la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Avviso ai naviganti n. 10

Titolo, in questo caso, fuorviante: solitamente la dicitura preannuncia un’interruzione dell’attività del blog, causa occasioni vacanziere della libraia – la cui virtualità possiede il vantaggio non secondario di potersene andare lasciando gli scaffali a disposizione del pubblico; e in attesa di un bottino di ritorno.

In questo caso si tratta di un avviso, spero, di riapertura, con annessi nuovi arrivi sugli scaffali dopo oltre due settimane di assenza ingiustificata, con le dovute scuse per il mancato preavviso.

Ogni scusa richiede, peraltro, una giustificazione; e la mia è del miglior tipo: ho fatto la nonna. Tuttavia, poiché questo delizioso impegno non mi aveva mai impedito di proseguire a leggere e scrivere non avevo previsto che ciò potesse accadere – ed ecco la causa del mancato preavviso: giorno si è sommato a giorno, i giorni si sono susseguiti giocattolando gatton gattoni o giù di lì. E una prima abbondante settimana è trascorsa.

Come si dice; i bimbi crescono, le nonne imbiancano e (quando me lo dicevano non ci credevo) il tempo si restringe.

Mah! Forse, quest’ultima scusante – il tempo si restringe – è, almeno in parte, farlocca: diciamo che, con il pensionamento e l’indipendenza che lo stesso regala, il senso del “dovere” si allenta mentre la ricerca del “piacere” si allarga: e i nipoti, e il gioco, valgono bene un paio di post.

Senonché, si è aggiunto l’imponderabile: a quanto pare, ho ritenuto opportuno, rientrata a casa, e nonostante la doverosa ed eseguita per tempo vaccinazione antinfluenzale, ammalarmi, nel banale modo del ritrovarmi a letto, con termometro, tosse e raffreddore, bevande calde, pigrizia prescritta – in quel modo che, ritengo, dovrebbe essere consentito solo ai bambini; in quel modo che nessun adulto che si rispetti dovrebbe permettersi.

Voglio dire: in questi casi, un adulto prende un’aspirina e via, a fare il proprio dovere. E invece.

Naturalmente, non si è interrotta la lettura, che costituisce la sola domanda, venata da una qualche ansia, che mi pongo sull’esistenza di un eventuale aldilà che, come fermamente credo e spero, non ci sarà ma, nel malaugurato caso: possiederà una biblioteca? E, sempre nel caso, la stessa non sarà contrassegnata da limitazioni di genere? Tipo: niente narrativa noir?

Sul fantasy ci conto: che misero al di là sarebbe, altrimenti!

Ora, confido nella rapida, già in corso, ripresa: anche della scrittura; a partire da un necessario riepilogo delle letture del periodo che, nel contesto, sono state, in buona parte, anche, e ancora, letture di intrattenimento.

A questo proposito, comincio a chiedermi, davvero, dove si trovi il confine tra una lettura “di intrattenimento” e una: “di cosa”? Cosa significa “intrattenimento”, nel caso di una lettura, diciamo, liberamente scelta?

Prossimo libro ad entrare negli scaffali:

Romain Gary (Émile Ajar), “La vita davanti a sé”. Illustrato da Manuele Fior. Neri Pozza 2018-

Un libro che mi ha decisamente intrattenuta. Divertita. Addolorata. Un libro, infine, e forse, con qualche caduta? O, potremmo dire, con qualche tentazione, non respinta, all’intrattenimento?

A prestissimo, per parlarne.

3 commenti su “Avviso ai naviganti n. 10

  1. ilmestieredileggereblog
    dicembre 7, 2019

    Bentornata Ivana! Beh, direi che hai due buone scuse per l’assenza. Una decisamente merita (fare la nonna), l’altra, purtroppo, è un dazio da pagare alla stagione….
    La domanda sulla biblioteca nell’aldilà mi intriga molto….
    E la lettura di Gary decisamente super!!! buone letture

    "Mi piace"

  2. Il verbo leggere
    dicembre 7, 2019

    Non vedo l’ora che il prossimo libro arrivi sugli scaffali ;). Prenditi i tuoi tempi: la famiglia e la salute vengono prima di tutto (mannaggia ai malanni di stagione).
    Ultimamente per me non esiste più la lettura d’intrattenimento: ormai i libri sono diventati una necessità, una medicina indispensabile (se potessero tenessero alla larga il raffreddore, sarei ancora più contenta).
    Detto questo buone letture e a presto :).

    "Mi piace"

  3. Baylee
    dicembre 8, 2019

    È bello rileggerti!💜 Fortunati nipoti con una nonna così!
    Mi dispiace per l’influenza, è sempre una seccatura, fatto salvo per il gusto di leggere a letto (a patto che non sia un’influenza di quelle proprio cattive).
    Anch’io penso non esista alcun aldilà, ma se esistesse e fosse senza biblioteche sai che noia eterna…

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il dicembre 7, 2019 da in Parliamone con tag , , , .
Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
marisa salabelle

Non fu la morte di Romolo Santi, e nemmeno l’incidente capitato ad Alvaro. Ma quando si sparse la notizia che anche Ermanno, il più giovane dei tre fratelli Santi, era morto, allora sì che la gente, a Tetti e nelle frazioni vicine, aveva cominciato a mormorare...

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: