la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

“Era quello il giorno atteso da anni…”

il-deserto-dei-tartariDino Buzzati, «Il deserto dei Tartari», Mondadori 2001

Incredibile quante cose avvengano, quanta vita ci sia, in una intera esistenza in cui sembra non succeda niente se non, appunto, il fatto di vivere e di esserne consapevoli.

Di questo libro, che si avvia a compiere ottant’anni senza aver perduto nulla della sua giovinezza, è stato detto e scritto molto. Si tratta di uno di quei libri che anche chi non ha letto sente – erroneamente – di conoscere: assegnandogli il significato allegorico di Vita come Attesa, priva di senso, che richiederà unicamente l’accettazione, ognuno per sé, della propria, unica, individuale, fine.

Una storia di cui, dunque, è possibile dire la trama, per la parte nota. Poi, a mio parere, il romanzo è altro.

E i conti con la lettura allegorica, infatti, non tornano, poiché l’accettazione della propria fine diverrà suggello, compimento, di qualcosa che dunque “è”, affermando, in modo veritativo, il valore insito nell’esistenza che ogni singolo vivente è chiamato a dichiarare suo.

E Giovanni Drogo, il protagonista del romanzo, lo farà. Alla grande. Avendo, come tutti, a tratti disperato del senso della propria vita, ma senza mai perdere veramente il controllo del proprio percorso e la comprensione.

Fortezza Bastiani”: l’espressione è divenuta, nel senso comune, cosignificante di un luogo dell’anima prigioniera di un’inutile, immotivata, attesa, priva di fondamento alcuno, che nulla giustifica, se non il bisogno di sfuggire alla disperazione del non senso.

Eppure, in questo racconto c’è vita, molta, intensa, che non patisce ombra proprio in virtù dello sfondo – la Fortezza e i suoi luoghi – che la contiene e la proietta oltre quel mondo militare tipizzato, quello sì, da una domanda di non-senso, un mondo che vive alimentando se stesso attraverso, propriamente, l’esclusione di finalità diverse dalla propria autoreferenzialità.  E che costituisce, in conseguenza, un non-luogo.

Il Deserto dei Tartari, luogo della frontiera, non-luogo per eccellenza, riceverà la sua non prevista esistenza dalle vite che lo abitano; un senso tanto più potente in quanto totalmente appartenente alle singole esistenze, frutto di creazione e realizzazione di ogni singolo e della comunità.

Avverrà così che Giovanni Drogo rimarrà, scegliendolo, a condurre la propria vita nella Fortezza, in attesa dei Tartari, a difesa della Frontiera da un nemico che, quando verrà (perché, ecco il punto, i Tartari, in questa storia, arriveranno) lo troverà prossimo a cadere sul percorso, impegnato, con le sue ultime forze, nella difesa della propria personale frontiera, della propria integrità.

La storia.

Nominato ufficiale, Giovanni Drogo partì una mattina di settembre dalla città per raggiungere la Fortezza Bastiani, sua prima destinazione (…) Era quello il giorno atteso da anni, il principio della sua vera vita”

Giovanni si avvia, sul sentiero che conduce alla vita, una strada impervia che il nostro protagonista compie, al passo del cavallo, per un breve tratto iniziale accompagnato dall’amico della prima giovinezza – e sarà un accompagnamento breve, già incrinato da un faglia che lascia alle proprie spalle i giorni e l’amico di un altro tempo, nel farsi di un nuovo paesaggio in cui, come ognuno, egli si dovrà inoltrare solo.

“(…) ma in fondo – si accorse Giovanni Drogo – il tempo migliore, la prima giovinezza, era probabilmente finito.

Avvicinandosi alla montagna, vi sarà l’accesso ad una valle, chiusa tra costoni scoscesi, mentre la via sale e lascia sul fondo il rumoreggiare del torrente. Conosceremo, con Giovanni Drogo, un paesaggio che si farà via via, al passo del cavallo, nel tempo di una notte e un giorno,  nel percorso verso un territorio sconosciuto. Perduta ogni possibilità di ritorno – alla giovinezza, all’infanzia, al tempo dell’attesa.

In uno spiraglio delle vicine rupi, già ricoperte di buio, dietro una caotica scalinata di creste, a una lontananza incalcolabile, immerso ancora nel rosso sole del tramonto, come uscito da un incantesimo

Giovanni Drogo

vide allora un nudo colle e sul ciglio di esso una striscia regolare e geometrica, di uno speciale colore giallastro: il profilo della Fortezza.”

“(…) si domandava che cosa ci potesse essere di desiderabile in quella solitaria bicocca, quasi inaccessibile, così separata dal mondo.

Quali segreti nascondeva?

Ma erano gli ultimi istanti. Già l’ultimo sole si staccava lentamente dal remoto colle e su per i gialli bastioni irrompevano le livide folate della notte sopraggiungente.”

E mi scuso per aver scansionato i periodi. Ne ho sentito la necessità. Spesso, in questo romanzo, si esce dalla prosa, nonostante la apparentemente piana, chiara, lineare scrittura dell’autore, che nasconde gemme e segreti.

Il giorno dopo, trascorsa la notte dormendo su un tratto di prato in declivio, il cavallo legato a un troncone d’albero, nel nulla di quel luogo (“Il cavallo batteva a intervalli le unghie sul terreno in modo antipatico e strano”), con il giungere dell’alba l’incertezza è finita e Giovanni Drogo è entrato nel nuovo mondo – che, a ognuno il suo, è chiamato a dotare di senso, prefigurando il proprio giungere alla frontiera, nel momento dell’incontro con il nemico, dell’ultimo passaggio, a chiusura del proprio percorso, che dovrà essere affrontato in bellezza.

La Fortezza – grandiosa, immensa, veduta da lontano – da vicino, dal dentro, è poca cosa, a presidio di un tratto di frontiera morta. Cui comunque è necessario far fronte, e forse questo è l’importante. Davanti alla Fortezza: “Un deserto, effettivamente, pietre e terra secca, lo chiamano il deserto dei Tartari (…) Più che altro una leggenda. Nessuno deve esser passato di là, neppure nelle guerre passate”, gli dirà un ufficiale incontrato in prossimità dell’arrivo.

La nuova vita comincia. La Via da percorrere si farà scegliere e condurrà a un esito dato, sola variante l’arrivarci avendo realizzato un riconoscimento: di sé, del percorso dovuto. Con onore. Mantenendo saldo e non tradito l’obiettivo.

Nel mezzo, la Vita: i personaggi, i rituali, l’attesa, sempre. Le amicizie e gli incontri. La tragedia.

E mentre scorrono avvenimenti, piccoli e grandi, che segnano i giorni e gli anni, chi legge si scopre cooptato nell’attesa del giorno in cui arriveranno i Tartari, del giorno della battaglia, in cui sarà realizzato l’assolvimento del compito; la vittoria o una morte gloriosa.

Nessuna allegoria sul non senso della vita, inutile attesa della morte dunque, in questo libro. Un dovere di solitudine, invece, che è altro da un destino, nei cui confronti si sia disarmati. Solitudine non come rifiuto, assenza, di relazioni significative; nessuna incapacità di dare e ricevere amicizia, di stabilire legami, affiancando lo scorrere di altre vite.

Si tratta di una solitudine che ha a che fare con un senso aristocratico della vita, inteso quale consapevolezza di sé e del posto, qualunque sia, che è nostro compito occupare nel mondo: rispondendone a se stessi, e a nessun altro.

L’addio. Il maggiore Giovanni Drogo sta lasciando la Fortezza. In carrozza. Nel giorno in cui il nemico è arrivato e la Fortezza si rianima.

Per un istante ancora rimase negli occhi di Drogo l’immagine delle mura giallicce, dei bastioni a sghembo, delle misteriose ridotte[i], delle rupi laterali nere per il disgelo. Parve a Giovanni – ma fu un infinitesimo di tempo – che le mura si allungassero improvvisamente verso il cielo, balenando di luce, poi ogni vista fu tolta brutalmente dalle rocce erbose entro cui sprofondava la strada.

Il pensiero della morte si fa diverso. Non è più il desiderio della bella morte, in battaglia, se così avesse dovuto essere, se l’attesa avesse avuto un senso, meglio, se l’attesa non lo avesse fatto attendere troppo.

“(…) il maggiore Drogo per un istante sentì che il duro carico dell’animo suo stava per rompere in pianto.

E sentì allora nascere in sé una estrema speranza (…) perché forse era davvero giunta la sua grande occasione, la definitiva battaglia che poteva pagare l’intera vita. (…) Perché può essere bello morire all’aria libera, nel furore della mischia, col proprio corpo ancora giovane e sano, fra trionfali echi di tromba.

E tuttavia: c’è un’opzione più alta.

Giovanni raddrizza un po’ il busto, si assesta con una mano il colletto dell’uniforme, dà ancora uno sguardo fuori della finestra, una brevissima occhiata, per l’ultima sua porzione di stelle. Poi nel buio, benché nessuno lo veda, sorride.

_________________________________________________

[i] Mi piacerebbe davvero sapere cosa cavolo sia una “ridotta”. Un termine, il solo, credo, che rivela l’età di questo romanzo, quando evidentemente le guerre avevano reso familiari certe parole del gergo militare e le cose che designavano. Se qualcuno me lo sa dire, mi toglie una curiosità.

6 commenti su ““Era quello il giorno atteso da anni…”

  1. laulilla
    settembre 21, 2016

    Per rispondere alla tua curiosità, ti mando al vocabolario on line dell’Enciclopedia Treccani:
    http://www.treccani.it/vocabolario/ridotta/
    Quanto al post, bella recensione, davvero molto analitica e meditata a fondo. Complimenti! 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Ivana Daccò
    settembre 21, 2016

    Ma vedi la sorte ria! Ovviamente, ho guardato i vocabolari on line, escluso il Treccani che odio perché, appena si apre, scatta una copertura pubblicitaria fastidiosissima (lo possiedo e lo apprezzo, in cartaceo, ma sono troppo pigra per lasciare la postazione al computer e andare a prenderlo). Ma com’è che non ho trovato niente, e ora invece si trova? Ho persino chiesto ai (nulli) ricordi militari del coniuge. Dev’essere l’età in combinato disposto con la mia naturale distrazione.
    Grazie dell’apprezzamento

    Mi piace

  3. laulilla
    settembre 21, 2016

    Ormai scatta quasi dappertutto la copertura pubblicitaria e non se ne può proprio più. Anch’io sono pigra quanto te e forse di più, perché ho i vocabolari sugli scaffali dietro la mia postazione, e potrei portarli davanti a me rapidamente. Tuttavia, sorgono i problemi dell’illuminazione, che non è diretta sulle pagine, perciò anch’io vado a cercare on line! Ciao!

    Mi piace

  4. Alessandra
    settembre 24, 2016

    Bella analisi e nteressante il tuo punto di vista, che per alcuni aspetti percepisco diverso dal mio. Per me è una lettura che risale a molti anni fa (ero ancora una ragazzina), e ricordo che l’avevo proprio intesa come metafora di quella condizione umana – purtroppo non affatto rara – in cui si attende per anni qualcosa di importante che possa riscattare da una vita sempre uguale, in cui ci si è adagiati (attaccandosi a mille pretesti) perché in realtà non si ha la forza di modificarla con azioni decisive proprie. Poi quando l’evento tanto vagheggiato finalmente accade, spesso è troppo tardi e quindi si rivela inefficace, non sortisce più l’effetto che avrebbe potuto avere all’inizio. Dovrei quindi riflettere sulla tua interpretazione del finale come compimento di qualcosa che comunque è, che ha un suo significato, un suo valore basilare; e per fare questo dovrei appunto rileggere il libro, per vedere se a distanza di tempo mi sollecita delle impressioni diverse.

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      settembre 24, 2016

      A me è accaduto proprio così. Anch’io avevo il ricordo di un libro molto bello, che mi aveva affascinato, all’epoca, a seguito della cui lettura, dire “Fortezza Bastiani” valeva dire l’attesa senza scopo, il sogno-pretesto che serve solo a scansare il prendere in mano la propria vita. Ma in questa lettura, oggi come allora, non ci stava il finale.
      Poi, le letture, come le età, e le persone che diveniamo, cambiano. Insensato, ovviamente, dire di una lettura “giusta”, che neppure Buzzati poteva conoscere come nessun autore conosce la riscrittura della propria opera per mano dei lettori. Se questo non avviene, significa che l’opera vale poco e non durerà. E non è questo il caso.
      Poi, l’età del lettore gioca molto, altro indicatore della grandezza, della forza di questa “favola”. Scatta l’identificazione con il giovane tenente o con il vecchio maggiore che, come ognuno, alla fine della vita, o comunque al tempo dei bilanci, non potrà se non aver a proprio carico dei fallimenti. E potrà, tuttavia, sorridere, sentirsi appagato per quell’”esserci” della propria vita, mantenuta fedele a un’idea, in coerenza, primariamente, con sé. Da confermare attraverso una uscita di scena coerente e consapevole.

      Liked by 1 persona

  5. Alessandra
    settembre 24, 2016

    In effetti ogni lettura si presta facilmente a interpretazioni diverse. Sarebbe pure una presunzione, anche da parte di un critico letterario, affermare l’assoluta veridicità e precisione della propria esegesi. Qualcuno, se non ricordo male (ma non ricordo chi), aveva ventilato anche l’ipotesi che il romanzo potesse riferirsi al fatto che in fondo, visto che la morte è un appuntamento ineluttabile per tutti, non conta tanto la differenza tra il passare una vita fuori nel mondo o trascorrerla nell’attesa di un evento significativo, visto che in entrambi i casi tutto è destinato a concludersi nella polvere, ossia nel nulla. Come tu dici, alla fine ciò che importa è la presa di coscienza dei motivi della propria scelta, che nel caso del protagonista sembra appunto sottostare alla necessità di rimanere aggrappato a un’idea fino alla fine, costi quel che costi. Stranamente, pur essendo di natura curiosa, non mi sono ancora informata sulla spiegazione che lo stesso Buzzati potrebbe aver dato di quest’opera, nel caso l’avesse commentata in qualche scritto o intervista. Grazie per questo scambio intellettuale così fecondo, sei un persona con cui è davvero piacevole confrontarsi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il settembre 21, 2016 da in Classici, Narrativa, Recensioni con tag , , , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: