la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

“Italiani con la divisa sbagliata”

Come cavalli che dormono in piediPaolo Rumiz, “Come cavalli che dormono in piedi”, Feltrinelli 2014

 

CHE I VOSTRI MULINI TORNINO A MACINARE, CHE I VOSTRI OCCHI SPLENDANO DI NUOVO, CHE LE VOSTRE FALCI DI NUOVO RISUONINO E DI NUOVO CANTINO LE VOSTRE DONNE

Questa iscrizione si trova sulla lapide che orna la sepoltura di un soldato russo, in uno dei quattrocento cimiteri austroungarici di guerra della Galizia, in Polonia, curati dalla Croce Nera d’Austria, l’organizzazione che si occupa di curare i luoghi in cui sono sepolti soldati austriaci. E la Galizia, nei primi sei mesi di guerra, è stata il teatro di uno dei più grandi massacri di quella guerra.

La scritta si trova sulla tomba di uno dei tanti soldati russi che, sepolti in quel cimitero austriaco in Polonia, riceve in quel luogo una cura che non discrimina, nella morte, chi allora fu nemico.

LA MORTE DEL SOLDATO SPEZZA IL CONCETTO DELL’ODIO. AMICO E NEMICO, STRAZIATI DALLE FERITE, SONO DEGNI DI EGUALE AMORE E ONORE

L’Austria-Ungheria avviò la costruzione di quei cimiteri, quattrocento, a partire dal 1916, dunque a guerra in corso, assegnandone la progettazione ai migliori architetti e la cura ai migliori giardinieri.

Paolo Rumiz, triestino, scrittore e giornalista – è il 2013 e le cerimonie per il centenario della Prima Guerra Mondiale sono in arrivo – si interroga, certo non per la prima volta, sul significato del ricordo, sul bisogno di dare una voce ai morti di quella catastrofe, sul bisogno che sente di ‘ascoltare le voci’ di chi ha lasciato la vita su quei fronti di guerra, di conoscerne le storie, e la molteplicità delle appartenenze, che le commemorazioni ufficiali annichiliscono.

Questo libro nasce dal bisogno, dalla volontà di Rumiz di porre a tema la storia di quelli che lui chiama ‘gli italiani con la divisa sbagliata’. E nasce dal ricordo assente di un nonno, Ferruccio Pittaco, non conosciuto perché morto prima della sua nascita, che quella guerra combatté e da cui ritornò. Il ricordo assente, la storia sconosciuta di questo nonno si somma al ricordo di una nonna che, oltre ad arrabbiarsi se qualcuno chiamava la prima guerra mondale “Grande Guerra” (perché nessuna guerra può essere ‘grande’), parlava della ‘guerra del ’14 e, al nipotino che la correggeva (a scuola aveva studiato che la guerra era iniziata nel ’15) rispondeva “Picio mio, noi de Trieste semo ‘ndai in guera nel Quattordici” e chiudeva lì il discorso.

Nasce così un viaggio, alla ricerca di morti ‘ignoti’ che gli appartengono, che sono i ‘suoi’ triestini, i ‘suoi’ trentini, tutti i ragazzi di cui l’Italia, dopo il 1918, ha cancellato persino i nomi – non ‘militi ignoti’, dunque, bensì ‘militi ignorati’ e finanche nascosti, caduti per una patria (se così si può dire) che non era l’Italia, non allora, non ancora, desiderata e anche no.

Partenza da Redipuglia, da quel freddo marmo che gela il ricordo annullando le identità, che obbliga i morti sull’attenti e dove non è permesso portare un fiore. E viaggio, in treno, sulle linee che sono ancora quelle asburgiche di cent’anni fa, su cui hanno viaggiato le tradotte che hanno portato al fronte i ‘nostri’ soldati con le divise diverse. Polonia, Ucraina, Ungheria….

Paolo Rumiz va, armato di lumini, alla ricerca dei ‘suoi’ nonni e le sue pagine sono un fiorire di incontri, di luoghi, di storia, mescolando racconti di trincea, venati di umorismo e impregnati di fatica fame e sofferenza, con storie di popoli, con pagine che esplodono ai nostri occhi paesaggi, boschi, immense pianure e montagne; tramonti, stazioncine asburgiche, paesi dai nomi impossibili e gente, e voci, difficile distinguere, alla fine, le voci dei vivi dalle voci dei morti.

Dalle pagine si alzano, e parlano, tutti, parla la terra e parlano gli alberi che contengono il ricordo e che ne conoscono, soprattutto, la persistenza: di una storia che non si è chiusa, di ferite che, a distanza di cent’anni, ancora provocano sommovimenti in questa nostra Europa che, oggi, si rivela molto meno Europa di allora quando, al tempo degli imperi, non esistevano frontiere e la convivenza, che oggi diremmo interetnica e interreligiosa, nei territori di frontiera, era vita quotidiana.

Si evidenzia la continuità che rende un’unica guerra il periodo 1914 – 1945, e fornisce la chiave di lettura del nostro oggi; che rende ragione di ciò che è avvenuto, nel recente passato, e sta avvenendo in questo momento.

“(…)“Ed è la fine di tutto in quel dannato Quattordici : la fine della politica che non controlla più niente ; la fine del discorso, sostituito da slogan e brandelli di frasi ; la fine dell’individuo, che non può nemmeno indignarsi perché non sa dove si nasconda il burattinaio della sua piccola disgrazia ; la fine dell’uomo contadino figlio di una piccola Heimat, lasciato solo col suo corpo miserabile sotto il peso di eventi immani, uomo che diventa massa, materiale al servizio di un’industria bellica che, a sua volta, è parte integrante dell’economia e non una sua antitesi.

Il viaggio si conclude e ricomincia. Alluvione della Bosnia 2014. Memoria che si ricongiunge, che correla gli esiti della grande ferita del ’14.

Non posso non pensare che, se lo scorso anno si è ‘celebrato’ il centenario dello scoppio della prima guerra mondiale in un’Europa che si vorrebbe unita e in cui ogni nazione ha celebrato (o non celebrato) il proprio, separatamente, incapace di una memoria (e di un’identità) condivise, in questi giorni stiamo ricordando il ventennale del massacro di Srebenica, senza che alcuno osi dare ancora il nome – genocidio – a quei fatti, senza che le responsabilità siano dette e condivise. E allora le parole di Paolo Rumiz risuonano: “Il passante non impara che (…) la guerra moderna si accanisce proprio sui mondi plurali e bastardi, allergici alle identità monolitiche. Non capisce che la pace è finita per sempre nel ’14, con la fine degli imperi, e che da allora la Terra trema ancora, sulle stesse linee di faglia.”

La ricerca dei ‘nonni’, dei nonni di tutti, è finita. I lumini sono stati accesi lungo quel fronte; le voci sono state ascoltate, sono state ritrovate. Sono stati raccolti, e gustati, mirtilli, i più gustosi mai mangiati, prugne, nate su quei terreni concimati dai morti. La terra ha accolto, e pacificato, quei corpi tramutandoli in vita.

La storia si conclude a Redipuglia, dove Rumiz torna, a raccontare di aver compiuto ciò che aveva promesso e chiudere il suo viaggio accendendo i suoi lumini alla base della scalinata e portando un “rancio di lusso”: “Asparagi selvaggi del Carso, salmone affumicato del Dnepr, una scodella di barszcz alle rape rose di Lublino (…).

Mastico lentamente in compagnia delle ombre. Poi stendo una stuoia sul marmo, all’altezza della lettera m come madre, e mi corico a guardare il cielo.”

Si avvicina una cane. “Gli do un po’ del buono rimasto, e lui mi si accuccia vicino. Custodirà il mio sonno fino all’alba del nuovo giorno.”

6 commenti su ““Italiani con la divisa sbagliata”

  1. Alessandra
    luglio 13, 2015

    Un’analisi toccante e commovente. Un libro assolutamente da leggere. Molto significativi anche gli estratti che hai riportato dal libro, che purtroppo ci rimandano a problematiche ancora oggi presenti nel mondo e terribilmente insidiose. Se posso, vorrei segnalarti il blog di una collega che aveva parlato a sua volta, qualche mese fa, di questo libro: http://aspettandoilcaffe.com/2015/02/16/come-cavalli-che-dormono-in-piedi/ Credo che visitando le sue pagine potresti trovare stimoli interessanti anche per altre valide letture 🙂

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      luglio 13, 2015

      Un libro in effetti assolutamente da leggere, impossibie da restituire attraverso una recensione perché ricco di tante storie, collegamenti, riflessioni.
      Grazie per la segnalazione di’aspettando il caffè’. Interessante. La recensione del libro di Rumiz mostra quanto ho detto: le mille possibili angolazioni da cui può essere letto quel libro.

      Liked by 1 persona

  2. Pingback: Ricordi di scuola e altre memorie. | la libraia virtuale

  3. ilmestieredileggereblog
    febbraio 26, 2017

    Sì, anche questo è un libro imperdibile di Rumiz; riesce sempre ad entrare nelle pieghe dolorose e a darne letture che lasciano il segno.

    Liked by 1 persona

  4. Ivana Daccò
    febbraio 28, 2017

    Per me, queto è un libro che sicuramente non rileggerò a breve, se mai lo rileggerò; perché mi è rimasto, e rimane, fortemente presente, una riflessione e un’emozione che continua. Forse anche perché i tempi, diciamo così, ne ripresentificano molti temi.
    Grazie della condivisione

    Mi piace

  5. Pingback: Libri per viaggiare, nel tempo e nei luoghi | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

C’è una vena ma non la trovo

Ognuno è artefice del proprio vino

Se puoi sognarlo, puoi farlo.

Viaggiando, fotografando, leggendo, sognando... non importa come, lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima...

THE REVIEWERS

Parliamo di LIBRI, FUMETTI, SERIE TV, FILM, ANIME, MUSICA E DOCUMENTARI.

La Critichella

Film e serie tv senza peli sulla lingua

Il colibrì

L'Economia e la Politica alla portata di tutti

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: