la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

[Booktag] Olibriadi: una bella condivisione di libri tra lettori.

È un grande piacere partecipare al booktag #Olibriadi,  nominata a farlo da “Fall in books”, un blog che seguo e che ringrazio molto.

Un “gioco” interessante, divertente e produttivo.

Trascrivo innanzitutto le regole per partecipare:

Inserire i creatori del tagIl Salotto Irriverente e D.A.vide Digital Art ;  blog davvero interessanti, che sarà un piacere seguire;

Ringraziare il blog che vi ha taggato;

Inserire il banner del tag (solo se pubblicate un post sul blog): su questo, mi scuserete ma, essendo io, come qualcuno sa bene, un’anziana signora che si arrabatta come può, posso solo confessare che non ho alcuna idea di cosa sia “il banner del tag” 😉

Fotografare i tre libri che più vi sono piaciuti (che avete letto nel 2017) e fare la vostra classifica!

Condividere la foto su Facebook, Instagram o sul vostro blog con l’hashtag #Olibriadi;

Taggare tre persone o tre blog.

 

I libri letti lo scorso anno? Difficile scegliere, ovviamente.

Sicuramente, William Saroyan, “La commedia umana”, Marcos y Marcos 2010 Traduzione di Cludia Tarolo e Marco Zapparoli; a seguire:

Nicolai Lilin, “Favole fuorilegge“, Einaudi 2017

Quale terzo, nella difficoltà di escludere troppi ottimi libri, sceglierò di cambiare genere e proporre:

Zerocalcare, “Kobane Calling. Facce, parole e scarabocchi da Rebibbia al confine turco siriano.”, bao publishing 2016

 

 

Ed ecco tre blog che seguo, cui passare il testimone, fiduciosa nell’assunto dei “sei gradi di separazione” che consentirà a tutti, con pochi passi,  di raggiungere tutti, e utilmente condividere la comune passione per la buona lettura:

Blog di Pina Bertoli

Libri nella mente

E daje, apri sto blog, su

Buona lettura a tutti!

Ivana Daccò

 

 

 

Un commento su “[Booktag] Olibriadi: una bella condivisione di libri tra lettori.

  1. Alessandra
    febbraio 9, 2018

    Grazie per il pensiero Ivana, anche se non proseguo con il booktag. Ricordo bene le recensioni dei primi due libri che hai linkato, di cui avevo apprezzato a suo tempo l’analisi. Di Linin però mi attira anche Educazione siberiana, e sarei tentata (non so perché) di iniziare proprio con questo. Tu nel frattempo l’hai letto?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: