la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Libri per viaggiare, nel tempo e nei luoghi

E a proposito dei legami che, intrecciando una lettura all’altra, fanno sì che da ogni libro si dipanino sentieri per altre letture-viaggi, altri luoghi, altri mondi, oggi vorrei raccontare l’aprirsi di un sentiero, di più sentieri – di una via maestra, in effetti – che rallentano e intensificano la mia lettura in corso.

In questi ultimi giorni – deve trattarsi di una anomala congiunzione astrale – qui da me si sono accumulati libri, aperti sentieri, con desideri e attese disparate, mentre sto fortemente abbarbicata al libro che sto leggendo, fonte, peraltro delle attese e dei desideri che sussurrano al mio orecchio e vorrebbero condurmi su altri percorsi.

Paolo Rumiz, “Trans Europa Express”, Feltrinelli 2012. Si tratta di un libro recente ma non nuovo, mentre una cosa nuova dello stesso autore è in attesa: “Gulaschkanone”, una pièce teatrale, voci narranti.

Breve parentesi. “Gulaschkanone” è il termine, scherzoso, che sta per “Cucina da campo”, attrezzo in cui si infilano/infilavano pezzi di carne e esce/usciva, si fa per dire, spezzatino: il rancio militare. Opera, questa, che si lega al bellissimo, e importante, “Come cavalli che dormono i piedi” (qui).

Una sbirciata veloce a questo piccolo libro (cosa breve, per non farmi attirare, ora, subito, nella sua orbita) ed ecco cosa trovo:

Voce:L’arte di narrare si avvia al tramonto! Capita sempre più di rado di incontrare persone che sappiano raccontare qualcosa come si deve! È come se fossimo stati privati di una facoltà che sembrava inalienabile: quella di scambiare esperienze!”

(…)

“Tutto è cominciato con la guerra mondiale! La gente tornava dal fronte ammutolita, non più ricca ma più povera di storie.”

Il richiamo è forte, ma questo testo dovrà attendere ancora un po’, perché “Trans Europa Express” è un libro di grande intensità, che chiede un’attenzione esclusiva, su di un viaggio che porta alla luce fatti della nostra storia e del nostro oggi, perduti tra l’essere ignorati, l’essere stati scordati, e il bisogno di porli in relazione, perché diventino una storia, un racconto, più racconti e, per questa via, assumano una leggibilità – una, altre saranno possibili, da angolature diverse, immagino, ma unicamente se avremo prima compiuto l’operazione dell’ascolto e del narrare, se avremo fornito di senso i fatti umani e il dove, dentro quale storia, dentro quale mondo, avranno preso vita.

Fino a raggiungere i miti di fondazione delle genti, e dei luoghi, che si incontrano.

Paolo Rumiz è un narratore. Uno vero. Ed è un viaggiatore, che, percorrendo i luoghi, leggendoli, compie un percorso di conoscenza della gente che li abita; stabilisce relazioni, crea legami, raccoglie storie.

Se dunque, con il suo aiuto, riusciremo a catturare luoghi, gente, storie, e a connetterli tra loro, solleveremo un sipario sul teatro del nostro mondo e su popolazioni incluse, per lo più, nella denominazione di Europa – se non politica sicuramente geografica – che erroneamente crediamo a noi note.

Una storia di viaggio, dunque, che richiederà il concordare sulla nozione – ci si muove molto, nel nostro tempo, si viaggia poco, credo, presi come siamo dentro una rete che organizza ogni nostro movimento affinché il nostro mondo venga sempre con noi, come bagaglio appresso; cosicché, saremmo potuti benissimo rimanere a casa nostra, possibilmente con un libro tra le mani che ci racconti i viaggi, quelli veri, che altri avranno compiuto.

Tuttavia, non è ora il tempo per raccontarne. Oggi, qui, vorrei solo dire dei percorsi che un libro come questo ha aperto e che ora premono, come fosse possibile catturarli tutti insieme, in una frenesia che chiede di essere dipanata – e per fortuna non posso procurarmi tutti i libri che vorrei né rimanervi incollata, come l’ossessione richiederebbe.

Mi è occorso un nuovo atlante (in questi ultimi anni gli atlanti, o almeno quelli che trovo io, per quanto si provveda a rinnovarli, non mi soddisfano, così ne ho dovuto acquistare uno nuovo, mentre in realtà cercavo altro; il mio desiderio (di sempre, irrealizzabile) è rivolto ad un mappamondo di dimensioni tali che mai potrebbe entrare in casa (costi impossibili a parte, tanto non se ne fa nulla).

Ho dovuto prendere atto, stupita, di quanto poco io conosca i confini, soprattutto i significati dei confini, che legano le nuove, vecchissime, nazioni della nuova Europa che si va facendo (o disfacendo); di quanto io non sia in grado di <leggere> questi confini e le relazioni che costruiscono e pattuiscono tra loro – dopotutto, un confine è un potente segnale di relazione; anche di una pessima relazione che, come tale, rende il legame tra le parti ancora più intenso e necessario.

Vorrei costruirmi una mappa, per questa lettura, sapendo bene che non ci riuscirò, perché non potrebbe essere fatta di soli nomi e dovrebbe poter contenere, con lo spazio, i tempi, le storie, le persone, i luoghi.

Soprattutto, sento l’urgenza – che un libro come questo fa emergere –  di avvicinare il substrato che regge le storie che Rumiz incontra, il mondo dei miti fondativi, le narrazioni che consentono, anche non sapendolo, alla gente di ogni luogo di possedere una identità e poter agire una narrazione di sé, del proprio abitare luoghi ed esserne parte, costruendovi la propria vita in consonanza.

Ed ecco, da questo libro sono usciti due testi, per ora, uno dei quali è già in attesa sul mio tavolo:

Snorri Sturluson, “Edda[i]”, a cura di Giorgio Dolfini, Adelphi 1975.

L’autore, islandese (1179 – 1241) fu il grande storico e narratore della mitologia dell’area scandinava, di cui curò, con altissima cura filologica, la raccolta dei miti fondativi, dei componimenti lirici ad essi collegati, di una grande tradizione orale.

E già mi sono interrotta, mentre scrivo, per sfogliare il libro, che ora ho riposto, anche perché si tratta di uno di quei libri che, per un verso, riescono a tenermi letteralmente affatturata come, temo, solo i bambini molto piccoli è giustificato facciano ascoltando una storia; dall’altro, richiederebbero, per essere letti in modo utile come meritano, una preparazione che non posseggo. Con il risultato che me li bevo così come sono, così come, penso, a mia giustificazione, dovevano essere ascoltati al tempo loro, quando una voce li narrava.

Mi diranno qualcosa sulle popolazioni che oggi occupano quelle terre? Non credo, non a me, e tuttavia forse sì: senza che io mai venga a saperlo, ecco tutto. Ho sempre coccolato l’idea che le cose che si conoscono veramente si ricavino dai miti, dalle fiabe, e poi, dopo, dalle storie; e che tale conoscenza non salga alla consapevolezza, rimanendo invece dentro di noi, come un sapere inconscio buono, e una cassetta degli attrezzi per la vita.

Lo ammetto, è una convinzione che assomiglia molto a un personale mito fondativo (di me, a giustificazione di tutto il tempo della mia vita dedicato a leggere, attività che, oltre certi limiti, è socialmente considerata altamente improduttiva, soprattutto per una donna della mia generazione, lavoratrice e madre di famiglia).

Disegno raffigurante un Lönnrot peregrinante per i villaggi della Finlandia. In basso la scritta: Unus homo nobis currendo restituit rem (Un solo uomo ci ha restituito una nazione camminando).

Ed ecco allora la mia utile scusante, di tipo fideistico: accogliere i racconti, i miti di diverse genti, consentirà di risuonare con loro, pur nell’incontro che mai avverrà. Ci aiuterà a fornire di senso la nostra vita e acquisire una chiave di accesso a quella degli altri, per poterli incontrare.

So benissimo che la scusa non regge. Temo non si tratti di altro se non del modo di (non)viaggiare di una persona molto pigra. Ma, in mancanza d’altro, e di meglio, se volete provare, funziona.

Ed ora il secondo libro: Elias Lönnrot (1802 – 1884) Kalevala”, raccolta dei testi, di tradizione orale, di canti, di poemi sulle origini e la storia leggendaria del popolo finlandese, data alle stampe dal curatore circa a metà ‘800. Ne esiste, in italiano, anche una versione in prosa, che tuttavia non mi attira.

Di quest’opera io nulla conoscevo (nella mia ignorantia felix, detto in latino per blandire la mia autostima un po’ ammaccata), e sì, lo si trova, difficile decidere in quale versione acquistarlo (curatore, traduzione), essendocene più d’una. Ancora una volta, l’ignoranza non aiuta: se qualcuno ha un consiglio farà cosa grata. Difficile anche decidere se poi lo saprò leggere in modo utile, trattandosi di un’opera in versi, paragonabile, leggo, a un’Iliade finlandese. So solo che, a parte tutto, desidero fortemente questo libro, e che dunque, è inevitabile, me lo procurerò.

Avevo pensato, ne avevo parlato, che c’è il libro che porta ad altre letture e quello che apre un mondo. E c’è il libro che porta dentro di sé molti libri.

Ora, penso che, ogni libro essendo un viaggio, un libro fallito sia solo quello che non porta da nessuna parte e che, dunque, non consente neppure il rimanere, utilmente, dove si è. Come un treno su un binario morto.

____________________________________

 

[i] Cit. da Introduzione, di  Giorgio Dolfini, a: Norri Sturluson, “Edda”, Adelphi 1975, pag. 14:

Il termine (Edda) non è del tutto chiaro nella sua origine e nel suo significato.  Si è pensato ad una forma derivata dal norreno ódhr ‘poesia’ e varrebbe dunque per ‘poetica’. Fu proposta anche l’interpretazione che ne vedeva l’antecedente linguistico nel toponimo Oddi, là dove Snorri ha trascorso parte della propria giovinezza ed acquisito le proprie conoscenze antiquarie: il termine varrebbe ‘Libro di Oddi’ ed in tal modo potrebbe estendersi anche ad altre opere, quali la silloge dei canti ‘antichi’. Altre etimologie (…) appaiono quanto mai problematiche ed insoddisfacenti”

 

7 commenti su “Libri per viaggiare, nel tempo e nei luoghi

  1. ilmestieredileggereblog
    giugno 26, 2017

    Con Paolo Rumiz si va sul sicuro! lo stimo moltissimo. Trans Europa Express è per me il suo migliore, l’ho letto e recensito e lo continuo a proporre a tutti. Gli altri non li conosco e, dunque, non posso esprimermi ma approfitto delle tue parole per metterli in programma di approfondimento

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      giugno 26, 2017

      E certo, a me mancava ma dovevo avere in mente la tua recensione quando, acquistando Gulaschkanone ho trovato anche Trans Europa Express, e ho iniziato a leggerlo per primo.
      Finito di leggerlo stasera, e sto già giocando a controllare mappe, informazioni, a cercare di legare tra loro scoperte, e mille cose che non sapevo a partire dalle specificità di quelle popolazioni, così vicine a noi e così lontane, e di una geografia umana che non conoscevo quanto mi fosse sconosciuta. Per non dire del bisogno di riaprire Primo Levi e Rigoni Stern. E Kapuściński, che adoro.
      Il suo libro migliore, dici? Ha affascinato, decisamente, anche me. Io, finora, ho continuato a proporre/cercar di imporre a tutti “Come cavalli che dormono in piedi”. Un libro la cui emozione non mi ha più lasciata.
      Ammesso che io riesca a ricostruire qualcosa di questa lettura, mi permetterai di rinviare alla tua recensione?
      E grazie.

      Liked by 1 persona

      • ilmestieredileggereblog
        giugno 26, 2017

        Con piacere, Ivana. Abbiamo davvero tanto che ci lega, nelle letture e nelle emozioni che incameriamo. E nella voglia di scoprire, indagare, conoscere, che tali letture ci suscitano. Ogni libro di Rumiz riesce a donare tanto a chi li legge. Quando di lui si dice “maestro” non si mente…

        Mi piace

      • Ivana Daccò
        giugno 26, 2017

        🙂

        Mi piace

  2. Letizia
    giugno 29, 2017

    Bellissima la tua ultima frase, Ivana; concordo pienamente. Dei viaggi sotto forma di libro, io ho fatto la bandiera del mio blog; senza pretese di essere un critico o un esperto letterario, ho semplicemente messo su carta – o su carta “virtuale”, se vogliamo – quello che mi era stato insegnato fin da piccola, dai miei nonni (materni e paterni, accomunati da questa straordinaria visione della letteratura, pur avendo ricevuto una scolarizzazione limitata): Leggere è viaggiare stando comodamente seduti sul divano di casa. E’ così che ho iniziato ad amare i libri in prima elementare e così che ho insegnato ad amarli a mio figlio, che ora inizierà la terza. L’incanto della letteratura è stato da sempre questo, tutto sommato….

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      giugno 29, 2017

      Grazie. Vero che, detto da me, è anche un vergognoso alibi – sono una inguaribile pigra e, tra un viaggio e un libro su quel viaggio da leggere distesa sul mio divano, temo che nel mio caso non ci sia gara. Tuttavia, vedo che ai miei figli in qualche modo devo aver trasmesso, standomene a casa, con l’amore per la lettura anche quello per i viaggi. E la cosa dà soddisfazione,conferma che è vero: leggere è (e induce a) viaggiare.
      Grazie, e complimenti per il tuo blog. Davvero interessante

      Mi piace

  3. Pingback: La magia di uno sguardo sul mondo | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: