la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Racconti, letture del tempo lento

La neve cade sui cedriIn questi giorni di festa sono  riuscita a regalarmi un piccolo passaggio in libreria, riportandone, purtroppo, solo un volumetto della Sellerio – “La crisi in giallo” – un raccolta di racconti di autori italiani, tra i quali uno di Marco Malvaldi (un passaggio al bar Lume, a far due chiacchiere con i vecchietti, non si può perdere: per chi non conoscesse la serie, raccomando vivamente di prendere i dovuti provvedimenti e leggersi le storie nel giusto ordine di pubblicazione. Un godimento assoluto).

Avevo poco tempo, e dunque ho dovuto fare un passaggio veloce, mezz’ora o poco più che mi è comunque stata sufficiente per cercare qualche autore desiderato, e non trovarlo: va detto, senza il tempo necessario per consultare il librario, magari in magazzino c’era ciò che cercavo.

C’era anche un cartello che invitava a ordinare il libro non presente, assicurandone la reperibilità in due giorni. Sforzo sicuramente degno ma, temo, scarsamente utile quando, sempre più, quasi tutti hanno a disposizione una tastiera e un collegamento per ordinarsi il libro da sé.

Sono uscita con in mano il solo piccolo Sellerio. Ottimo, peraltro, per una lettura notturna; ieri sera mi sono addormentata ghignando su un racconto di Antonio Manzini che non ho ancora terminato e di cui pregusto il seguito. Ecco, anche questo è un modo del piacere di leggere un giallo, almeno per me: interrompere la lettura (“ora spengo la luce e ci penso un po’, provo a inventarmi un seguito”) e addormentarsi pensando alla storia, ridacchiando se, come in questo caso, il racconto ha aspetti di leggero umorismo macabro. Un modo di prolungare il piacere rinviandone la conclusione immediata.

Sa di sexy, vero? Di allungamento dei preliminari. E’ giusto, il piacere soggiace sempre alle stesse regole, che valgono, volendo, per un rapporto amoroso come per un buon pasto, per un buon bicchiere, per l’ascolto di una musica da non rovinare passando velocemente a un’altra, per un bel quadro e, assolutamente, per un bel libro. Di che farci una riflessione, giocare a far ballonzolare qualche idea. C’è anche un certo dibattito in corso sul tema della lettura lenta. Potremmo parlarne.

Ma per quanto riguarda la libreria, a tratti mi prende un senso di rinuncia, quando mi accorgo che comincio a trovar piacevole l’attesa del postino, l’arrivo del pacchetto con il libro, il rompere l’involucro ed eccolo qui.

Si scivola, ecco, più o meno lentamente. E forse è inevitabile. Ma poi penso (e mi rincuoro) che le librerie esisteranno sempre, non può che essere così, è impensabile il passaggio del libro senza la mediazione di un rapporto umano; eppure no, ecco qui il pacchetto, mediatore il postino, perché no, è sempre una mediazione umana, e c’è anche la mediazione, nel mio caso, di un gentile custode condominiale che provvede, in mia assenza, a recuperarlo per me. Si crea una sottile complicità, una condivisione, lui sa qualcosa di me, che gli permette di individuarmi e io ho imparato a conoscere meglio la sua cortesia e magari, prima o poi, questo darà luogo a una conversazione sui libri, oltre che sui problemi condominiali, hai visto mai. La mediazione umana c’è sempre, a ben guardare.

E infatti, il gentile custode ha recuperato il libro che aveva ordinato mio marito, troppo grosso per entrare nella cassetta della posta, mentre quello che avevo ordinato io c’è entrato ed eccolo qui. Un piacere particolare, poiché si tratta di un libro usato, un “super pocket” che segnala, sul bordo in alto a destra “Lire 7900”, pagato cinque euro (più 2,90 di spese di spedizione, vero). Ah, dentro il libro c’era anche la ricevuta, dimenticata, di una giocata ai cavalli, un rimasuglio di vita del suo precedente proprietario. Capita, con i libri usati, di trovare indizi di altre vite (un fiore secco, un pezzetto di carta con un appunto, una nota a margine) che, almeno per me, impreziosiscono il libro, gli danno identità, dicono qualcosa di qualcuno, fanno pensare al percorso che ha portato il libro ad essere venduto, eliminato, considerato superfluo, ecco. Dal proprietario? Forse, anche probabile, ma forse no. Per il fatto che si tratta di un’edizione economica? Il precedente proprietario è morto? Qualcuno sta eliminando le sue cose? Liberandosi di lui? Il libro non gli è piaciuto? Non credo, è in buone condizioni ma mostra i suoi anni, è vissuto a lungo prendendo aria su uno scaffale, ed è stato anche maneggiato, si vede.

Vediamo: questo romanzo, USA 1994, è stato pubblicato in Italia da Longanesi, nel 1996. A questa edizione economica, del 2000, mi pare sia seguita una edizione TEA 2001: dunque il libro ha meritato la grande diffusione, non si pubblica un tascabile economico di un libro che pochi chiedono e il libro si trova ancora, on line, usato e non.

Una cara amica, che segnala sempre buoni libri, l’ha caldamente raccomandato: vedendo un vecchio film (del 1999) ha ricordato il libro da cui è tratto.

Sveliamo l‘arcano: l’autore è David Guterson, autore a me totalmente sconosciuto di cui in Italia sono state pubblicate quattro opere. Il libro è “La neve cade sui cedri”, un libro che, attraverso la trama di un giallo, ricostruisce, mi par di capire, la storia dei problemi e dei pregiudizi patiti dagli americani di origine giapponese dopo Pearl Harbor.

Nel frattempo, trascurando un po’ di letture in corso, ho letto un libro che da molto tempo aspettava, non so bene perché, forse perché è un libro di racconti e, per me, i racconti sono letture particolari, che richiedono – ecco il tema che ritorna – un tempo lento. E’ solo un abbaglio, infatti, che il tempo di lettura di un racconto sia più breve di quello di un romanzo: è invece un tempo diverso; il racconto richiede un diverso soffermarsi sulla frase, distillato di una narrazione lunga. Potremmo dire che, a suo modo, un racconto sta tra il narrare in poesia e il narrare in prosa? A suo modo. Materia per un lungo discorso: sul leggere, sui tanti modi del leggere, su quando avviene di non far proprio un libro anche solo perché (e non è un perché da poco) non si riesce a cogliere il ritmo che quel libro richiede. Come quando, ballando con un nuovo partner, si ha difficoltà ad entrare in sintonia, con la musica e con il compagno. Non so, con i libri a me capita così.

Il libro, sarà la prossima recensione, è “Paura della matematica” (titolo di uno dei racconti) di Peter Cameron. Bello. Lento. Da centellinare.

3 commenti su “Racconti, letture del tempo lento

  1. Alessandra
    aprile 11, 2015

    Mah, secondo me dipende sempre dallo scrittore. Se pensiamo ai racconti di Cesare Pavese, ad esempio, allora sì che possiamo parlare di una narrazione tra prosa e poesia, ma lo stesso discorso non vale per altri. Penso che in fondo ogni autore tenda sempre a mettere la sua cifra stilistica in quello che fa, che si tratti di romanzi, poesie o racconti. Credo invece che il racconto, come in parte anche tu hai supposto, sia più impegnativo proprio per il fatto che bisogna “condensare” in minor spazio una storia, evitando di banalizzarla.
    Mi è piaciuta la battuta sulla lettura da gustare a piccoli sorsi, paragonata al piacere dei preliminari, mi ha fatto veramente sorridere! Inutile aggiungere che hai ragione 🙂

    Mi piace

  2. Ivana DaccòIvana Daccò
    aprile 11, 2015

    Certo, non vale per tutti i racconti, ma neppure tutte le poesie sono tali. E’ che non riesco a spiegarmi bene ma, secondo me, al di là di forme metriche, di struttura ritmica, la scrittura del racconto breve, come peraltro quella della fiaba, proviene dallo stesso tipo di struttura di pensiero che, appunto, distilla l’essenziale e lascia al lettore, al ricevente, di fare il resto, di dare corpo al tutto, carne e sangue e storicità.
    E forse è per questo mio approccio che, mentre amo alla follia alcuni racconti, non ne amo molti. Dovrò farci più di un pensiero.
    Non leggo Pavese da quando ero poco più che adolescente, e all’epoca ne ero praticamente dipendente. Mi capita, ultimamente, di ripensare il doverlo rileggere, e ora tu l’hai evocato. Lo evito, credo, respingo la voglia di riprenderlo, per non modificarne il ricordo, chissà.

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: Di cosa parla quel libro? E’ un bel thriller | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

PAP3RS-Il Blog di approfondimento sul mondo della Fisica

Blog con finalità di approfondimento scientifico

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

prima della pioggia

Patrizia Caffiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: