la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

QUESTO è il modo giusto di andare in libreria

Se una notte d'inverno un viaggiatore 2ad acquistare QUEL libro, proprio quello, fresco di stampa, del TUO autore. Proprio lui.

Italo Calvino, «Se una notte d’inverno un viaggiatore», Einaudi 1979, pag. 5 – 6:

«Già nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento dei Libri Che Non Hai Letto che ti guardavano accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando di intimidirti. Ma tu sai che non devi lasciarti mettere in soggezione, che tra loro s’estendono per ettari ed ettari i Libri Che Puoi Fare A Meno Di Leggere, I Libri Fatti Per Altri Usi Che la Lettura, I Libri Già Letti Senza Nemmeno Bisogno D’Aprirli In Quanto Appartenenti Alla Categoria Del Già Letto Prima Ancora D’essere Stato Scritto. E così superi la prima cinta dei baluardi e ti piomba addosso la fanteria dei Libri Che Se Tu Avessi Più Vite Da Vivere Certamente Anche Questi Li Leggeresti Volentieri Ma Purtroppo I Giorni Che Hai Da Vivere Sono Quelli Che Sono. Con rapida mossa li scavalchi e ti porti in mezzo alle falangi dei Libri Che Hai Intenzione Di Leggere Ma Prima Ne Dovresti Leggere Degli Altri, dei Libri Troppo Cari Che Potresti Aspettare A Comprarli Quando Saranno Rivenduti A Metà Prezzo, dei Libri Idem Come Sopra Quando Verranno Ristampati Nei Tascabili, dei Libri Che Potresti Domandare A Qualcuno Se Te Li Presta, dei Libri Che Tutti Hanno Letto Dunque È Quasi Come Se Li Avessi Letti Anche Tu.

Sventando questi assalti, ti porti sotto le torri del fortilizio dove fanno resistenza

i Libri Che Da Tanto Tempo Hai In Programma Di Leggere,

i Libri Che Da Anni Cercavi Senza Trovarli,

i Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento,

i Libri Che Vuoi Avere Per Tenerli A Portata Di Mano In Ogni Evenienza,

i Libri Che Potresti Mettere Da Parte Per Leggerli Magari Quest’Estate,

i Libri Che Ti Mancano Per Affiancarli Ad Altri Libri Nel Tuo Scaffale,

i Libri Che Ti Ispirano Una Curiosità Improvvisa, Frenetica E Non Chiaramente Giustificabile.

Ecco che ti è stato possibile ridurre il numero illimitato di forze in campo a un insieme certo molto grande ma comunque calcolabile in un numero finito, anche se questo relativo sollievo ti viene insidiato dalle imboscate dei Libri Letti Tanto Tempo Fa Che Sarebbe Ora Di Rileggerli e dei Libri Che Hai Sempre Fatto Finta D’averli Letti Mentre Sarebbe Ora Ti Decidessi A Leggerli Davvero.

Ti liberi con rapidi zig zag e penetri d’un balzo nella cittadella delle Novità Il Cui Autore O Argomento Ti Attrae. Anche all’interno di questa roccaforte puoi praticare delle brecce tra le schiere dei difensori dividendole in Novità D’autori Di Argomenti Non Nuovi (per te o in assoluto) e Novità D’autori O Argomenti Completamente Sconosciuti (almeno a te) e definire l’attrattiva che esse esercitano su di te in base ai tuoi desideri e bisogni di nuovo e di non nuovo (del nuovo che cerchi nel non nuovo e del non nuovo che cerchi nel nuovo).

Tutto questo per dire che, percorsi rapidamente con lo sguardo i titoli dei volumi esposti nella libreria, hai diretto i tuoi passi verso una pila di «Se una notte d’inverno un viaggiatore» freschi di stampa, ne hai afferrato una copia e l’hai portata alla cassa perché venisse stabilito il tuo diritto di proprietà su di essa.

Hai gettato ancora un’occhiata smarrita ai libri intorno (o meglio: erano i libri che ti guardavano con l’aria smarrita dei cani che dalle gabbie del canile municipale vedono un loro ex compagno allontanarsi al guinzaglio del padrone venuto a riscattarlo), e sei uscito.»

 

Vero, oggi, forse, una libreria non è più questo. Quantomeno lo è di rado. Sul libro fresco di stampa oggi ci inciampi entrando. Tutto è predisposto perché tu veda solo le novità, e non raggiunga qualsiasi altro libro, uno qualunque dei tanto spregiati long sellers, impacchettati sui muri e indistinguibili, se non ad occhi molto esperti, da una tappezzeria. Vedrai il libro, la Casa Editrice, che cerchi, se e solo se appartieni a quel tipo di misantropo personaggio cieco a tutto ciò che lo circonda che non sia di suo interesse immediato, neppure se lampeggia come la vetrina del negozio Tiri Vispi Wesley a Diagon Alley (e per chi non sa di cosa parlo, leggetevi la saga di Harry Potter, tutta, perché la faccenda sta verso la fine).

Tiri Vispi Westley

Negozio di scherzi Tiri Vispi Wesley, a Diagon Alley

E tuttavia, una libreria viene ancora vissuta così, deve esserlo, nella traduzione che ne compie il desiderio di chi ama tale luogo. Anche perché si tratta di un luogo che, cercando un po’, ancora si trova davvero, abitato da persone meravigliose. Anche quando sono di cattivo carattere. Muso duro. Nessun sorriso.

Ovviamente ho in mente qualcun(a), che mi piace molto. Mai riuscita a sapere neppure come si chiami.

Per la cronaca: stavo scrivendo altro – e magari ve lo rifilerò domani – ma sto anche rileggendo, nella speranza di riuscire a proporlo, questo meraviglioso libro di Italo Calvino.

Da molto tempo desidero, senza osare, proporre un suo libro. Ho sempre rinviato, per la consapevolezza di essere impari al compito. Scelgo un libro, lo ripongo, ne prendo un altro, lo ripongo. Rileggo qualcosa. Non la propongo.

«Se una notte d’inverno un viaggiatore» non lo rileggevo da molti anni. Ne ho scaricato una copia nel Kindle, non voglio rovinare a sottolineature e note la mia copia, fresca di stampa ingiallita 1979. In questi giorni di ferragosto, credo di aver deciso di rischiare, sulla base, la sola valida, credo, del mio desiderio. Io adoro Calvino. Tutto.

Ma prima di dichiarare che sarà la prossima recensione, un piccolo racconto autobiografico, a ragione di un amore.

Era il 1960, forse il ’61, e io frequentavo la scuola media. Avevo un’insegnante di italiano meravigliosa, che ci leggeva libri a scuola, li consigliava, li prestava addirittura, personalizzando il consiglio e la scelta!

Si era verso la fine dell’anno, e ci ha assegnato il libro da leggere per l’estate, salvo poi dirci che, certo, il compito era leggerlo in vacanza, ma: avevamo voglia, nel frattempo, di leggerlo insieme?

Il libro era «Il barone rampante», per il tempo, fresco di stampa, di un nuovo autore ancora non così celebre da essere noto proprio a tutti. Fu letto, durante il tempo di lezione, la voce dell’insegnante che da sola rendeva tutto facile. Il libro era bellissimo, tutto lì; nessuno sapeva di aver tra le mani un futuro classico, come dire roba da scuola; la lettura era pura gioia e, nella nostra percezione, era qualcosa come bigiare scuola in allegria con la professoressa. E con una storia e un personaggio che spalancavano la nostra fantasia e la nostra vita di ragazzine di quegli anni, chiuse in casa, a scuola due ore settimanali in più dei maschi, si faceva Economia Domestica, che fosse chiaro, va bene imparare a leggere scrivere e anche il latino, ma poi, il nostro futuro auspicato doveva esser, comunque, la casa.

Per lei, il nostro futuro assegnato sembrava non valere, lei era altro, la cosa era evidente persino a noi! La professoressa, brutta faccia e una figura statuaria, giovane (credo, ma non ai nostri occhi), era diversa dalle nostre mamme casalinghe. Era sapore di un’altra vita, di un altro esser donna. E l’anno prima ci aveva letto, sempre in classe, tanto per alleggerire le ore di lezione (pensavamo noi) «Il piccolo principe». E ne avevamo parlato. Tanto.

Quell’insegnante, e quel libro, sono stati, nelle mie mani e nella mia mente, armi potenti per affrontare la vita. Armi che hanno dato il via alla costruzione di un arsenale. Utilizzato bene? Non so. Forse no. Ma per merito della mia professoressa non mi sono mai sentita disarmata. Ho avuto, ed è stato per sempre, armi fresche di stampa a disposizione e uno sguardo, su di me, rimasto dentro di me, capace di vedere un mio/nostro futuro di donne almeno possibile. Non si può chiedere altro, credo, nella vita.

5 commenti su “QUESTO è il modo giusto di andare in libreria

  1. Letizia
    agosto 17, 2016

    Calvino riporta anche me indietro, ai tempi della scuola media e del liceo, nel pieno degli anni’90; e a titoli come “Marcovaldo”, “Il Barone Rampante”, “il Cavaliere Inesistente”, “Il Visconte Dimezzato”, “Il Sentiero dei Nidi di Ragno”.
    Titoli che, a suo tempo, ricordo di aver amato, eppure ora giacciono immobili in libreria da un ventennio buono.
    E sai una cosa? Questo post mi ha fatto venire voglia di riprenderli e rileggerli, èer vedere che effetto fa rileggerlo ora, a trentasette anni e nel pieno di quegli anni Duemila e qualcosa che, all’epoca, ci apparivano come un futuro lontanissimo di macchine volanti e teletrasporto alla Star Trek.

    PS: Bellissima anche l’immagine della libreria che proponi, nella quale entri quasi “aggredito” dai best seller freschi di stampa che ti ammiccano a destra e sinistra, con le loro copertine accattivanti…

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      agosto 17, 2016

      Ti farà un effetto bellissimo! Calvino è sempre, in tutto ciò che scrive, gradevole da leggere, capace di una scrittura che non presenta osticità di alcun tipo, come solo pochi tra i grandi sanno fare. A leggerlo, si potrebbe pensare che scrivere sia facile, se non fosse per la estrema eleganza del suo fraseggio. E la sua fantasia non sente il tempo.
      Mi sto davvero godendo molti il suo viaggiatore. Poi, poterne scrivere, è altra cosa, perché leggerlo è tutto.
      .Ah, un’eccezione. Non che non sia un bel libro ma, se vogliamo, Il sentiero dei nidi di ragno è, forse, un Calvino che sta ancora provando a scrivere, ecco. Che non ha ancora trovato la sua voce. E’ forse il suo unico libro che non ho riletto. Ma prima o poi, magari.
      Ciao, e grazie

      Mi piace

  2. Alessandra
    agosto 17, 2016

    Se ami così tanto Calvino, sono sicura che ne farai una bella recensione di quel suo libro che stai rileggendo. Cosa che dovrei fare anch’io, di rileggerlo, perché in effetti non sarei in grado, ora come ora, di farci sopra neppure mezza riflessione. E’ passato troppo tempo. Però attendo volentieri di leggere le tue.

    Mi piace

  3. Ivana Daccò
    agosto 17, 2016

    Perché attendere? Mi piacerebbe davvero poter confrontare Il Viaggiatore con te.
    E’ un libro che mi preoccupa proporre, ma che è assolutamente una gioia leggere.

    Mi piace

  4. Pingback: I blog degli altri | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: