorosamente domiciliati: una penosa situazione da clandestini irregolari.

Non sono libri da eliminare. Tra quei clandestini ci sono cose buone e il piacere della lettura non richiede, sempre e solo, il capolavoro, sia o meno riconosciuto come tale dalla critica ufficiale.

Così, al volo, mi viene in mente, a titolo di esempio, un libro di un po’ di anni fa che, prima di averne finito la lettura consigliavo con grande entusiasmo a chiunque incontrassi e che difficilmente può essere considerato grande scrittura – si tratta di “Le streghe di Smirne” di Meimaridi Mara, Edizioni e/o.  Leggerlo è stato un grande piacere, anche e nonostante una scrittura brillante ma poco curata e la difficoltà di raccapezzarsi tra una miriade di nomi e genealogie. In Grecia è stato un grande successo editoriale e, mi dicono, ne è stato tratto un serial televisivo di successo. Ad oggi, non so di altri libri pubblicati (e tradotti) di questa autrice. Potrebbe essere, ancora una volta, il caso di un autore del libro unico?

In breve: sto tralasciando qualche buon libro che, evidentemente, non incontra il mio gusto o il mio interesse del momento e che, nella mia casa, ha il triste destino di vagare senza un suo posto. Mi irrito per il disordine che quei libri creano ma, quanto a questo, non c’è questione: <Io sono>, disordinata. In questo caso, tuttavia, non si tratta di disordine, si tratta del limbo dei libri, la cui esistenza mi disturba e per la quale provo un ingiustificato senso di colpa.

Ora, ho di fronte, oltre ai libri che ho acquistato e in attesa di lettura, tre di questi libri infelici.

Uno è – ne avevo parlato, credo – “Svegliamoci pure, ma a un’ora decente”, di Joshua Ferris, editore Neri Pozza 2014. Iniziato e lasciato. Ottima scrittura, nulla che mi abbia trattenuto su quelle pagine. Ho espresso il buon proposito di riprovarci (non so se le radici dell’Europa siano cristiane, ma, come si vede, le mie pare di sì, per cui i sensi di colpa, per loro natura immotivati e ipocriti, si aggiustano con i buoni propositi).

C’è poi, e questo è un abominio, “Troppa felicità” di Alice Munro, Einaudi 2014. Un abominio, trattandosi di una scrittriceTtoppa felicità insignita del Nobel che, a parte qualsivoglia considerazione, difficilmente potrei permettermi di squalificare, usiamo questo termine perché non me ne viene un altro. Sta di fatto che ho letto il primo racconto, ho letto il secondo, di seguito, poi sono passata a scegliere sul comodino da notte un altro libro, per fortuna provvedo sempre ad avere scelte di riserva così ho potuto evitare di alzarmi a notte fonda per vagare alla ricerca e rovinare definitivamente il mio riposo. Dico la verità. Mi stava annoiando. Sicuramente colpa mia. So che dovrò fare un altro tentativo, magari con un altro suo libro, ma una specie di moralismo improprio (vedi sopra) mi impone, prima, di darmi un’altra possibilità con questo. Ci deve pur essere stato un motivo se l‘avevo scelto. Ora non saprei proprio dire quale.

Ancora: Alejandro Jodorowsky, “Quando Teresa si arrabbiò con Dio”, Feltrinelli 2013. Quando ho iniziato questa lettura, mi ha preso, subito, poi non so cos’è successo, sono stata attratta da qualcos’altro, ho iniziato un secondo libro, ho rinviato la prosecuzione della lettura di Jodorowsky e, infine, l’ho dimenticato; l’ho ripreso, ho riletto le prime pagine e mi sono confermata subito nel piacere di quella lettura ma, avendo un libro che mi stava trattenendo, ho rinviato e Jodorowsky è stato nuovamente dimenticato. Ora l’ho con me; il proposito è stato nuovamente ripetuto e chissà (ma ci credo poco).

Ora, sarebbe bello se qualcuno che legge queste righe, avendo letto e apprezzato, o non apprezzato, l’uno o l’altro di questi libri, me ne dicesse qualcosa, compreso l’ordine perentorio di leggerli.

Per ora, ho concluso la lettura di “Miele”, di Ian McEwan, libro che è stato, nel corso di (quasi) tutta la lettura, lì lì per fare la stessa fine, che davvero non avrebbe meritato. Sarà la prossima recensione. Poi andrà nel suo scaffale e nel suo giusto ordine di collocazione, figlio legittimo cui è stato dato un nome.

 

2 commenti su “Pulizie di inizio anno tra le letture

  1. babalatalpa
    gennaio 13, 2015

    Il problema della Munro non è il Nobel, è che i suoi racconti sono generalmente perfetti. Vabbè, forse esagero. Forse non sono più obiettiva, ho letto diverse sue raccolte di racconti senza mai annoiarmi. Forse “Chi ti credi di essere?” era partito un po’ in sordina. Ma poi mi sono trovata a sottolineare e appuntare numerosi passaggi.
    “Troppa felicità” mi era piaciuto tantissimo. Unico cruccio: averlo preso in prestito; dovrò comprarlo prima o poi.
    Con Miele ho avuto qualche difficoltà. L’ho letto volentieri però non mi è sembrato il migliore McEwan. Ma sto dicendo una cosa molto impopolare (buona parte dei miei amici non mi ha rivolto parola per un po’ dopo quest’osservazione).

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      gennaio 13, 2015

      Grazie, mi serve il confronto. Beh, certo, il problema non è il Nobel, ma credo giusto pensare che il Nobel è un esito e che, dunque, si stia parlando di una scrittrice importante. Il minimo, da parte mia, è pensare che non l’ho letta con la giusta attenzione, in ascolto, e che devo darmi un’altra possibilità. Non è raro, per me, nella mia esperienza di lettrice, che mi sia capitato di essere sorda a un linguaggio, a un tema per poi ricredermi e magari nche entusiasmarmi. E riprenderò la lettura di Munro.
      McEwan, sto ancora elaborando in testa quel romanzo. Divertente che tu abbia subito un ostracismo (suponendo sia un’iperbole quello che racconti) per il tuo parere tepido. Anche bello, lettori appassionati, evidentemente. L’ho trovato interessante, con parti che mi hanno preso. Ne scriverò e magari ne riparleremo. Di lui non ho letto molto, ma è un grande scrittore.
      A presto,

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: