la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

Avviso ai naviganti n°11- qualcosa di personale

Anche in questo caso il titolo è fuorviante: più che mai. Lo uso, per assenza di alternative valide. Perché ho qualcosa, di personale, da raccontare.

È uscito in e-book una mia <fiaba-racconto lungo>, che ho scritto per i miei primi due nipoti – un tempo era stata una fiaba per i miei figli; ma le nonne funzionano meglio, in queste cose; con maggior professionalità.

“Il Paese di Chebello” era stata, a modo suo, un fiaba ecologista ante litteram. Oggi, è scritta per la lettura da parte dei nonni e dei genitori a bambini abbastanza grandi per desiderare, ed essere avviati, a testi più lunghi della fiaba classica; per essere letti a brevi puntate; o perché bambini in prima età scolare inizino a misurarsi con la lettura autonoma.

Età consigliata: 5 – 9 anni: un’età in cui c’è ancora il bisogno-piacere di incontrare la fiaba e la magia; quando i più grandicelli desiderano ancora, magari in privato, regredire un po’; quando c’è il bisogno-desiderio di incontrare storie appena un po’ più articolate senza, per questo, abbandonare la fatina dei denti – per allontanare il sospetto, ormai una quasi certezza faticosamente negata, dell’esistenza di Babbo Natale & co.

E dopotutto, perché negarla? Magari non con il barbone bianco e la divisa della Coca Cola, ma che esista un dispensatore di “regali” ai bambini (buoni per definizione) ed esista un Piccolo Mondo (che troverete nella storia) tutto da conoscere e in grado di fare molto per loro e non solo, ci può stare.

In caso di curiosità, il link è qui :

Troverete una Fata Formica che sorveglia la caduta dei denti da latte dei bambini; una Fata Regina delle formiche e altri abitanti del Piccolo Mondo: alcuni noti (topini, insetti, farfalle ecc.) che conosciamo bene, e altri no. Troverete due bambini speciali (ma anche no), i loro amici, le mamme e, un po’ defilati, i loro papà: prima o poi, in qualche seguito, credo dovranno avere un ruolo di primo piano. Chissà.

Uscirà a breve il secondo e-book, un seguito della storia (richiesto dalla nipote maggiore e dunque obbligato) che dovrà essere dedicato, quel che è giusto è giusto, ai secondi due nipoti.

Poi: se i nipotini sono stati il detonatore, la verità vera è che mi sto divertendo alla grande. Un bel nuovo gioco, tutto per me. Nella speranza di trovare compagni con cui condividerlo.

Amazon: una scelta “pratica”. Affrontare la ricerca di una casa editrice mi avrebbe richiesto un impegno al di sopra dei miei desideri e delle mie capacità.

Non secondariamente: l’e-book è, per me, la scelta che mi permette di selezionare gli acquisti dell’insostituibile cartaceo e della insostituibile editoria. È la scelta (a questo punto costosa, ma pazienza, si fa quel che si può) che mi permette di “raddoppiare” i libri a cui tengo (troppi!) con una <copia d’uso> da avere sempre con me, da segnare, annotare, cancellare, riprendere. È la scelta che mi ha fatto ritrovare libri altrimenti perduti, irrecuperabili.

Ora, dovrò far seguire la versione cartacea – un libro per bambini non può essere fruibile, per loro, nella versione e-book. Non so per il futuro ma, oggi, vedo bambini dotati di tablet per variamente giocare ma non per leggere. E, diciamolo, la veste grafica dell’e-book lascia a desiderare, non dà il piacere del cartaceo, tanto più quando il libro prevede necessariamente illustrazioni cui, nel caso della mia fiaba, ha provveduto una cara amica, dotata di grandi capacità nel lavoro con bambini (maestra elementare e Direttrice Didattica – oggi non si chiamano più così ma io resto legata alle parole del mio tempo).

Ora, per non scivolare in chiacchiere sul mio mai realizzato desiderio di inserire nella mia libreria virtuale un’area ragazzi, chiudo qui.

Una sola aggiunta-scivolone su quest’ultimo tema, perché mi piace, e non so rinunciarvi.

Una citazione: da un romanzo da intrattenimento, l’ultimo di una serie di quattro che ho molto apprezzato – Alice Basso, “Un caso speciale per la ghostwriter” – dove si parla del personaggio di Lisbeth Salander (“Millennium“, di Stieg Larsson, evidenziando il suo debito con il personaggio di Pippi Calzelunghe:

“Le storie per ragazzi sono archetipi che non smettono mai di avere senso: anche loro crescono con noi, si rigenerano in continuazione, e poi te le ritrovi vent’anni dopo vestite da romanzi per adulti dagli stomaci forti. Ma in fondo dicono sempre la stessa cosa.”

 

9 commenti su “Avviso ai naviganti n°11- qualcosa di personale

  1. laulilla
    febbraio 3, 2020

    Non mi intendo molto di fiabe e di storie per bambini, ma non sono nonna! Tutti i miei complimenti, però, per questa impegnativa attività. Credevo di trovare il link, eventualmente per inviarlo a qualche amica nonna, ma non c’è!

    "Mi piace"

    • Ivana Daccò
      febbraio 4, 2020

      Grazie. Ti avevo già risposto, inviandoti il link ma ho scoperto, credo, che non è possibile inserirlo in questo spazio: lo deduco dal fatto che la mia risposta non appare, ipotizzando che l’averlo inserito abbia l’intero messaggio.
      Il link c’è nel post ma, in effetti, è poco visibile.
      Ora è un po’ più evidente, spero. In grassetto.
      In ogni modo, basta scrivere il titolo della fiaba nel motore di ricerca e compare.
      Felicissima se segnali a qualche altra nonna!

      Piace a 1 persona

  2. Baylee
    febbraio 4, 2020

    Ma dai, che meraviglia!😍

    "Mi piace"

    • Ivana Daccò
      febbraio 4, 2020

      Come detto, mi sto davvero divertendo. Da un po’.
      E’ anche un enorme stress.
      Temo vi racconterò il seguito dell’avventura. 😉

      Piace a 3 people

  3. gabrilu
    febbraio 4, 2020

    Che bella cosa! Ma hai dimenticato di inserire il link… non lo trovo…

    Piace a 2 people

  4. Ivana Daccò
    febbraio 4, 2020

    Grazie dell’attenzione. Il link c’è (al solito, un Qui ora in grassetto. Mi sono accorta che, in effetti, era poco visibile. Ho provveduto ad evidenziarlo ma, in ogni modo, basta scrivere Il Paese di Chebello sul motore di ricerca e si trova. 😉

    Piace a 1 persona

  5. zapgina
    febbraio 7, 2020

    Bello, Ivana! e io adoro le favole 🙂

    "Mi piace"

  6. Ivana Daccò
    febbraio 8, 2020

    Grazie! (Le adoro anch’io!)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il febbraio 2, 2020 da in Parliamone con tag , , , .
Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: