la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Una domanda sulla realtà, in compagnia di Jean Baudrillard

jean_baudrillard_recensioneJean Baudrillard, Perché non è già tutto scomparso? Castelvecchi Editore 2013

Abbiamo chiuso la riflessione sul testo di Aime, affermando che era bene partire dalla realtà, dalla comune percezione del mondo che ci circonda, nel quale viviamo e di cui facciamo parte.
Ed ecco il problema: quando diciamo <il mondo che ci circonda> e <nel quale viviamo>, in qualche modo poniamo <due> soggetti del discorso: noi, e il mondo. Come dire che <il mondo> circonda <noi>, <noi> siamo una cosa, il <mondo> è un’altra. Poniamo una separazione per la quale esiste un <noi> ed esiste un <mondo>, dato, sul quale operiamo. Ne siamo, in un qualche senso, al di fuori; ci aspettiamo di poterlo guardare, maneggiare, modificare senza che ciò si riverberi su di noi.

Quando, invece, diciamo <il mondo di cui facciamo parte>, il soggetto, ciò di cui parliamo, è <il mondo>, rispetto al quale il <noi> è un aspetto, una parte, senza possibilità, se non per via di analisi, di venir separata. In questo caso, quando trasformiamo il mondo, trasformiamo anche noi stessi.
Il modo in cui affrontiamo questo tema ha riflessi sulla nostra vita. Ma, nel dirlo, sentiamo il tema in qualche modo astratto, quasi un problema di lana caprina: questo avviene perché viviamo in una cultura per la quale l’uomo, anzi, l’individuo, è una specie di assoluto che <possiede> il mondo (e dunque ne è al di fuori). Dopotutto, le radici ebraiche (non cristiane, in quanto a questo: ebraiche) della nostra cultura prendono le mosse dalla Genesi:
Genesi. 1,27 “Dio creò l’uomo a sua immagine;/ a immagine di Dio lo creò;/ maschio e femmina li creò”.
1,28 “Dio li benedisse e disse loro:/ “Siate fecondi e moltiplicatevi,/ riempite la terra; soggiogatela e dominate/ sui pesci del mare/ e sugli uccelli del cielo/ e su ogni essere vivente/ che striscia sulla terra
Era inevitabile, per noi popolo del libro, assumere un’ottica di questo tipo nei confronti del mondo: noi siamo <qualcuno>, il mondo è <qualcosa>, una risorsa, che ci è stata data perché noi la dominassimo e la soggiogassimo.
E veniamo alla <realtà>, prendendo in mano il libricino di Jean Baudrillard dal titolo inquietante “Perché non è già tutto scomparso?
Baudrillard inizia il suo discorso con una affermazione ulteriormente inquietante. “Parliamo quindi del mondo dal quale l’uomo è scomparso (p.7). Certo, perché in quest’operazione di separazione tra l’io e il mondo, anche l’uomo se ne va: nel momento in cui è concettualizzato e gli è dato un nome, è reso cosa, sparisce. Non si può separare l’uomo dal mondo senza che l’uno e l’altro perdano la propria identità, la propria realtà.
Afferma il filosofo: “Rappresentandosi le cose, nominandole, concettualizzandole, l’uomo le fa esistere e al tempo stesso le fa precipitare verso la loro perdita, le distacca sottilmente dalla realtà nuda e cruda. In tal modo, la lotta di classe esiste a partire dal momento in cui Marx la nomina. Ma (…) nella sua più profonda intensità, esiste solo prima di essere nominata. (…) E’ quando una cosa comincia a sparire che ne compare il concetto.
Baudrillard vede il paradigma di questa operazione completarsi nel passaggio dall’analogico al digitale compiuto dalla nostra società, che si traduce in un’egemonia dell’immagine sulla realtà, in una trasformazione della realtà in operazione del nostro cervello, con la trasformazione di noi stessi in realtà virtuale: sopprimendo la distanza, che ad esempio la fotografia analogica poneva tra il mondo e la sua immagine, la distanza data dal negativo, dalla differenza, l’immagine si sostituisce al mondo e trasforma l’uomo in cervello, in proiezione di un programma.
Tuttavia. Baudrillard chiude con una riflessione, che se non è speranza, ne pone la possibilità, riflettendo sulla dualità che caratterizza l’essere umano che lui definisce <normale>: “l’essere umano fa sempre al tempo stesso ciò che è necessario affinché il suo modello trionfi e tutto ciò che occorre affinché fallisca. (…) E’ dalla sua dualità primordiale che l’uomo trae questa energia antagonista”.
Poi c’è l’essere umano <anormale>, che agiscerevocando il dubbio”, “che vive nell’adesione unilaterale e positiva a ciò che è o a ciò che fa”. L’uomo che fa parte dei molti che “hanno aderito alla realtà, alla loro realtà, cancellando ogni considerazione duale e insolubile” (p. 45).
Jean Baudrillard, filosofo e sociologo francese, morto nel 2007, è a suo modo un autore controverso, non tanto, a mio parere, per il contenuto del suo pensiero quanto per la scelta di descrivere una realtà divenuta virtuale, e veicolata attraverso i mezzi di comunicazione, attraverso iperboli, antinomie, quando non caricature.
I temi che affronta erano e restano tuttavia fondamentali per la nostra capacità di guardare al nostro mondo, agli avvenimenti di cui siamo partecipi; e la messa in discussione, da parte di questo autore, dello stesso principio di non contraddizione, la perentorietà con cui afferma la scomparsa della realtà, provocando il bisogno di una risposta (ma cosa dice! …) operano perché una riflessione nasca e si propaghi. Possiamo discutere sulle sue conclusioni; il tema resta.

2 commenti su “Una domanda sulla realtà, in compagnia di Jean Baudrillard

  1. marzio
    agosto 13, 2014

    Ricordo un testo dal contenuto analogo del Filosofo Braudillard ( che fu peraltro in polemica con Sartre e seguaci ) di qualche anno fa sulla predominanza della realtà virtuale , e dell’ Immagine ( preconfezionata) , sui valori dell’umanesimo. Se non ricordo male vi si leggeva tra le righe un attacco alla società della comunicazione di massa , come strumento di
    manipolazione ….non solo politic, e quindi dell’Alienazione del cittadino del XXI secolo.( ma anche del XX …)
    Dispiace sapere che fu uno dei pochi che pose a suo tempo il problema e
    non lasciò dei prosecutori..
    Mi piacerebbe conoscere il parere di Ivana Dacco’ .
    Marzio Giacomin

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      agosto 14, 2014

      Domanda interessante, risposta necessariamente incerta.
      Baudrillard ha, alla base del suo pensiero, il tema dell’oggetto e sicuramente non condivide una centralità del soggetto nel mondo. Le ‘cose’, gli oggetti, sono per B. portatori di significato, di un linguaggio e dunque di un valore, che è altro dal semplice uso che ne facciamo. Difficile, dunque, considerare B. come un sostenitore dei valori dell’umanesimo, quantomeno nel significato che si dà comunemente a tale termine.
      Tuttavia, esplorando il tema della dematerializzazione della realtà realizzata oggi dai mezzi di comunicazione di massa, Baudrillard passa a analizzare la sparizione, tout court, di un sistema di riferimento agli oggetti. Da cui il tema del perché esiste qualcosa invece che nulla, il tema di un universo, possiamo dire, simulato?
      E qui, certo, l’ultimo Baudrillard, uomo che appartiene comunque alla propria epoca e al proprio mondo, ha sicuramente espresso un timore, un certo rifiuto, sul piano emozionale (quello che pare leggersi tra le righe) mentre la lucidità della mente lo faceva proseguire nel suo tentativo di comprensione del mondo nella continuità della sua linea di pensiero.
      Ed è anche possibile una ‘nostalgia’ per l’umano: vale a dire per il suo mondo che, come per ognuno di noi, non importa quale lucidità mentale e capacità di analisi si possieda, è quello in cui si è vissuto, quello della giovinezza.
      Naturalmente è solo la mia lettura, fortunatamente (dal mio punto divista) non tecnica. Lui, credo si sarebbe ribellato, proprio per la piccola verità che può contenere.
      Resta il tema dell’umano, della sua declinazione, oggi. Aperto e, forse, poco frequentato?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il luglio 14, 2014 da in Filosofia e dintorni, Recensioni con tag , , .

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

Aspettando il caffè

libri & sconfinamenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: