la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Lilli Gruber

Lilli_GruberSui servizi segreti (inglesi in particolare, mi pare, per merito di Ian Fleming) si sprecano tonnellate di narrativa, buona e meno buona, che attrae anche per la miscela, suggerita, di fantasia e sospette (desiderate, fantasticate) verità. Si dimentica che “il segreto” (ma definiamolo con un termine più acconcio e meno attrattivo, “la riservatezza”, opportuna o meno) non riguarda solo i servizi di intelligence degli stati. E si trova anche dove non ci si aspetterebbe. Nel giornalismo.

Nata a Bolzano nel 1957, Dietlinde (Lilli per tutti) Gruber è, come tutti sappiamo, non solo una interessante scrittrice, ma una nota e molto capace giornalista, con una esperienza che va dalla conduzione di telegiornali all’impegno come inviata di guerra. Ed è recentemente uscito un suo nuovo libro: “Tempesta”, edito da Rizzoli.

Di lei si sa anche che è stata invitata ed ha partecipato alle riunioni del Gruppo Bilderberg, che riunisce annualmente le più grandi personalità del mondo economico finanziario e politico internazionale (in prevalenza europeo e americano) ma vede anche la presenza di giornalisti. In questa occasione, tuttavia, questi ultimi non pare facciano il loro mestiere: si impegnano infatti a non informare il pubblico su ciò che il gruppo produce poiché le riunioni del Gruppo Bilderberg si svolgono all’insegna della massima riservatezza.

Questa organizzazione, nata nel 1954 su iniziativa di David Rockefeller, si trova ad essere oggetto di teorie complottiste e attira su di sé un’attenzione non benevola da parte di alcuni media, per la mancanza di informazione sui contenuti degli incontri, di cui non esiste documentazione, quantomeno pubblica, alcuna.

Nel contempo, riesce anche a ricevere un’attenzione mediatica molto contenuta; se ne parla poco. E questo è un fatto curioso.

Lilli Gruber non è la sola giornalista italiana ad aver partecipato ad incontri del gruppo Bilderberg. Dopo di lei, ad esempio vi ha partecipato la direttrice di Rainews24 Monica Maggioni. Colpisce comunque la contraddizione esistente tra la mission del giornalista e queste partecipazioni che non ottengono la notorietà che meriterebbero.

Per leggere la recensione di “Eredità. Una storia della mia famiglia tra l’impero e il fascismo” di Lilli Gruber, clicca qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: