la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Libri per la vita

Questa non è una recensione. Lo potrebbe essere se, con questa parola, per la verità altisonante e impropria per questa scrittura, volessimo indicare non una ma alcune proposte di letture da condividere.  È una visita piccola agli scaffali di una libreria che, in quanto virtuale, può permettersi un catalogo anomalo, un po’ qui e un po’ là, composto di libri talora anche fuori commercio, in ogni modo reperibili – per fortuna esistono le biblioteche, e il benemerito mercato dell’usato; per non dire che esistono vecchi libri di casa (niente di “antico” eh, niente di particolarmente pregiato, se non per un lontano lungo affetto deducibile dalle stropicciature delle pagine, dalle sottolineature e dai commenti a margine (cancellati con risultati precari), dai bordi morbidi di frequentazione e consunzione.

Oggi mi aggirerò, semplicemente, nella mia piccola libreria, impegnata – ed è solo un forse – a organizzare un nuovo scaffale: cosa che comporta il ripensare anche gli altri scaffali, togliendo libri che vi appartenevano, ospiti forse impropri, per inserirvi nuovi inquilini provenienti da altrove. Nel frattempo, il nuovo scaffale prenderà, spero, forma – provvisoria, come tutto ciò che ci circonda al mondo: dopotutto, si vive per tentativi.

Mi farà piacere se entrerete a dare un’occhiata. Potrete assistere ad un fa e disfa, quasi un test, su pochi libri, che tuttavia potrà fornire qualche buon suggerimento di lettura.

Il nuovo scaffale: ha a che fare con il tema, ancora, della “Narrativa per ragazzi” che, mi accorgo, non ho, in effetti, chiarito come avevo cercato di credere, avendo, al massimo, dipanato una piccolissima riflessione su quel costrutto culturale che è l’adolescenza – e sul suo protrarsi, nel nostro mondo, senza che ancora se ne riveli la ormai palese obsolescenza, che lo sta portando a divenire cosignificante, manca poco, di quasi tutta la vita adulta. (Qui).

Avevo provvisoriamente concluso, credevo, un chiarimento sul tema. Ne ero uscita avendo trovato rifugio in racconti di autori cari e fidatissimi. Paley, Carver, Barthelme, autori per me molto vicini alla poesia, e alla fiaba (tutte cose per giovanissimi, essenziali dunque per rimediare al freddo che, di questi tempi, avanza; mi era ancora vicino il calore di John Fante, di William Saroyan).

Ci avevo girato intorno, per ricadere in tema – la buona occasione è stata, sicuramente, l’attesa della nuova traduzione di “Il signore degli anelli” – e scoprire, volendo tener fede alla convinzione cui sono (sempre provvisoriamente) giunta sull’adolescenza, di dover dire addio a uno pseudo titolo.

Nessuna Narrativa Per Ragazzi, dunque: e invece Una Narrativa Per La Vita,

Una Narrativa Per Il Tempo Lungo, il cui filo conduttore dovrà venir afferrato fin dall’infanzia e mai essere lasciato: una narrativa che riconduce alla giovinezza, in cui si ricercano e si incontrano gli universali dell’ascoltare storie e del raccontare; le fiabe, le poesie, filastrocche e tutto quel derivato dell’oralità che oltrepassa la contingenza di un tempo, di un luogo e delle appartenenze culturali.

Che razza di scaffale ne potrà mai uscire, non so. Sicuramente uno scaffale in grande movimento.

Ed eccomi qua. Sul mio tavolo si è momentaneamente riposizionata l’edizione Einaudi curata da Francesco Gabrieli, di “Le mille e una notte che ora posso riporre – primi libri sullo scaffale – avendo scoperto l’esistenza dell’e-book a modicissimo costo; decisamente utile, e non solo per salvare il cartaceo. Ora quel testo è a mia disposizione, apribile ad libitum, anche al buio, così come lo sono le fiabe di Grimm e di Perrault che utilizzo quando ho la fortuna di poter avere con me i nipotini e legger loro una favola a scelta al momento di andare a letto.

Parentesi: Il bello, in questi felici casi, è che la scelta dei bambini ricade sempre sulle stesse fiabe. Notoriamente, i bambini amano molto la ripetizione, e che sia perfetta, che non una sola parola venga omessa (talvolta, si sa, alla terza fiaba richiesta, si può desiderare di tagliar corto, venendo immediatamente ripresi dal pargolo di turno che ti segnala perentoriamente il vocabolo, la frase, mancanti). Tutti, ma proprio tutti i bambini si comportano così. Il fatto è che, non so come né perché, personalmente non ho mai perduto la stessa attitudine ad amare la ripetizione e ripetizione di una favola (rassegnandomi a leggerla, mentre so bene che amerei ascoltarla), e a godere profondamente il piacere del non saltare, o cambiare, una sola parola.

Di più: confesso che un uguale amore per la rilettura, della frase, del passaggio, sempre quello, con quelle parole sapute e risapute, mi attanaglia non solo per le favole  – dove, potremmo dire che il tutto ci sta, come residuo di infanzia, come un bisogno di rassicurazione sulla stabilità del mondo e di ciò che vi avviene, con il finale prescritto quale dispositivo di sicurezza universale per la specie umana, che si regge sul raccontare storie – ma anche per, vogliamo chiamarli i <normali> libri di narrativa. Sono giunta al punto di considerare il fatto di rileggere in questo modo un libro la caratteristica che suggerisce il collocarlo, anche quando ne sia apparentemente lontanissimo, nella categoria della Fiaba, che è molto più vasta di quanto si pensi: Propp insegna.

Nel frattempo, posso collocare sullo scaffale un bel libriccino – ”: Abdelfattah Kilito, “L’occhio e l’ago. Saggio sulle Mille e una notte“, Il melangolo 1994. Ancora da leggere. Vedremo.

A seguire: Wu Ming 4, “Difendere la terra di mezzo”, scritti su J.R.R. Tolkien; con un saggio di T.A. Shippey, editrice Odoja 2013; libro in corso di lettura. Ne saprò dire più avanti, spero; al momento lo sto trovando una utile riflessione, e una ottima informazione su ciò che Tolkien è stato nella letteratura del secondo ‘900; e sulla anomala lettura che di questo grande autore hanno fatto, in controtendenza, l’editoria e la critica italiane.

Ed ecco, si esce apparentemente dal tema con un autore che, invece, in tema ci sta eccome:

Mark Twain, “Seguendo l’equatore. Un viaggio intorno al mondo”, Baldini Castoldi Dalai editore 2010. Traduzione di Dario Buzzolan: in corso di lettura, questo libro sta rallegrando, in pillole, le mie serate (un capitolo per volta); e mi sto proponendo di raccontarne, più avanti, a puntate: perché è lungo; perché è un viaggio, con tutte le riflessioni che il viaggio porta con sé sul luogo in cui ci si trova e (inevitabilmente) sul luogo da cui si proviene. Per oggi mi limiterò all’annuncio e a un breve assaggio.

Premessa: in apertura di ogni capitolo, l’autore pone in esergo una “Massima” tratta dal “Nuovo almanacco di Pudd’nhead Wilson[i]. La prima massima è indicativa di quanto seguirà, e la propongo, ritenendola, oltre che fonte di sorriso, drammaticamente concreta e tale da poter essere tenuta in debita considerazione. Le seguenti non faranno eccezione.

Queste massime di saggezza sono intese ad instradare la gioventù verso alte vette morali. L’Autore non le ha tratte dalla pratica, bensì dall’osservazione. Essere virtuosi è nobile; mostrare agli altri come essere virtuosi è ancora più nobile, e non costa nulla

A seguire: sullo scaffale si posizioneranno “Le avventure di Tom Sawyer” ma, soprattutto, “Le avventure di Huckleberry Finn”.

E per finire, per ora, una bella triade:

Potrebbe mancare, in questo consesso, Rudyard Kipling? Adelphi regala ottime edizioni per:

Puck il folletto”, che finora ho letto, e comunque amato, in un’edizione Newton Compton che, dopo un rapido confronto, ritengo debba venir sostituita;

Storie proprio così”, e andiamo propriamente nella letteratura per bambini, assolutamente gustosa per chiunque a qualunque età. Va detto che, si tratta, in entrambi i casi, di libri che possono essere fonte di grande piacere e grande meraviglia per dei bambini, a patto che non vengano lasciati ad una lettura autonoma precoce. Sono libri che dovranno essere letti loro da un adulto che favorisca la comprensione di  linguaggi e di realtà oggi non familiari, prima tra tutti quella di un mondo naturale sconosciuto. Se questo avverrà, sarà un grande guadagno, per il bambino come per il suo adulto;

I figli dello zodiaco” che non ho ancora mai letto e di cui attendo la lettura con un sentimento di urgenza che dovrò trattenere.

Ultimo, ma non utimo, il libro che sto leggendo e che sarà la prossima recensione: Michael Ende, “La storia infinita“, Longanei e C 1987.

Non è una rilettura. Avevo sempre finto, con i miei figli al tempo bambini, e entusiasti, di averlo letto. Una lettura-debito, dunque, della quale, oggi, li ringrazio tantissimo.

E no, non ho intenzione di, per così dire, inchiodare su questo programma le mie letture, e le conseguenti proposte dei prossimi sei mesi (rispettare un calendario di lettura non rientra tra le mie capacità, ammesso che si tratti di una virtù, e non lo credo) ma certamente, un po’ per volta, intendo costruire lo Scaffale, caricarlo di “Libri per la vita”, dai sette ai cent’anni: per gli anni ulteriori, per chi ci sarà, liberi tutti.

Immagino un miscuglio di generi. Immagino scelte discutibili non sempre ben motivate. Immagino cambiamenti di residenza di libri già presenti nei miei scaffali e traslochi possibili, per non dire frequenti. Gradirei molto commenti e suggerimenti.

_______________________________________

[i] Wilson lo svitato e i gemelli straordinari”, romanzo di Mark Twain. Edizione italiana 2012, editore Mattioli,

 

5 commenti su “Libri per la vita

  1. Alessandra
    maggio 18, 2018

    Affascinata da questa bella carrellata. Da un po’ di tempo trascuro parecchio il genere, attratta come sono da altre letture. Di tutti quelli elencati conosco Rudyard Kipling (Il libro della giungla, che da piccola ho amato moltissimo) e Mark Twain (Le avventure di Tom Sawyer). Di Kipling mi piacerebbe leggere Puck il folletto. Ho appena visto un post precedente, dove accenni anche a Donald Barthelme: ultimamente sono attratta dai racconti, chissà se un giorno ne parlerai (lo spero!)

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      maggio 19, 2018

      Di Barthelme, in effetti, ho finito per scriverne. E’ un autore “apparentemnte” non facile; in effetti, non facile da commentare, facilissim da leggere, a patto di lasciarsi prendere, senza filtri. Mi farà piacere se lo leggerai e, magari, ce ne parlerai.
      Di Twain mi sono sempre chiesta come mai sia molto conosciuto Tom Sawyer (Meritatamente, un bellissimo libro “per ragazzi”; io da bambina ho adorato anche Il principe e il povero, sir Miles, credo si chiamasse così, è stato un mio grande eroe!)) e lo sia molto meno Huck Finn, libro sicuramente più adulto e più interessante; per non dire di molti altri suoi scritti. “Visite in paradiso e istruzioni per l’aldilà”, tanto per dirne uno, è un libro che risana!
      Specialmente se si è un po’ giù, è un autore molto salutare.
      Grazie, a presto

      Mi piace

  2. Alessandra
    maggio 19, 2018

    Hai ragione, avevi postato la recensione un mese fa… e avevo anche letto e apprezzato. Comincio a preoccuparmi per la mia memoria. Spero sia dovuta solo allo stress. Grazie per i consigli.

    Mi piace

  3. Ivana Daccò
    maggio 19, 2018

    Ma vah! La tua memoria va benissimo! Il fatto è che che tra libri letti e libri di cui ci viene parlato da altri il carico è davvero, talvolta, troppo. Ma ci va bene così.
    Grazie ancora dell’attenzione

    Mi piace

  4. zapgina
    maggio 20, 2018

    Bei suggerimenti 🤗

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: