la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

“Narrativa per ragazzi”? Forever young!

Avevo preannunciato (si fa per dire) il tema qui, continuando ad accennarvi qui; ed è almeno un mese che rimugino, scrivo, elimino. Con poco risultato.

Non so voi; io, trovo molto difficile mettere a fuoco cosa si intenda quando si parla di “Narrativa per ragazzi”: mentre lascio, fino ad un certo punto, inesplorato il mondo della “Narrativa per l’infanzia” e per la “prima infanzia”, senza peraltro porre confini a queste fasi, diverse da bambino a bambino.

Vorrei giungere ad aprire una nuova categoria – “Narrativa per ragazzi” – partendo dal condividere forse solo l’inizio di una riflessione: suscettibile di variazioni, le più diverse.

Volendo tralasciare l’età che precede la scolarizzazione, con l’apprendimento da parte del bambino della capacità di leggere in autonomia dei semplici testi – storielle, brevi favole – in poco tempo quelle prime semplici storie non saranno più apprezzate da bambini presto desiderosi di ascoltare narrazioni più complesse, pur se non ancora capaci di leggerle in autonomia.

Inizierà la frequentazione assistita dei primi “romanzi”: e solo dopo una prima, una seconda, una terza lettura da parte di un adulto il bambino inizierà a desiderare di leggere da sé <quel> libro, <quella> storia, a desiderare di non dipendere da altri per poterselo gustare ogni qualvolta lo desideri.

Ci sarà la concorrenza non banale del visivo: il confronto tra il piacere di una lettura, o di un ascolto, che richiede impegno attivo, immaginazione, che conduce al sorgere di domande, si confronterà con il piacere, passivo, di guardare un film, un cartone – e oggi la produzione per l’infanzia (non disdegnata dall’età adulta) propone prodotti di indubbio pregio.

Il periodo di vita in cui il bambino scopre il piacere della lettura è particolarmente bello, quando tutto funziona bene. Va da sé che non tutti i bambini ameranno ugualmente l’ascolto di storie prima e la lettura poi; tuttavia, ciò che farà la vera differenza sarà soprattutto, insieme alla scuola, la variabile familiare; che non sarà, non necessariamente, di tipo economico e culturale. Esistono famiglie i cui membri non dispongono di un elevato livello di scolarizzazione, in cui è tuttavia forte una cultura della narrazione, dove ci si sanno godere i bambini condividendo filastrocche, fiabe, indovinelli, giochi di parole nonché storie familiari, miti dei luoghi, tutte cose che creano solide fondamenta nell’attitudine futura a leggere e a narrare; ed esistono famiglie anche di elevato livello socio-economico e di alta scolarizzazione in cui tutto questo non esiste.

Ma facciamo conto che venga vissuto al meglio, da ogni bambino, il momento fondamentale in cui viene scoperta la lettura in proprio, come momento del “sto leggendo, non disturbatemi”, in cui ritrovare la magia di un’infanzia in via di divenire adulta.

Questo momento magico prende avvio con l’avvicinarsi dell’adolescenza, per proseguire in crescendo. Sarà un momento in cui, tra bisogni in precedenza sconosciuti e ancora non ben identificati e un loro soddisfacimento, pare esservi il baratro dell’impossibilità, un sentimento forte di inadeguatezza e il limite durissimo da sopportare dei genitori e dell’autorità, da scalzare ma cui poter tornare, tra fughe in avanti e arretramenti tattici. Sarà un tempo per nuove domande di cui è difficile persino una formulazione: e quale supporto migliore di un libro quando, dentro quel contenitore e dentro quel tempo, il ragazzo, la ragazza, troveranno, in altre fantastiche vite e in altri mondi, dentro altre difficoltà, le proprie vite e le proprie domande.

Nel libro inizieranno   a cercare, anche inconsapevolmente, risposte, l’uno e l’altra – perché ora, se mai lo è stato, non sarà più la stessa cosa essere un ragazzo o una ragazza, anche se tutti i libri parleranno all’una e all’altro; vi sarà dialogo, compagnia, la scoperta di non essere soli di fronte a emozioni divenute troppo grandi, troppo personali, per poterne parlare; dentro un libro andrà bene anche la sola possibilità di cercare, anche senza saperlo, risposte a domande mai formulate eppur presenti; vi si troverà la possibilità di un’evasione – in senso proprio: la possibilità di uscire dall’impossibilità.

Quando tutto andrà bene con un libro, lui e lei verranno catturati per sempre.  Non ci sarà ritorno.

E dunque? Partiamo da qui? Da questo momento magico?

Sappiamo bene come oggi si tenda a far perdurare troppo a lungo quel tempo in terra di nessuno detto “adolescenza”; sappiamo anche come si tratti di un tempo mai esistito, nella storia dell’uomo e dei popoli, fino ad un’epoca recente, la cui attuale dilatazione ha a che fare, nella società occidentale, e solo in essa, con problemi di natura sociale ed economica che rendono faticoso l’accesso al mondo adulto. Abbiamo sostituito, pare, i riti che fissavano un breve tempo di passaggio dall’infanzia all’età adulta, diversi e uguali in popoli diversi e in epoche diverse, con un qualche tempo di nessuno, falsamente libero da doveri e prigioniero di falsi diritti.

Sappiamo bene, credo, che le domande di senso, anche se non l’esperienza, di un ragazzo, di una ragazza, sono domande inesperte e tuttavia già adulte. Così come sappiamo bene che se, con l’avanzare dell’età, cresce la nostra esperienza sociale non altrettanto si può dire, non molto, non sempre, per la nostra domanda di senso; sappiamo che le nostre fragilità permangono, non dipendendo mai, per la loro risoluzione, dal semplice invecchiare, che di suo non porta grandi guadagni. Il trascorrere del tempo costituirà sempre una condizione necessaria al raggiungimento della maturità; mai una condizione sufficiente.

Tuttavia: lui, lei, adolescenti della nostra società complessa, non sono inizialmente sempre in grado di scegliere da sé i libri da leggere. È loro utile avere una proposta, qualcuno da cui farsi consigliare senza dirgli bene di cosa si ha bisogno, anche perché non lo si sa: si sa solo che, dentro un libro, avviene che sia bello stare, al riparo dai problemi e da ore anche difficili. Avviene che dentro un libro si trovino divertimento, compagnia, ma anche problemi da condividere nel piacere di non essere soli. Avviene persino che, dentro un libro, si trovino risposte buone e utili (dimenticando che poiché non era chiaro cosa si stava cercando, si trattava piuttosto del trovare aiuto nel formulare una domanda).

Qui, a questo punto, dovrebbe avvenire la magia: operata dai genitori che, quando in casa si frequentano i libri, dovranno accordare, anzi, implicare, il permesso di rovistare, scegliere, anche, certo, facendosi consigliare ma senza censure. Se al ragazzo/alla ragazza interessa un libro “non adatto” significa che ad esser tale è il giudizio del genitore sui bisogni  e sulla maturità del figlio: il libro lo interessa; significa che va bene per lui. Se il libro fosse davvero inadatto non lo prenderà, o lo lascerà, e ai genitori sarà ben più facile sapere chi è e chi sta diventano il non più, ormai non del tutto, bambino/bambina.

La soluzione, difficile e sola, sarà un buon rapporto che consenta il proporgli dei libri e, soprattutto, sarà la biblioteca pubblica, dove sceglierà da solo, o con l’aiuto del/della bibliotecaria (il cui parere è meglio accolto di quello della mamma o del papà che, per definizione, dopo i dodici tredici anni hanno torto marcio sempre – o quantomeno per molti anni. Anche quando si finge l’ascolto. Anche quando, badando a non farsi cogliere, si dà loro ascolto.

Il massimo si avrà quando i figli scopriranno la mamma o il papà intenti nella lettura del libro che hanno consigliato, o regalato loro. Specialmente quando sarà vero, ed evidente, che se lo stanno gustando.

E dunque: forse non esiste una narrativa “per ragazzi” se non nel senso per cui un libro è soprattutto piacevole da incontrare in un particolare nostro tempo.

Ed ecco che esiste una narrativa per ragazzi: non generica; bensì per quel ragazzo, in quel momento; per quella ragazza, in quel momento.

E dunque: Che fare?

Un tentativo. Di proporre dei libri da categorizzare sotto la dicitura “per ragazzi”, invitando a leggerli (o rileggerli) in quanto libri “per la vita”, libri da recuperare per mantenere vivo il sapere del nostro essere sempre (anche) giovani e saperlo restituire, magari come consiglio, regalo, anche solo di una conversazione, a un giovane figlio figlia amico amica.

Il risultato di questo mio rimuginare dovrebbe essere (a breve) un Nuovo Indice, equivalente a un Nuovo Scaffale, dove possano pescare tutti, non solo ”i ragazzi” (che sospetto fortemente non trovarsi tra i frequentatori di questa “libreria”).

A seguire: divagherò, inserendo qualche libro “per l’infanzia” che trovo ancora piacevole leggere; qualche raccolta di fiabe. Qualche buon romanzo. Perché no? Qualche chiacchierata. Perché mai dovrei essere coerente?

Ieri un’amica mi ha raccontato un simpatico aneddoto familiare, arrivato a proposito.

Da ragazzina è stata una lettrice regolare del “Corriere dei piccoli[i] che il padre le ha procurato fino al giorno in cui, ormai diciottenne, lei gli ha dovuto dire che, forse, non era più di suo interesse.

Da quel momento, in famiglia non è più entrato il grande “Corrierino” mentre la mia amica ha compreso solo dopo molti anni di aver involontariamente causato un dispiacere al padre che, in realtà, lo acquistava per sé, ma non aveva ritenuto di poterlo più fare senza l’alibi della destinazione: “per la bambina”.

___________________________________

[i] Per chi non lo conoscesse, qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Corriere_dei_Piccoli

 

8 commenti su ““Narrativa per ragazzi”? Forever young!

  1. Gurghi
    gennaio 29, 2018

    Ciao! Articolo molto interessante! 🙂 Bellissimi pensieri, uscire dall’impossibilità e affrontare i temi difficili è possibile con la fantasia e le storie, che altrimenti resterebbero “intrappolati” dentro di noi, perché facciamo fatica ad esprimerli. Tuttavia è più vendibile un libro per ragazzi fortemente stereotipato e soprattutto semplice, che ammazza ogni pensiero libero e creativo. Spesso si tende a snobbare la letteratura per l’infanzia e per ragazzi, con la falsa credenza che quei libri siano troppo banali, quando invece ci dicono molto di noi. Il compito è quello di scegliere prodotti non banali e soprattutto curati. Ho visto che hai inserito “Caroline”, che non ho letto, ma dello stesso autore ho letto “I lupi nei muri”, piuttosto perturbante devo dire. “L’isola del tesoro” è in libreria che attende di essere letto!

    Mi piace

    • Ivana Daccò
      gennaio 29, 2018

      Coraline è una favola angosciante che, come tutte le favole, crea il percorso per superare l’angoscia, o svelarne l’inconsistenza. Il punto, come sempre, sta nel fatto che non è la favola a portare l’angoscia al bambino: la favola si limita a saperla presente nel bambino, a farle prender luce, e svelarne l’inconsistenza. Peccato che tutto questo aiuti i bambini a fronteggiare le loro angosce, là dove gli adulti, abbandonando le favole, restano disarmati. Poi, hai ragione, occorre scegliere: ma questo vale per tutta la lettura dove la foresta nasconde l’albero.
      Di Gaiman c’è anche “L’oceano in fondo al sentiero” che è invece, a parer mio, una favola diversa, per adulti, di cui, se vuoi, trovi qui una recensione. Non ho letto, invece, “Lupi nei muri”. Dovrò provvedere.
      Nel frattempo, mi sto ancora arrovellando e invischiando sul tema della narrativa per ragazzi; motivo per cui ringrazio sentitamente per ogni commento a supporto del tema.
      Grazie, dunque.
      NB – L’Isola del tesoro è un inno alla gioia e alla vitalità. Una lettura che fa star bene!

      Piace a 2 people

      • Gurghi
        febbraio 2, 2018

        Mi trovo pienamente d’accordo con quello che hai scritto. Studio tutto ciò all’università e non sai quanto mi fa piacere leggere su questi argomenti. Grazie a te per i buonissimi consigli! 🙂

        Mi piace

      • Ivana Daccò
        febbraio 2, 2018

        Grazie a te. E scusa se sono curiosa: cosa studi?

        Piace a 1 persona

      • Gurghi
        febbraio 3, 2018

        Faccio il secondo anno di Educatore nei servizi per l’infanzia, per fare in futuro l’educatrice nei nidi d’infanzia (0-3 anni). In particolare ho fatto un esame sulla letteratura per l’infanzia, ma spesso questi argomenti saltano fuori anche per altre materie. 🙂

        Piace a 1 persona

      • Ivana Daccò
        febbraio 3, 2018

        Bello! Un futuro lavoro molto creativo, e impegnativo. Non era solo curiosità, sai? Era che non è frequente sentir dire da qualcuno che, in ambito di studio, si sta dedicando a quest’area. E invece, giusto, il Corso di Laurea in Scienze dell’educazione ovviamente lo cura.
        Ho sempre trovato incomprensibile la vera e propria “negazione” che le scuole, in particolare le superiori (non so se solamente italiane) operano di tutto ciò che dopotutto, probabilmente (forse, si spera, è possibile) uno studente porta con s;, del bagaglio di letture da cui prenderà o meno il via una – vogliamo chiamarla prosecuzione? della sua storia di lettore, per non dire di una storia di scrittura. Mai saputo (ma forse è la mia ignoranza, oggi, della scuola contemporanea) che un insegnante di lettere abbia iniziato il rapporto con una nuova classe domandando, chiedendo uno scambio, anche tra ragazzi, sulla loro storia di lettori. Sul bagaglio che portano con sé, per l’appunto. E’ un grosso tema.
        Grazie della risposta.

        Piace a 1 persona

      • Gurghi
        febbraio 5, 2018

        Eh già, quando mi sono iscritta non immaginavo minimamente che sarebbe stato un lavoro così complesso, prevalentemente considerato facile e “massì, lo possono fare tutti”… Solo studiando determinati argomenti ci si rende conto di quanta responsabilità avrò e hanno le educatrici per l’infanzia (e non solo cambiare pannolini ed evitare che si facciano male). Anche io alle superiori non ho mai avuto nessun tipo di confronto, né con i compagni, né con i professori. Solamente una prof (di italiano e storia) ha avuto una grande influenza su di me ed è merito suo se mi sono appassionata alla lettura e alla storia. Però sì, è un grosso tema fortemente trascurato e su cui si dovrebbe investire di più. Perché la maggior parte dei professori pensano a svolgere il programma entro i tempi in moto molto metodico, quando a volte INSEGNARE va ben oltre un programma definito per pagine.

        Piace a 1 persona

  2. Pingback: Dopotutto, la narrativa per ragazzi esiste | la libraia virtuale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog che seguo

Follow la libraia virtuale on WordPress.com

Archivi

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. I contenuti sono di proprietà di lalibraiavirtuale.com salvo diritti di terzi. Alcune foto pubblicate sul blog sono state prese da internet e valutate di pubblico dominio. Se ritenete che la pubblicazione di qualsiasi foto leda i vostri diritti vi invitiamo a scriverci a lalibraiavirtuale [at] gmail [dot] com indicando il materiale di cui chiedete la rimozione. Rimuoveremo nel più breve tempo possibile.
Il grado zero della lettura

di Paola Lorenzini

Unreliablehero

libri e storie di eroi imperfetti

librai clandestini

Letture e riflessioni da una libreria che non esiste (ancora)

libroguerriero

se non brucia un po'... che libro è?

La siepe di more

“I like persons better than principles, and I like persons with no principles better than anything else in the world.” O. Wilde

Fall in "Books"

Innamorarsi dei libri giorno dopo giorno.

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

Pensieri lib(e)ri

"Così ho messo tutto a posto. Sulla pagina, almeno. Dentro di me tutto resta come prima." I. Calvino

Italianostoria

Materiali per lo studio della Lingua e Letteratura Italiana, della Storia, delle Arti

Disturbi Letterari

Blog letterario di Chiara Cecchini, giornalista: Libri, recensioni, commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: