la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Benvenuti in libreria (tre anni dopo)

Tre anni sono trascorsi dall’avvio di questo blog. Non so, per la verità cosa pensavo, davvero, allora, quando ho iniziato a “giocare” ad essere una “Libraia”, che legge e propone libri, che costruisce un catalogo per lettori speciali; a trascorrere finalmente le mie giornate in una libreria speciale, dove importi quali, non quanti, libri si venderanno – anzi, dove neppure occorrerà venderli, essendo questa la parte fondamentale del gioco, quella che si chiama “giocare a far finta” – cosa totalmente diversa dal banale “fingere”, come sanno bene i bambini che, essendo saggi, conoscono quanto questo modo del gioco costruisca la realtà.

Tre anni fa non avevo idea alcuna di quale rilevanza avrebbe assunto <per me> questo gioco. Forse, semplicemente, non pensavo, se non a fare una cosa che mi corrispondeva. I compagni di gioco sarebbero venuti. Lo speravo tanto. Non è bello giocare da soli. Se poi il gioco è la lettura, la condivisione è necessaria, vitale.

Non so dire tuttavia il mio stupore quando ho visto che, da qualche parte, chissà dove, qualcuno leggeva: in silenzio, inizialmente. È seguita un’attesa; poi la gioia di alcuni rapporti: per me molto significativi.

Oggi, fatico un po’ a trovare il tempo per scrivere, perché indotta a dimenticare il compito dalla voglia di leggere: non solo libri; tutti i libri in più che la frequentazione dei blog mi regala. Tutto il “come se avessi letto” che gli altri blogger mi regalano. Mi mancano molte letture, certo, ma quante riflessioni su quelle mancate letture, quanta ricchezza.

Di questo ringrazio. Nel mentre, mi sembra di dover guardare indietro per poter guardare avanti. Perché molto è cambiato: per me, e nel mondo dei lettori.

Ho riletto il primo, breve post di presentazione di queste pagine: qui. Mi ha fatto sorridere, confesso. Mi ha portato anche a rivedere il mio proposito, le mie fantasie (“progetto” è parola troppo impegnativa): “rivedere” nel senso di “tornare a vedere”, non nel senso di negarlo, o modificarlo. Riconfermarlo, credo. Riaggiustarlo, forse – ma, in fondo, no. Confermo: da qualche altra parte ho raccontato il mio sogno di sempre, gestire una libreria che possa permettersi di procedere in perdita, vale a dire non subendo le leggi di mercato, potendo non cedere allo snaturarsi che oggi costituisce la sorte di molte librerie.

Oggi, sorridendo del mio “gioco”, e cercando di tirare le somme delle riflessioni che si sono venute facendo in questi tre anni; facendo mente locale su tutto ciò che traggo dalla lettura dei blog che seguo, mi accorgo che lentamente mi cullo in un sogno uguale-diverso, mentre il mercato del libro muta a vista d’occhio, ed è difficile indovinarne una direzione; mentre si rafforzano i timori per il futuro della nostra editoria e delle nostre librerie.

Sto giocando, certo; sempre a “far finta” – potrei cambiare terminologia, dire che sto facendo una “simulazione”, tramite modello: bello, vero? Falsificante; gli sviluppi di realtà complesse, sociali o socio-economiche, non si possono simulare. Checché ne pensino i nostri grandi sociologi, economisti, o quant’altro, sono troppe le variabili in gioco perché ciò sia possibile; sono troppe le emozioni, i desideri, gli errori, i cambiamenti di percorso umorali che gli attori umani, i singoli e i gruppi, pongono in atto; sono troppo la fantasia e l’improvvisazione che costruiscono ogni mondo. Meglio giocare a far finta, molto meglio.

Mi accorgo, tuttavia, che, sempre più, questa “libreria” – “virtuale” (in cui si gioca a far finta) – muta. Posso dire che, nel suo piccolo, assume una verosimiglianza che, nei miei intenti, non possedeva? Il gioco evolve, così come evolve il rapporto dei lettori con le librerie reali e con il loro cambiamento. Così come il mio frequentarle e, contestualmente (oggi: pochi anni fa sarebbe stato per me impensabile) aspettare la postina che mi porta i libri – è una simpatica signora che, ormai, mi consegna il pacchetto con un sorriso, consapevole di far cosa gradita, immagino, dato che oggi, temo, i postini, che consegnavano le lettere d’amore, portano solo fatture. Poco gratificante. Non utile ad ottenere riconoscimento e una qualche familiarità con i clienti del servizio, come un tempo.

Così, provo a volgermi indietro, a guardare avanti, e provo stupore. E immagino.

I have a dream”: non costa niente, e costa la vita, costruendone i percorsi; poi le cose cambieranno ancora, su altri percorsi inattesi. Qualcosa ne verrà.

I libri – scrivevo allora, e le cose stanno sempre più così – non si trovano solo in libreria. E oggi, per fruirne, neppure occorre la carta e la stampa, che pure rimane, ancora, almeno per la durata della mia vita (spero), la loro “vera forma”.

Oggi, neppure il luogo fisico è necessario perché esista una libreria: i libri si ordinano on line: te li porta a casa il postino, o il corriere. Sul libro, ci si informa online.

Nel frattempo, continuo, e continuerò a recarmi in libreria. Non più, tuttavia, anche per farmi orientare nelle mie letture, come un tempo. Non più a scoprire cosa è stato pubblicato. Non più a ricevere dal libraio la lieta novella che solo lui conosceva e poteva diffondere.

Oggi, mi ci reco come a un “Luogo Sacro”; andarci è divenuto un rito, da compiersi in un tempo speciale, da cui uscire “in comunione”: si va in libreria (o almeno molti di noi lo fanno, credo) proprio come un fedele va in chiesa, per partecipare a un rito collettivo, nel corso del quale si ha tuttavia agio di trovare una propria intimità, un momento di raccoglimento in sé. Si incontrano altri che, per lo più, non si conoscono, di cui sappiamo tuttavia il comune sentire, la condivisione di una fede; altri che talvolta costituiscono un incontro, ricco, anche se privo di antecedenti e di un seguito.

I libri sono là – diffusi in banchetti, impilati, a portata di mano, la quarta di copertina ti dice, falsamente, di cosa si tratta, ti imbonisce. La grafica di copertina fa, o distrugge, il resto.

Non si scambieranno, non necessariamente, parole con l’officiante, il libraio/la libraia. In chiesa, alla messa, difficilmente si parla con il sacerdote.

Si uscirà, naturalmente, con libri tra le mani. Talvolta, certo, con il libro cercato; spesso, con qualche bella scoperta. Ancora spesso, vagamente delusi, tra le mani qualcosina.

Non prenderò in considerazione l’editoria, e la distribuzione, quella per cui neppure provarci ad aprire una libreria per una piccola comunità, al massimo sarà possibile che il supermercato locale, il tabaccaio o la cartoleria, fregiandosi del nome di “cartolibreria”, comunque benemeriti, tengano anche qualche libro di largo consumo, per lettori occasionali.

Ma ecco: c’è un aspetto forse inatteso dell’editoria digitale e della vendita online. Nel doversi confrontare, è possibile che le librerie siano “costrette” a, o trovino l’opportunità desiderata di, tornare ad essere quel “luogo sacro” per lettori forti, dove l’officiante – libraio – si dedicava a creare, proporre, sviluppare un suo catalogo, avendo cura del target desiderato di clienti. Non sto facendo la snob; ricordo con passione una vecchia libreria del mio paese d’origine che, oltre a vendere libri, “prestava” le intere serie dei romanzi popolari e per ragazzi (Salgari, Verne) e dei romanzi rosa (Delly, Liala, Carolina Invernizio) a noi ragazzini, e non a noi soli. Ci si iscriveva al prestito, lire tot al mese o all’anno, non ricordo, e con poco costo ci si deliziava senza limiti di quelle storie (badiamo bene, avevano una qualità di scrittura migliore di quella di molti prodotti analoghi attuali; poi, quanto ai contenuti, ogni epoca si regola su di sé).

Nel frattempo il mercato online, e i social media, con tutti i loro difetti, ma soprattutto i blog – scrivente esclusa – aprono una porta, anzi un portone, alla piccola editoria che potrà scansare la strettoia della distribuzione e i limiti, fisici, se non altro, della presenza sugli scaffali delle librerie. E tale porta consentirà anche l’emergere, l’apparire, della qualità – perché ci sono molti piccoli editori che svolgono un grande lavoro e, hai visto mai, potrebbe ben accadere che, per una volta, la moneta buona cacci quella cattiva.

Voglio sognare: potremmo arrivare al momento in cui le Librerie Indipendenti, proprio loro, i Templi della Lettura, potranno tornare a costruire cataloghi sulla base della sola qualità, e vivere.

Luoghi di nicchia? Perché no, saranno tali democraticamente, per scelta di chi li frequenta non perché un qualche potere escluda qualcuno. Esistono nicchie sane, e utili a tutti. Come le buone vecchie osterie. Sono le masse indistinte a faticare con la democrazia.

Oggi, la visibilità delle piccole case editrici può essere alta – soprattutto può essere selettivamente sostenuta. Un sogno, certo: ma vorrei crederci; vorrei che il mondo dei blogger ci credesse.

Alcuni sogni possono costare la vita ma questo, costa niente. Poi, non vedo alternative. Poi: mi piace. Poi: è già in atto; tipo qui

Suggerimenti?

4 commenti su “Benvenuti in libreria (tre anni dopo)

  1. erigibbi
    marzo 24, 2017

    molto bello questo articolo!

    Mi piace

  2. ilmestieredileggereblog
    marzo 29, 2017

    Cara, ho letto la tua riflessione, il “da dove” sei partita per arrivare alle conclusioni sull’oggi. Credo anch’io che parallelamente al main stream (come si usa dire oggi) del monopolio editoriale, della diffusione dei libri nei supermercati, esista una nicchia che cerca qualità. Una nicchia di lettori innanzitutto, e fai bene a citare il caso di Modus legendi (a cui peraltro anch’io ho aderito), perché sempre più persone pretendono qualità. Molti si sono stufati dei best-sellers decisi a tavolino dalle grandi CE e spartiti pro-classifiche di vendita (cioè il grande generatore di fatturato delle CE). Molti apprezzano le CE indipendenti che certo non fanno grossi fatturati, ma mettono innanzi la qualità e la ricerca in quello che pubblicano. E le librerie indipendenti, come quella di Cristina Di Canio qui a Milano o La libreria volante a Lecco (ne cito due che conosco, ma ce ne sono molte altre). Ne ho avuto la riprova nel fine settimana scorso che ho trascorso al Book Pride, qui a Milano. Sta a noi lettori premiare quel tipo di editoria e continuare a vivere la lettura come un piacere da condividere. Oggi abbiamo la possibilità di farlo con i blog: benvenga! Se non ci fossero io e te, che non ci siamo (ancora) conosciute di persona, non avrebbero l’opportunità di scambiare opinioni su certi aspetti. Ben vengano i blog per “usmare” l’aria e individuare un buon libro da leggere! Ciao, Pina

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      marzo 30, 2017

      Ciao Pina, mi fa molto piacere la tua condivisione. E penso davvero che i blogger, ognuno nel suo piccolo, o meno piccolo, oltre a scambiare informazioni su buoni libri da leggere, potrebbero svolgere una importante ed efficace funzione di opinion maker (anch’io, che non so l’inglese, mi diletto, come vedi), riuscendo, magari, a condividere qualche iniziativa, ma anche semplicemente facendo rete su qualche tema, senza alcun bisogno di particolare organizzazione.
      Lo dico per voi giovani. Io, vecchia signora, mi regalo solo un’attività, se così si può dire, che mi corrisponde; un gioco, anche se lo prendo molto sul serio. Ma vi seguo (e ne traggo, da lettrice, grandi benefici) con ammirazione; e non riesco a non pensare che dovreste poter realizzare molto.
      Magari capiterà di prendere un caffè e fare due chiacchiere. Di mio, sono alcuni anni che non metto piede a Milano, la mia città del cuore – ci stava la nonna, e ho tanto pattinato sui marciapiedi dalle parti di Porta Genova; oggi credo che nessun bambino potrebbe più farlo.
      Volevo anche farti una domanda: ma quanto scrivi! E quanto leggi! Come fai?
      Con l’interrogativo aperto, ti saluto caramente.

      Liked by 1 persona

      • ilmestieredileggereblog
        marzo 30, 2017

        Cara Ivana, dopo ventisette anni di lavoro in azienda e dopo tre figli, ho deciso di dedicarmi a tempo pieno a quelli che, per tutti quegli anni, sono rimasti i miei “salvagenti”, ristretti nei tempi ai margini di tutto il resto, e ora percorsi e vissuti con più largo spazio. Non li ho mai smessi del tutto, continuando a collaborare con i colleghi rimasti in università; da quattro anni ho fatto una scelta di vita diversa e ora mi sto dedicando di nuovo a quella che è sempre stata la mia vocazione. Devo recuperare tempo!!! Un abbraccio, e una buona notte, Pina

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: