la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Bacheca dei libri in predicato di lettura, sfogliati, sospesi, ripresi, lasciati

biblioteca-2Non so cosa leggere. Sono preda di desideri sparsi. Tutto perché, dopo Natalia Ginzburg, la tendenza andava verso l’abbuffata, passarli tutti: Calvino, Pavese, Morante, Moravia no, mai apprezzato, ma c’è Brancati; c’è Parise, c’è Cassola. E vai, una bella lista.

Ho scelto di distogliermene. Rischia che non me li gusto, non si fa così. Il vino buono va centellinato.

Così, dovendo recedere dal desiderio, e nonostante la lista di libri in attesa e in corso di lettura, mi trovo a dover fronteggiare la ricerca di un libro dei desideri da portarmi a letto la sera e di uno da divano per il giorno. La ricerca causa un attacco di furia riordinatrice degli scaffali. Che, come sempre, si realizzerà solo in parte, provocando la caduta in una nuova frustrazione.

Chiedo consulenza – esperienze, riflessioni, vedete voi se sarà il caso. Mi piacerebbe davvero sapere come fanno gli altri. Non è certo un problema solo mio.

Per esempio: il problema non sta tanto nel valutare quanti libri di tale categoria entreranno in quanti scaffali, quanto il decidere quali siano le categorie di libri che aumenteranno a una certa velocità e quali no – ad esempio, i libri di poesia, nel tempo, come ogni tipo di libro, aumentano, ma lo fanno lentamente, mentre la narrativa e la saggistica aumentano a velocità maggiore; e dunque richiedono che lo spazio assegnato sia suscettibile di incremento. Non è utile stipare lo scaffale, non basta che i libri ci stiano, ora, perché la fine è nota: la maledetta doppia fila.

Io li voglio vedere, i miei libri, non voglio cercare <quel> libro, voglio scorrerli con lo sguardo quando giro per casa, a notte tarda, recitando la litania sul non aver nulla da leggere e sperando che, con lo sguardo, un libro mi dica eccomi qua: funzionerebbe, se non ci fossero le doppie file, e il dover tirar giù libri a pacchi per sbirciare.

Tenendo in sospeso il problema, si scelgono i criteri di organizzazione: per categoria (poesia, narrativa, saggistica (per aree), filosofia, noir, fantasy…), e a ogni riordino si cambia qualcosa. All’interno di ogni categoria, gli autori saranno collocati in ordine alfabetico: così, quando si cerca e quando si ripone un libro, il suo posto sarà certo. Caso particolare, la narrativa, che, ovviamente, fa la parte del leone e, per quella, il semplice ordine alfabetico non basta.

In questo caso io organizzo sulla base (non ridete) di: Autori morti – Autori vivi. Confesso, io denomino “cimitero” gli scaffali-corridoio che contengono i primi.

Il problema è sempre lo spazio necessario all’incremento dei libri di quel/quella tale; per le opere dei defunti (vogliamo chiamarli “classici”, per rispetto, anche se non lo sono?) il problema non è grave; se pur non possiedo tutte le opere di un autore/autrice, l’incremento non sarà significativo. In assenza di nuove opere posso assegnare loro uno spazio certo. Posso, quasi, stipare gli scaffali. Ma posso dire che, mentre per i morti-morti, per gli scrittori che non appartengono al mio tempo di vita, va bene così, ma per certuni – un esempio per tutti: Foster Wallace – mi si stringe il cuore nel pensare che non uscirà mai più un suo nuovo libro? Sono sempre incerta se non sia il caso di toglierlo dal “Cimitero”. Dopotutto non ci dovrebbe stare. Anche questo potrebbe essere un criterio.

Per i viventi-viventi, si pone il vero problema. Sarebbe necessario far uscire libri dalla casa e non solo farli entrare e mi piacerebbe sapere chi ci riesce, con quale criterio. Io non ci riesco. Anche su questo, tuttavia, prima o poi dovrò trovare il modo.

Poi, fatta questa prima grande distinzione, sempre per la narrativa suddivido per generi e per area linguistica (tipo: americani e inglesi insieme; spagnoli, portoghesi e sudamericani insieme; russi solitari; tedeschi e austriaci insieme; ecc., più, ovviamente, il gruppo misto, come al Parlamento, e gli eventuali isolati): all’interno di ogni area ci sarà il dovuto ordine alfabetico.

Quanto sono belli i sogni! Dove tutto sembra funzionare!

Poi ci sono le eccezioni. Ad esempio, indipendentemente dall’autore, gli Adelphi, da me, stanno tutti insieme, così pure i piccoli Sellerio e qualche altra strana collezione, rilegature particolari.  Dovrebbe valere lo stesso per altre case editrici, tipo Einaudi, ma non avviene. Credo sia perché, in effetti, i Cataloghi Adelphi, ma anche Sellerio, presentano una loro coerenza interna; oltre, naturalmente, banale ma reale, per un fatto, diciamo, estetico: mi piacciono le loro copertine, stanno bene tutti insieme, dopotutto si tratta di casa mia e non della civica biblioteca. E io conosco i libri che possiedo. Mi serve sapere <dove> sono, non <se> ci sono.

La logica della collezione vale anche per gli storici Urania anni ’60-70, che ho sposato con mio marito e amo tanto (tuttavia, per leggerli, se posso, recupero una copia in e-book; sono fragili, non vanno ulteriormente rovinati). Idem per la vecchia serie degli Oscar Mondadori più o meno maciullati dall’uso – ma sono, queste ultime due, appunto, serie concluse, di scarso utilizzo e dunque possono anche stare dentro spazi chiusi, invisibili, e in doppia fila, purché in ordine alfabetico. Ci sono, tra questi, molti introvabili, alcuni anche comprensibilmente, mentre per altri è triste, andrebbero rieditati.

Lentamente il riordino prosegue. Ed ecco che, in corso d’opera, qualche libro viene tolto dagli scaffali invece di esservi riposto, e si crea una piccola pila di desideri emergenti, che va ad affiancare i libri fuori posto e i libri già in predicato di lettura.

Imponendomi di limitare ai primi in classifica l’esito, che ne dite di questa piccola lista, qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo? Dopotutto, una libreria, per quanto virtuale, dovrebbe avere una vetrina. Ho anche cercato di costruirla, disponendo dei box sulla pagina ma non sembra che Word press lo permetta oppure io non ci sono riuscita. Studierò la cosa.

Per ora, non mi resta che stilare

La lista

antonino-infranca-i-filosofi-e-le-donneAntonino Infranca, «I filosofi e le donne», manifestolibri 2010. Sottotitolo: «Abelardo e Eloisa, Lukács e Seidler, Heidegger e Arendt, Sartre e De Beauvoir». Letto al tempo, un po’ velocemente e con non sufficiente attenzione. Ricordo un libro molto interessante. Da rileggere con cura. E magari, prima o poi, raccontare.

 

giorgio-manacorda-la-poesiaGiorgio Manacorda, «La Poesia», Castelvecchi 2016. Un acquisto recente. Un poeta e un autore molto interessante. Un libro <sulla> poesia, e sulle domande che pone la sua lettura. Che cos’è, è necessaria? In che modo? Domande su cui riflettere, pagina dopo pagina, nei momenti giusti. In corso di lettura. E anche di questo libro mi piacerebbe poter raccontare.

 

Lilli Gruber, «Prigionieri dell’Islam», Rizzoli 2016. Ne avevo già accennato; sta da molto sul mio tavolo. È stato lasciato dopo cinquanta pagine, dopo un inizio di lettura prigionieri-dellislamche trovavo interessante. Non so perché sia uscito dalla mia attenzione. Una lettura da riprendere.

 

vita-sackville-west-passaggio-a-teheranVita Sackville-West, «Passaggio a Teheran». Dall’Inghilterra del circolo di Bloomsbury agli altipiani persiani, Il Saggiatore 2003. Un libro che desideravo leggere; prestito di un’amica. Sono certa che me lo godrò. Nel frattempo, lo devo ordinare, credo si trovi. Vedremo

 

Giacomo Mazzariol, «Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più.», Einaudi 2016. Altro prestito, con parere molto positivo e invito a leggerlo. Sono anche molto interessata al tema.giacomo-mazzariol-mio-fratello-rincorre-i-dinosauri

 

mark-haddon-lo-strano-caso-del-cane-ucciso-a-mezzanotteMark Haddon, «Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte», Einaudi 2003. Letto anni fa, e molto apprezzato; me ne riproponevo da tempo la rilettura, ora iniziata. Confermo: un libro molto interessante, e davvero bello. Una storia – un noir, in effetti – con protagonista-detective un ragazzo di quindici anni portatore di Sindrome di Asperger. Scritto in prima persona. Spero di raccontarne presto.

 

tolkien-il-caccaitore-di-draghiJ.R.R. Tolkien, «Il cacciatore di draghi», Bompiani 2015. Mai farsi mancare una favola, nella vita.

 

Buona lettura a tutti

4 commenti su “Bacheca dei libri in predicato di lettura, sfogliati, sospesi, ripresi, lasciati

  1. Alessandra
    novembre 5, 2016

    Per quanto mi riguarda, anch’io non sopporto le file doppie di libri sugli scaffali… non le sopporto proprio, che poi mi dimentico i libri nascosti dietro, col rischio di comprare dei doppioni 😉 Per cui ho riempito la casa di mensole e librerie, e se proprio non c’è abbastanza spazio impilo i libri anche uno sopra l’altro in orizzontale, anche se poi sono scomodi da prelevare… Autori vivi, autori morti? Di solito divido quelli stranieri da quelli italiani, o in base al fatto se sono classici o contemporanei, se sono romanzi o saggi o raccolte poetiche, ma poi mi fermo qui e cerco di non esagerare o perlomeno ci provo… Non avevo mai pensato agli autori classici come a dei defunti, anche se in effetti lo sono. Adesso ogni volta che mi cadrà l’occhio su uno di questi nomi mi verranno in mente le tue parole 😉 Credo che l’unico modo per non finire un giorno seppelliti dai libri sia quello di darsi al digitale, cosa che dovrò decidermi a fare. Dei saggi che ti sei proposta di leggere o rileggere mi incuriosisce quello sui filosofi e le donne, così come quello sulla poesia. Attendo di leggere tue opinioni in merito. Di Mark Haddon, invece, mi sapresti dire se per caso è indicato anche per un ragazzo di 13 anni?

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      novembre 6, 2016

      Anch’io avevo cominciato a dividere i classici dai contempporanei, salvo poi trovarmi in difficoltà a definire un “classico”: non tutti gli autori defunti che ancora vengono pubblicati lo sono e, ad esempio, Umberto Eco, fino a pochi mesi fa, l’avrei comunque collocato tra i “classici”, anche se vivente. Così, ho finito per utilizzare questa bieca divisione , che ha un valore solo operativo, e molto privato, e mi permette, quantomeno, di sapere dove un autore si trova in casa, di definire gli spazi-scaffali dedicati. Rozzo, ma non ho trovato di meglio, per ora.
      Quanto a Mark Haddon è considerato uno scrittore per ragazzi. Adattissimo a un quattordicenne.
      E’, questo suo libro, un’esperienza di lettura molto particolare e interessante, poiché parla con la voce, con il modo di concettualizzare, di un ragazzo autistico, un cosiddetto disabile comportamentale grave, con anche anomalie cognitive molto particolari, tra i più difficili da comprendere, e da avvicinare. E lo interpreta in modo splendido, rendendo chiara la speculare difficoltà cognitiva nella relazione con una persona, in effetti, molto intelligente, a suo modo geniale. E si tratta, nella mia memoria, di un noir molto ben costruito.
      Grazie della condivisione. Ciao

      Liked by 1 persona

  2. dragoval
    novembre 5, 2016

    Capisco bene le tue sensazioni. che a me è capitato di condividere così spesso, soprattutto in passato. Anch’io avevo liste di libri da leggere, divisa com’ero tra la necessità di tenermi aggiornata, la paura di perdermi qualche libro importante e il mio inveterato amore per i classici. Poi, soprattutto grazie a Nonsoloproust, ho definito il mio profilo di lettrice, con sempre maggior esattezza e sempre meno sensi di colpa ( Ars longa, vita brevis ). E anch’io ho conosciuto i miei momenti di saturazione, eh, quando la testa era troppo piena di altro. Fino a che non mi sono resa conto che, almeno per quanto mi riguarda, è vano decidere di leggere un libro: sono i libri, che letteralmente, si lasciano leggere , secondo le complicate armonie e risonanze dei nostri interessi e della disposizione d’animo del momento. Solo così, a mio avviso, l’esperienza di lettura è un’ esperienza piena, importante, che resta ; tutte le volte in cui invece ho provato a leggere un libro secondo regole e criteri esterni, per così dire, ho sempre trovato la lettura poco significativa e spesso l’ho anche interrotta. So di non essere la sola a pensarla così, ma sono lungi dall’affermare questo come criterio universale. Però, di solito, il libro che “pulsa” in testa, a cui non si riesce a smettere di pensare, è quello giusto in quel determinato momento.
    Un’ultima parola su classificazioni e case editrici: anche i miei Adelphi sono tutti insieme, e avrei certo allargato la collezione, se soltanto il catalogo non fosse diventato al novantanove per cento oramai improponibile, perdendo tutti gli autori importanti. Sic transit gloria mundi . Per cui, se sei ancora con il pensiero alla Ginzburg e a Pavese, faresti bene se ti abbandonassi alla corrente- dovunque questa ti porti.
    Ciao 🙂

    Mi piace

  3. Ivana Daccò
    novembre 6, 2016

    Sono i libri a farsi leggere. Come è vero! Ed è altrettanto vero che rischiamo di finire per leggere come se fossimo alle prese con uno “studio matto e disperatissimo”. Io, poi, sono, a mio modo, un’ossessiva, quando mi attacco a un interesse rischio di non mollare se non per sopravvenuto burn out, con esiti, dunque, infelici – e dunque cerco di darmi una regolata, rallentando, ma tenendo il punto. Sai, l’asino di Buridano? Pavese, o Morante? Ma magari Brancati, non lo leggo da una vita! E,intanto, come faccio, voglio leggere Calvino, ancora, e ancora!.Siamo gente strana.
    Grazie della partecipazione.E’ una cosa che fa bene. A presto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: