la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

A proposito di: Siri Hustvedt e Paul Auster

Paul_AusterSiri_HustvedtSono la coppia indiscussa della letteratura americana contemporanea e una coppia dalle caratteristiche intriganti.

Sposati dal 1981, per lui è stato il secondo matrimonio, il lavoro sembra unirli, nella diversità di cifra della scrittura di ognuno, che rivela tuttavia, mi pare, una forte contaminazione così come forti sono gli interessi comuni, alcune tematiche che ritornano nelle loro scritture.

Diversissima è l’immaginazione dell’uno e dell’altra, diversissima la struttura delle loro opere.

Ma, iniziando con Paul Auster (precedenza all’età, lui è un anziano signore 68enne, lei una giovane 60enne), leggendo di lui, emerge l’immagine di uno scrittore impegnato su molti fronti: poeta, romanziere, saggista, sceneggiatore, regista, attore, produttore cinematografico. Molto. Troppo?

In effetti, questa immagine multitasking di Paul Auster, la capacità dell’uomo di attuare felicemente cambi di contesto, esprimendosi in molti codici diversi, pare qualcosa che definisce più il management dell’attività di comunicazione creativa che il prodotto, ad esempio il libro, che concretizza la comunicazione stessa.

E invece Paul Auster, oltre che un autore che la critica pone ai più alti livelli, è anche, e semplicemente, un autore molto prolifico. Anche solo con riferimento ai libri internazionalmente noti, ha al proprio attivo la pubblicazione di più di un libro all’anno in un arco di tempo di poco più di vent’anni. Un genio.

Il giornalista Paolo Mastrorilli, in occasione di un’intervista con la coppia Auster – Hustvedt, riporta le parole con cui la scrittrice Nicole Krauss, vicina di casa degli Auster, ha introdotto lo scrittore a un incontro di presentazione di un suo nuovo libro: «E’ molto difficile, per uno scrittore, stare vicino a lui. Ogni volta che ci incontriamo è sempre molto caloroso, espansivo, affettuoso, e mi comunica che proprio in quell’istante ha appena finito di scrivere un nuovo libro. Io vado via imbarazzata, umiliata dal paragone con la mia scarsa produttività. La vicinanza è così ossessiva, che la sera mi ritrovo spesso a guardare le finestre della loro casa, e nella mia testa, sento il picchiettare sui tasti del prossimo libro che domani lui avrà finito».[i]

Il primo matrimonio di Paul Auster, con Lydia Davis, avverrà quando il nostro aveva solo circa 20 anni ed era ancora studente. Ma non pare che la sua vita, negli anni che seguiranno, ne tenga conto: parte per un anno di soggiorno all’estero (a Parigi); tornato a casa e agli studi universitari, che terminerà nel ’70, si imbarca subito dopo su una petroliera, lavorandovi per un anno, per poi trasferirsi a vivere a Parigi per tre anni. Tornerà in patria nel ’74.

Si suppone che la moglie lo abbia seguito nei suoi pellegrinaggi? E nelle serie difficoltà economiche di quegli anni, mentre la vita di lui era totalmente modulata sulla ricerca della propria scrittura e su lavori – traduzioni, piccole pubblicazioni anche con pseudonimi – precari. Certamente non lo ha seguito sulla petroliera.

Sia come sia, il figlio Daniel nascerà nel 1977 e nel 1978 ci sarà il divorzio. Questa esperienza, il vissuto del divenire padre e la contemporanea crisi del matrimonio, in coincidenza con l’improvvisa morte del proprio padre (un padre assente, che la morte gli impone di vedere proprio quando, anche nella sua vita, si verifica il rischio di replicarne la figura con il proprio figlio), lo porteranno a scrivere “Invenzione della solitudine”.

Il matrimonio con Siri Hustvedt, nel 1981, è coinciso con il decollo della sua fama di autore. Da allora, la sua attività non ha più avuto interruzioni e tutta la sua opera è stata un successo ininterrotto. (Segue)

[i] http://www.lastampa.it/2014/03/11/cultura/paul-auster-e-siri-hustvedt-due-scrittori-e-una-capanna-VJfFrem9XZW67ONsD3Ko2J/pagina.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 4, 2015 da in Sugli autori con tag , , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: